Traduci

Italian English French Spanish

Motore di ricerca interno

Il 5xmille a Horse Angels

Codice 92169370928

L'endotossiemia nei cavalli è una grave condizione medica che richiede una diagnosi e un trattamento veterinario tempestivi per prevenire risultati gravi, anche fatali.

Si tratta di una patologia sistemica provocata da alcuni batteri (come Salmonella ed E. coli) che viene rilasciata quando questi batteri muoiono, di solito nel tratto digestivo. Normalmente, una barriera intestinale sana insieme a un sistema immunitario ben funzionante impediscono alle endotossine di entrare nel flusso sanguigno provocando l'intossicazione generale.

Tuttavia, quando i sistemi di difesa del corpo sono sopraffatti da una grande quantità di endotossine rilasciate da un enorme decesso batterico o quando gli enzimi, gli anticorpi e i globuli bianchi che fungono da secondo strato di difesa falliscono, può verificarsi l'endotossiemia.

L'endotossiemia non trattata o che non risponde al trattamento può portare a shock, una condizione medica pericolosa per la vita che si verifica quando il sistema circolatorio si arresta.

Cause nei cavalli

L'endotossiemia di solito si verifica a seguito di un'altra malattia e queste malattie possono essere suddivise in due categorie: eventi intestinali ed eventi non intestinali.

  • Eventi intestinali: coliche o coliti causano una rottura della barriera intestinale e permettono all'endotossina di fuoriuscire nel flusso sanguigno.
  • Eventi non intestinali: infezione batterica nel sangue (setticemia), problemi post parto e malattie respiratorie come la polmonite.

Segni e sintomi

È insolito che un cavallo adulto sviluppi un caso di endotossiemia senza una malattia di base, quindi un proprietario noterà prima coliche, feci molli, malattie respiratorie, segni di un'infezione batterica o un parto difficile. Il cavallo affetto e non trattato, o che non risponde al trattamento, agirà depresso o letargico, in disparte dal branco o in piedi con la testa e il collo pendenti in basso. Anappetenza, rifiuto di bere, sono altri sintomi. Invece di essere di normale colore rosa, le mucose (come le gengive in bocca) possono essere più pallide del solito, più scure "rosso mattone" o avere una sfumatura blu o viola. Ulteriori segni che un cavallo può avere endotossiemia includono un'alta frequenza cardiaca, un'alta frequenza respiratoria, la febbre, la diarrea acuta e segni di disagio addominale (coliche) come calciarsi la pancia, il rotolamento e la sudorazione massiva.

Diagnosi e terapia
L'endotossiemia è una condizione che è meglio prevenire che curare, quindi il miglior consiglio è di contattare il proprio veterinario al primo segno che il cavallo è intossicato.

Il veterinario, raccolta l'anamnesi, eseguirà un esame fisico completo sul cavallo e probabilmente farà un prelievo di sangue per un conteggio completo delle cellule del sangue e analisi chimica del siero. Di particolare preoccupazione sono la motilità intestinale ridotta, il tempo di riempimento capillare ritardato o il tempo di riempimento giugulare fuori dalla norma e la presenza di una "linea tossica" rosa / rossa o blu / viola nelle gengive appena sopra i denti.

Il trattamento deve essere iniziato immediatamente affinché il cavallo abbia le migliori possibilità di guarigione. Prevede:

  • Eliminare la fonte di endotossina trattando la malattia di base come coliche, malattie respiratorie, un'infezione riproduttiva o altra fonte di batteri
  • Neutralizzare qualsiasi endotossina già nel sangue
  • Somministrazione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per bloccare l'infiammazione
  • Fornitura di liquidi per via endovenosa per pulire il sangue

Come prevenire l'endotossiemia nei cavalli
Poiché la maggior parte dei casi di endotossiemia nei cavalli deriva da altre malattie, in particolare disturbi intestinali, è importante essere in grado di riconoscere un cavallo malato e contattare un veterinario per una diagnosi e un trattamento tempestivi. Ecco altri modi per evitare il rilascio di endotossine batteriche:

  • Apportare cambi di alimentazione graduali
  • Evitare di introdurre improvvisamente o bruscamente un nuovo alimento nella dieta di un cavallo
  • Somministrare i cereali solo in piccole razioni, casomai più volte al giorno se necessario, e non in un pasto unico abbondante
  • Prediligere il fieno o foraggio nell'alimentazione del cavallo. Anzi il pascolo o fieno dovrebbe essere l'unico alimento a volontà, mentre le granaglie una integrazione - se necessaria - per lavoro, sport o malattia
  • Evitare di somministrare al cavallo cibo fermentato, integratori o altri alimenti che non sono stati conservati correttamente e che possono acidificare il tratto digestivo o apportare contaminanti come la salmonella e l'E.coli
  • Praticare una buona igiene intorno ai cavalli
  • Praticare la quarantena al cavallo intossicato per limitare l'esposizione a soggetti sani

Considera un sostegno alla nostra missione