fbpx

Una firma che non ti costa nulla

Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere una modalità priva di costi per te è indicare il nostro 5x1000 nella tua dichiarazione dei redditi: codice 92169370928

2022x

Dona ora

Considera di sostenere la nostra missione e Network con una offerta libera online, con qualsiasi carta di credito. Anche 5 euro al mese possono fare la differenza.

Offerta libera
 EUR
(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

Nessuno tra gli italiani vuole più fare l'artiere... si ricorre dunque a extracomunitari, spesso sottopagati, in nero, e non di rado fatti vivere in containers o box cavalli.

Quello che è in ballo è l'etica del lavoro, la retribuzione, gli orari e i benefici annessi, per una professione fortemente discriminata, quella del groom, artiere in italiano.

In questi giorni, durante il FEI Sports Forum 2022 di Losanna, in Svizzera, la FEI ha formalmente riconosciuto l'International Grooms Association (IGA) firmando un Memorandum of Understanding (MOU). L'IGA è un'organizzazione senza scopo di lucro fondata da Lucy Katan, una ex groom diventata avvocato che ha costruito l'organizzazione con l'obiettivo di migliorare le condizioni di lavoro e ottenere una maggiore rappresentanza e riconoscimento della carriera di chi si occupa di pulire box e cavalli in scuderia, e non di rado anche di movimentarli per tenerli in forma.

Ma cosa cambia per i groom e artieri italiani degli sport equestri e dell'ippica della base? Ancora nulla, fino a che i groom e gli artieri italiani non faranno rispettare i loro diritti e non si organizzeranno in un sindacato italiano, o iscriveranno a quelli già esistenti, per aver riconosciuti i loro diritti per una paga giusta, le ferie, l'assicurazione, i permessi per malattia, gli accantonamenti per la pensione.

E considerato che la maggior parte delle persone che fanno attualmente questa professione in Italia sono extracomunitari, possiamo pensare che siano assunti appositamente perché, a differenza dei colleghi cittadini italiani, non possano fare tante storie sulla paga e sui diritti.

Brutta storia. Speriamo che queste discriminazioni abbiano a interrompersi il prima possibile e che la formazione e professionalità degli artieri, di qualunque nazionalità siano, sia avvalorata dalle giuste tutele perché da un bravo groom o artiere può dipendere il benessere primario dei cavalli. Si tratta dunque di figure fondamentali di scuderia, non di posizioni professionali sulle quali speculare per il massimo risparmio.

Leggi anche:

Il mestiere dell'artiere e del groom

Qualcuno ci pensa ai groom?

Vuoi contribuire a far crescere i contenuti di questa piattaforma? Invia la tua proposta di articolo a info@horse-angels.it

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.