fbpx

Una firma che non ti costa nulla

Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere una modalità priva di costi per te è indicare il nostro 5x1000 nella tua dichiarazione dei redditi: codice 92169370928

2022x

Dona ora

Considera di sostenere la nostra missione e Network con una offerta libera online, con qualsiasi carta di credito. Anche 5 euro al mese possono fare la differenza.

Offerta libera
 EUR
(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

In Italia la legge sulla par condicio non è rispettata. Sul totale del tempo di parola nei telegiornali, il rapporto tra presenze femminili e omologhe maschili è del 13% contro l’87%.

La condizione femminile è però terribile in tutta Europa.

I dati sono agghiaccianti: un terzo delle donne nell’Unione Europea ha subito violenza fisica e/o sessuale. Ogni settimana sono, in media, 50 le donne che perdono la vita a causa della violenza domestica e il 75% delle donne ha subito molestie sessuali sul lavoro.

È per questo che il Parlamento europeo ha chiesto che la violenza di genere, perpetrata nei confronti di donne, ragazze e appartenenti alla comunità LGBTIQ+, esperita online o offline, sia fatta rientrare tra quei fenomeni criminali talmente gravi da presentare una dimensione transnazionale e da perseguire su base comune. Esattamente come il terrorismo, la criminalità organizzata, la tratta di esseri umani, lo sfruttamento sessuale di donne e minori ed altri reati previsti dall’art. 83 TFUE, concernente le competenze dell’Unione Europea nell’ambito del diritto penale sostanziale.

La proposta è stata approvata a maggioranza assoluta, con 427 voti favorevoli, 119 contrari e 140 astensioni. Ne dovrebbe scaturire presto una direttiva Ue che abbia come obiettivi:

  • misure di prevenzione, anche attraverso l’avvio di programmi di istruzione che sensibilizzino su questa tematica;
  • servizi di sostegno e di protezione alle vittime di questi reati;
  • misure di risarcimento;
  • misure di contrasto a qualunque forma di violenza di genere, compresa quella contro le persone LGBTIQ+;
  • standard minimi di applicazione della legge;
  • disposizioni che prevedano la custodia di bambini che vivono in contesti di violenza presso apposite strutture;
  • strumenti di cooperazione tra gli Stati membri e di scambio di prassi, informazioni e competenze.

Già nel 2011 i numeri allarmanti avevano dato il via alla Convenzione di Istanbul (Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica). Il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante volto a creare un quadro normativo completo a tutela delle donne contro qualsiasi forma di violenza. La Convenzione, tuttavia, non è ancora entrata in vigore essendo stata ratificata da 8 Stati (compresa l’Italia) su un minimo di 10.

Per dare una svolta a questa situazione di stallo, di recente la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è impegnata verso un nuovo progetto legislativo. A ciò si aggiunge l’iniziativa degli ultimi giorni del Parlamento europeo. I deputati hanno denunciato i sempre più frequenti casi di femminicidio in tutta Europa e condannato la negazione dell’assistenza all’aborto sicuro. Perché anche questa è una forma di violenza di genere. Gli eurodeputati hanno anche sottolineato l’escalation di casi durante il lockdown e la mancata fiducia da parte delle vittime nei confronti delle autorità e del sistema giudiziario. Tutti elementi allarmanti, da combattere tramite una legislazione comune, che contempli strumenti efficaci e sempre più urgente.

Vuoi contribuire a far crescere i contenuti di questa piattaforma? Invia la tua proposta di articolo a info@horse-angels.it

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.