Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Codice 92169370928


Sulla base della loro analisi dei documenti che hanno studiato e di 27 interviste a persone interessate al tema degli abusi sessuali nello sport, due ricercatori canadesi, Parent e Deners (2010), propongono un modello per prevenire l'abuso sessuale nello sport.

Evidenziano la necessità di affrontare i fattori che impediscono l'effettiva attuazione delle strategie di salvaguardia. A livello nazionale, raccomandano la creazione di un organismo che funga da risorsa per le organizzazioni sportive. Questo organismo potrebbe progettare e fornire formazione, attività di sensibilizzazione e servire da punto di riferimento generale. La formazione è consigliata anche per coloro che lavorano a livello di federazione e club.

Parent e Deners evidenziano anche la necessità di barriere sia esterne che interne. Le barriere esterne riguardano il reclutamento di personale (ad es. Controlli di base, procedure di assunzione, ecc.). All'interno delle organizzazioni dovrebbero essere istituite barriere per creare una cultura positiva che prevenga gli abusi sessuali (ad es. Attraverso politiche, formazione e procedure). Si sostiene che l'adozione di questo modello affronterebbe la gamma di fattori che pregiudicano l'effettiva attuazione delle strategie di prevenzione.

Questi includono:

  • 1. Una visione negativa della prevenzione: si è scoperto che le principali parti interessate banalizzano l'impatto e l'efficacia delle misure. C'era anche una certa preoccupazione che le misure avrebbero portato alla percezione che ci fosse un problema di fondo;
  • 2. Mancanza di leadership: la prevenzione degli abusi è stata vista come una questione di bassa priorità e questo punto di vista si è riflesso nelle risorse e nel personale destinato alla prevenzione;
  • 3. Approccio reattivo: spesso è stato necessario un caso reale per far capire alle organizzazioni che non erano attrezzate per affrontare il problema. Ciò ha comportato misure reattive piuttosto che proattive;
  • 4. Poco screening pre-assunzione - è stato riferito che i volontari non sono stati sottoposti a controlli preliminari prima di lavorare con i giovani;
  • 5. Mancanza di formazione per le parti interessate - è stato osservato che i partecipanti non avevano ricevuto alcuna formazione sulla prevenzione dell'abuso sessuale nello sport;
  • 6. Confini interpersonali poco chiari - mancava il consenso in termini di tipi di comportamenti che erano e non erano appropriati;
  • 7. Politiche inefficaci - queste tendevano ad essere troppo complesse o riguardavano solo i dipendenti della federazione piuttosto che tutti quelli che lavoravano a tutti i livelli.

Motivi per seguire i consigli della ricerca canadese

A livello organizzativo, questo approccio offre una visione olistica che incorpora un'ampia gamma di fattori rilevanti. È stato anche sviluppato nel contesto canadese e come tale offre una prospettiva diversa dagli esempi europei. Ciò è particolarmente vero a causa del fatto che è stato sviluppato intervistando amministratori (a livello di federazione e club), allenatori, atleti e genitori. Pochi studi hanno preso in considerazione questo problema da tutte queste diverse prospettive all'interno di un singolo progetto.

Valutazione: limiti e possibilità dell'iniziativa

Al momento il modello rimane a livello teorico. È necessario attuare e valutare questo approccio per esaminare la misura in cui ha un impatto su atteggiamenti, conoscenze e comportamenti relativi agli abusi sessuali nello sport. Inoltre, i dati sono stati ricavati da documenti e individui all'interno di tre circoli di tre federazioni sportive, quindi una ricerca qualitativa ma quantitativamente limitata. I dati del colloquio sono influenzati dalle percezioni degli intervistati, che sono vulnerabili ai pregiudizi riguardo al richiamo e alle caratteristiche della domanda della situazione. Le strategie che gli individui vedono come potenzialmente efficaci potrebbero non avere, nell'irrealtà, l'impatto previsto. Altro limite, gli intervistati non erano né vittime, né abusatori, e quindi la loro percezione del problema è indiretta.

Riferimenti allo studio
Parent, S. & Deners, G. (2010). Sexual abuse in sport: A model to prevent and protectathletes. Child Abuse Review, 20, 120-13

Considera un sostegno alla nostra missione