(Tempo di lettura: 1 - 2 minuti)

In data 30 settembre 2019 Pietro Di Blasi era stato radiato dalla FISE “per aver abusato sessualmente della sig.ra (omissis) in occasione del rientro dall’Aquila in data 14.12.2015 all’interno della propria autovettura presso il Circolo (omissis)".

La sentenza sportiva di primo grado citava il principio generale dell'indipendenza del giudizio sportivo rispetto all'ordinario, come ribadito dall’art. 57, comma 5, lett. a), R.G., secondo cui “l’azione disciplinare è promossa e proseguita indipendentemente dall’azione penale relativa al medesimo fatto”.

I fatti risalirebbero al 2015. La procura Generale dello Sport aveva trasmesso nel 2019 alla procura federale della FISE una nota relativa all’articolo apparso su Corriere.it, riportante la notizia dell’abuso che il signor Pietro Di Blasi (Cariche Societarie ricoperte: Rappresentante dei Tecnici Circolo Ippico (omissis); Cariche della Federazione ricoperte: Istruttore Federale 3° Livello), avrebbe perpetrato nel dicembre 2015 a danno di una allieva diciottenne, presso un circolo ippico federale.

Per la sussistenza dei fatti, ovvero per la radiazione, a riprova un reinvio a giudizio presso il Tribunale penale territoriale di competenza per il reato punito dall'art.609 bis del cp, violenza sessuale, che in primo grado aveva emesso una condanna alla pena di anni 1 e mesi 10 di reclusione, concedendo all’imputato i benefici di legge.

L'istruttore radiato ha fatto però appello. In giudizio sportivo, con sentenza della Corte d'Appello della FISE dell'11 dicembre 2019, la radiazione è stata commutata alla sospensione per un periodo di 5 anni.

Per il penale, l'impugnazione depositata dal legale di Di Blasi, l'Avv. Linda Pesaresi, alla Corte di Appello di Roma in data 26 luglio 2019, non è ancora stata decisa ed è tutt'ora pendente.

Il giudizio sportivo:

La sentenza di primo grado

La sentenza di secondo grado

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

***Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Charityware. Significa che i documenti che si possono scaricare sono utilizzabili gratuitamente come risorse aperte, mentre è gradito che il visitatore che trova utile il nostro sito web ci supporti attraverso azioni dirette o indirette di beneficenza (donazione o 5x1000). Gli articoli sono rilasciati con licenza Linkware, significa che si possono condividere e anche citare riportando il link alla fonte Per i beni promozionali in cessione con spedizione al sostenitore, come i libri o le bomboniere solidali, vale la licenza Charityware, con donazione suggerita.

Non riceviamo sostegni pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR