Il 5xmille a Horse Angels

Codice da inserire:

92169370928

A pochi giorni dalle elezioni del nuovo Presidente Anact (associazione nazionale allevatori cavalli da trotto), Horse Angels aveva fatto il suo endorsement a Ubaldo La Porta, per l'ultimo punto del suo programma elettorale che riguarda il ricollocamento dei cavalli a fine carriera nel trotto. La Porta, oggi 29 luglio 2020, ha vinto le elezioni, ora mantenga le promesse. A noi sta a cuore l'ultimo punto del suo programma elettorale, che gli è valso il nostro endorsement. Incrociamo le dita che sia in grado di portarlo a termine.

Il programma elettorale di Ubaldo La Porta, professore associato di diritto privato presso l'Università degli Studi di Bergamo e Notaio:

  • Un accurato riordino dell’Ente, innanzitutto; funzionale alla sensibile riduzione dei troppi costi, almeno per quanto risultante dal bilancio relativo all’esercizio 2018, che consenta di liberare risorse a favore degli associati, premiando lavoro e qualità.
  • Il pieno recupero della collegialità delle decisioni, “partendo dal basso”. Il ripristino del corretto funzionamento delle assemblee regionali, molte delle quali (Lombardia, Veneto, Sicilia almeno) mai convocate dai delegati regionali negli scorsi quattro anni e alla cui prima riunione post elettorale sarò personalmente presente in caso di buon esito della competizione, è unica garanzia di partecipazione alla vita associativa. Occorre che il delegato regionale rappresenti, in consiglio, le istanze del territorio maturate nel confronto assembleare locale e si ponga quale costante elemento di raccordo tra il vertice e la base.
  • ubaldoIl recupero della dignità dell’Associazione in quanto Ente al servizio degli allevatori italiani. La rivendicazione del suo ruolo nel sistema complesso dell’ippica italiana impone di abbandonare immediatamente la politica del favore, della questua, della relazione personale privilegiata con questo o quel soggetto, per lasciar spazio a rapporti istituzionali corretti e formali, svolti nel rispetto delle regole e con piena trasparenza dell’azione associativa.
  • Lo sviluppo di un’azione politica complessa che miri ad attrarre nuove risorse e a sollecitare nuovi investimenti nell’intero settore ippico, necessari a lasciarci alle spalle, definitivamente, la mortificante stagione dell’assistenzialismo. Occorre fare impresa e attrarre investimenti, premiando la produzione secondo le regole del mercato, rivendicando con la crescita e la produttività premi e provvidenze.
  • La salvaguardia della qualità dei cavalli da trotto italiani e dell’eccellenza espressa dai nostri allevatori a livello mondiale.
  • La cura e il benessere del cavallo dovranno costantemente tener desta l’attenzione dell’Associazione, la cui azione, in questo ambito, sarà diretta a favorire l’adozione delle migliori tecniche di allevamento per i nostri associati e a promuovere iniziative atte a assicurare a stalloni e fattrici un percorso di fine carriera dignitoso anche attraverso convenzioni con enti esterni.

Soprattutto per l'ultimo punto, Horse Angels chiede a La Porta, in caso di elezione, di passare dalle parole ai fatti, coinvolgendo nel percorso la scrivente associazione che, per la promozione del fine vita dignitoso dei cavalli indigeni, è impegnata dall'atto di costituzione.

Ti è piaciuto questo articolo? Metti un like o condividi, grazie.

Non riceviamo sostegni pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR