Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Codice 92169370928

La solita storia del maneggio fallito, e dell'ex istruttore che non riesce a staccare la spina, dove i cavalli magri vengono sballottati a destra e a sinistra, senza che chi ne è proprietario paghi la pensione dei luoghi che occupa, o si avveda che la cosa diventa insostenibile.

Questi cavalli hanno fatto il giro dell'Emilia Romagna con la compiacenza delle autorità sanitarie competenti per salute e benessere, che oltre a fare delle multe, a personaggi non in grado di pagarle, nel sistema Italia dove la tutela equina deve essere a costo zero o non essere, non hanno provveduto a fermare il reato di abbandono seriale, cosicché l'irresponsabile imperterrito ha continuato a mettere a carico di terzi inconsapevoli i propri cavalli, anziché vendere o regalare gli animali come avrebbe presupposto un'azione logica, di presa di coscienza di non essere in grado di mantenerli.

Ora sono 7... nell'ultimo avvistamento, in un altro maneggio fallito e chiuso di Parma dove erano stati appoggiati, erano 11. C'è chi li ha visti di persona che ci assicura che sono gli stessi. La storia sembra coincidere, e dovrebbe riguardare codesto personaggio che ha appoggiato i cavalli in più maneggi, dove sempre è uscita la ASL veterinaria allertata da gestori o avventori ma, a parte contravvenzioni, è evidente che il sequestro non sia stato fatto, se il personaggio è stato in grado di trovare qualcun altro a cui abbandonare i cavalli.

I cavalli che mancano, o hanno trovato una sistemazione diversa, cioè sono stati abbandonati in un'altra scuderia, o sono morti di fame sotto gli occhi delle predette autorità, che non hanno provveduto al sequestro, ovvero a fermare l'abbandono seriale.

Eppure il codice penale italiano è chiaro: L'abbandono è un reato previsto all'articolo 727 c.p.: “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda da 1.000 a 10.000 euro.

Ora, chi volesse aiutare la Cooperativa Dulcamara, di Ozzano (BO), ultima depositaria dell’abbandono che ha toccato diverse tappe in Emilia Romagna durante l'estate, lasciando debiti insoluti, può chiamare il numero 051/796643 o mandare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Intanto, pare chiaro che servirebbe una black-list di questi personaggi, purtroppo numerosi in Italia, che non riescono a staccare la spina e che pensano che a mantenere i loro cavalli debbano essere terzi inconsapevoli.

Considera un sostegno alla nostra missione