fbpx

Una firma che non ti costa nulla

Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere una modalità priva di costi per te è indicare il nostro 5x1000 nella tua dichiarazione dei redditi: codice 92169370928

2022x

Dona ora

Considera di sostenere la nostra missione e Network con una offerta libera online, con qualsiasi carta di credito. Anche 5 euro al mese possono fare la differenza.

Offerta libera
 EUR
(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)
Kone Losseni. Un eroe ippico, morì per salvare un cavallo, era arrivato in Italia con i barconi nel 2016, unico lavoro possibile, l'artiere.... ora la famiglia chiede giustizia, non bastano i ringraziamenti, la sicurezza sul lavoro è fondamentale.
Kone Losseni, 23 anni, affogò nel laghetto del centro di allenamento di Migliarino mentre cercava di recuperare un cavallo da corsa che era finito nel laghetto. Successe 2 anni fa. La procura voleva archiviare il procedimento e la famiglia si è opposta.
 
Difesi dagli avvocati Alessandro Zarra e Tiziano Checcoli, i familiari di Kone Losseni hanno chiesto e ottenuto che l'evento fosse considerato un "incidente sul lavoro" per evidenziale le eventuali responsabilità connesse.
 
Ora la Procura ha chiesto di processare l’imprenditore aziendale responsabile dell'allevamento e il giudice dovrà decidere se rinviarlo a giudizio o meno.
Al di là della vicenda specifica, per la quale è deputata a decidere la magistratura, rimane un fatto: artieri e groom in Italia non sono sufficientemente tutelati.

Avrebbero diritto ad equa paga, assicurazione, giorni di riposo e ferie, un contratto regolare di lavoro, insomma.

Altrimenti che ce ne facciamo che la FEI ha riconosciuto i groom? L'Italia cosa riconosce, il caporalato ippico ed equestre?
 

Vuoi contribuire a far crescere i contenuti di questa piattaforma? Invia la tua proposta di articolo a info@horse-angels.it

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)

cc by nc nd 300x104

Sorry, this website uses features that your browser doesn’t support. Upgrade to a newer version of Firefox, Chrome, Safari, or Edge and you’ll be all set.