(Tempo di lettura: 10 - 19 minuti)

Il salto ostacoli è un termine che identifica una disciplina dell'equitazione, la quale vede impegnato il binomio uomo-cavallo, nell'interpretazione e risoluzione di un percorso ad ostacoli. Nell'accezione comune, si parla di concorso ippico.

L'altezza degli ostacoli, la difficoltà del percorso e il numero di ostacoli da superare dipende dalla categoria alla quale si partecipa e dalla preparazione atletica di cavallo e cavaliere. L'altezza degli ostacoli varia dai 40 cm a 1,60 m (e possono superare i 2 metri nelle gare di potenza) con categorie intermedie di 60, 70, 80, 90, 100, 105 (categoria riservata ai pony), 110, 115, 120, 125,130, 135, 140,145, 150, 160 (il gran premio è la categoria di salto di maggiore difficoltà tecnica, dotata del montepremi più alto della giornata e non è sempre e necessariamente la categoria più alta del concorso). Il numero di ostacoli varia da 6 a 13 (per i pony che fanno le 40 gli ostacoli sono solo 6) con eventuali combinazioni di più ostacoli dette gabbie.

Classificazione degli atleti umani

  • Giovanissimi: età compresa tra i 4 anni e i 12 anni;
  • Children: età compresa tra i 12 e i 14 anni;
  • Juniores: età compresa tra i 14 e i 18 anni;
  • Young riders: età compresa tra i 18 e i 21 anni;
  • Seniores: età superiore a 21 anni;
  • Veterani: amazzoni di età non inferiore ai 45 anni e cavalieri di età non inferiore ai 49 anni;
  • Amazzoni: concorrenti di sesso femminile a partire dal 19º anno di età.

Classificazione Patenti

Per poter gareggiare nei concorsi autorizzati dalla FISE, ai fini delle selezioni olimpiche, i cavalieri e le amazzoni devono essere tesserati presso un centro autorizzato FISE o affiliato, e devono essere titolari di una "patente" che ne attesti l'idoneità a gareggiare in determinate categorie. Si può avere una formazione in SO anche in circoli equestri non FISE, ma se si vuole fare una carriera agonistica ai fini delle Olimpiadi, si dovrà poi avere anche una tessera FISE per le competizioni valevoli alle selezioni della squadra italiana alle gare del campionato validato ai fini della partecipazione alle Olimpiadi.

Le patenti

  • A: viene rilasciata dal centro ippico, consente di partecipare, dopo 6 mesi dal rilascio, a categorie fino 80 cm di altezza
  • B (brevetto): Permette di poter partecipare a categorie di altezza massima 115. Il brevetto viene rilasciato dall'istruttore o può essere conferito con esame teorico e pratico
  • G1 (primo grado): autorizza a partecipare a categorie di altezza compresa tra 115 cm e 135 cm.
  • G2 (secondo grado): consente di saltare dai 135 in su.

Concorsi

I concorsi ai quali si può partecipare si differenziano tra loro per la progressiva difficoltà (altezza e complessità del percorso), per il tipo (a tempo, di precisione, ecc.). In Italia esistono vari tipi di concorsi sia nazionali che internazionali.

Concorsi nazionali:

  • Concorsi sociali, sono quelli non finalizzati a selezione
  • Concorsi nazionali "C": sono concorsi di un giorno e comprendono categorie ludiche e agonistiche
  • Concorsi nazionali "B": sono concorsi che si svolgono su due giornate
  • Concorsi nazionali "A": sono concorsi che si svolgono su 3 giorni comprendono categorie da 40 a 145 cm

Concorsi internazionali

  • Individuali: si distinguono per il numero di stelle (fino a 5)
  • A squadre: vince il team migliore

Categorie

In ogni concorso di SO possono essere programmate una serie di categorie, che si differenziano in base all'altezza prevista per i vari salti. Le categorie sono aperte sia ai pony che ai cavalli, con esclusione di quelle specificatamente riservate:

  • L40: (categoria per pony e cavalli) patente: A. Senza combinazioni, ostacoli n°6.
  • L60: (categoria per pony e cavalli) patente: A. Senza combinazioni, ostacoli n° 6.
  • LP70: altezza massima 70 cm.
  • LB(P)80: con cavalieri muniti di patente A oppure B, in questa categoria sono previsti percorsi di precisione o di regolarità quando alla manifestazione partecipano sia pony che cavalli se invece sono riservate pony o viceversa possono avere anche la gabbia e possono essere percorsi di equitazione a fasi consecutive a barrage normalmente questi percorsi si trovano nei campionati regionali i più comuni sono quelli di precisione e di regolarità.
  • B(P)90: con cavalieri muniti di patente B Percorso di 10 ostacoli altezza massima 90 cm larghezza massima 90 cm cm con una combinazione facoltativa (gabbia). Può essere programmata nelle seguenti formule: precisione, barrage di precisione, regolarità.
  • B(P)100: altezza massima 100 cm con una gabbia obbligatoria o doppia gabbia facoltativa. Può essere programmata con le seguenti formule: precisione, barrage di precisione, regolarità. È necessaria la patente B per potervi partecipare.
  • B(P)105: con cavalieri muniti di patente B. Percorso di 10 ostacoli altezza massima 105 cm con una o due gabbie obbligatorie o con doppia gabbia facoltativa. Può essere programmate nelle seguenti formule: precisione, regolarità, barrage di precisione, barrage, barrage consecutivi, fasi consecutive.
  • B(P)110: altezza massima 110 cm con una o due gabbie obbligatorie. È necessaria la patente B. per potervi partecipare.
  • C(P)115: altezza massima 115 cm con presenza di una gabbia. Eventuale riviera di larghezza massima 3 m Per questa categoria sono ammessi anche i titolari di patente di B. (che non sono ammessi a categorie di altezza superiore fino al ritiro del G1)

Categorie riservate alle patenti G1:

C(P)120: altezza massima 120 cm con presenza di una o due gabbie e/o una doppia gabbia. Eventuale riviera di larghezza massima 3,10 m
C(P)125: altezza massima 125 cm con una o due gabbie e/o una doppia gabbia. Eventuale riviera di lunghezza massima 3,20 m
C(P)130: altezza massima 130 cm con una o due gabbie obbligatorie e/o una doppia gabbia. Eventuale riviera di larghezza massima 3,30 m
C(P)135: altezza massima 135 cm con una o due gabbie obbligatorie e/o una doppia gabbia. Eventuale riviera di lunghezza massima 3,40 m

Categorie riservate alle patenti G2:

C140: categoria riservata a cavalieri ed amazzoni muniti di 2º grado, altezza massima 140 cm con una o due gabbie obbligatorie e/o una doppia gabbia. Eventuale rivierea di lunghezza massim a 3,40 m
C145 "Gran Premio": categoria riservata a cavalieri ed amazzoni muniti di 2º grado, altezza massima 145 cm con una o due gabbie obbligatorie e/o una doppia gabbia. Eventuale riviera di lunghezza massima 3,40 m
C150: altezza massima 150 cm, con presenza di una o due gabbie, eventuale riviera, eventuale triplice o doppia gabbia.
C160: altezza massima 160 cm, con presenza di una o due gabbie, eventuale riviera, eventuale triplice o doppia gabbia.

La "P" indica le categorie riservate ai pony.

Oltre che per altezza, le categorie possono essere suddivise anche in base al tipo:

  • categorie di precisione: tutti i concorrenti che effettuano il percorso con 0 penalità vengono considerati 1º ex aequo nella classifica finale della categoria.
  • categorie di equitazione: il percorso di ogni concorrente viene valutato da due giudici, detti appunto "giudici di equitazione". Ciascuno dei giudici assegnerà un voto da 1 a 10 per ogni salto effettuato dal concorrente, valutandone la correttezza nell'assetto e nell'avvicinamento al salto. Vengono anche valutati il modo in cui il concorrente effettua il saluto alla giuria prima dell'inizio del percorso, l'atteggiamento del cavallo ed altri parametri. Il giudizio finale sul percorso è dato dalla media della somma dei voti espressi dai giudici, e le relative schede di valutazione ed eventuali commenti sono poi visibili dai concorrenti.
  • categoria combinata: categoria in cui il concorrente, effettuando un solo percorso, partecipa a due classifiche, una per la categoria di precisione e una per la categoria di equitazione.
  • categorie a barrage: per "barrage" si intendono quei secondi o eventuali terzi percorsi che si effettuano dopo il percorso base. Si distinguono in barrage, barrage di precisione, barrage consecutivo, barrage a fasi consecutive.
  • categorie di regolarità: il binomio deve completare il percorso avvicinandosi il più possibile al tempo deciso precedentemente dai giudici.
  • categorie a due manches: la seconda manche, a tempo, è accessibile solo al 20% dei partecipanti e comunque a tutti coloro che hanno completato il percorso base senza penalità.
  • categorie miste: prevedono una seconda manche nel caso in cui ci siano almeno 2 percorsi netti al giro base. In ogni caso nella classifica finale si tiene conto del tempo impiegato nel primo percorso.
  • Tabella A: i concorrenti completano un percorso in cui si tiene conto delle penalità, 4 per ogni barriera.
  • Tabella C: i concorrenti svolgono un percorso il più velocemente possibile, ma per ogni ostacolo abbattuto si aggiungono 5 secondi al tempo impiegato.
  • categorie speciali a fase consecutive: dal percorso base, se eseguito senza errori, si accede direttamente ai successivi 4 o 5 ostacoli che vanno eseguiti sul modello della categoria a tab. A.
  • categorie a difficoltà progressive
  • categorie a fase consecutive: Ci sono due fasi nella gara, la prima parte è composta da 8 ostacoli (Se fino a questi compreso l'8, si è fatto netto si continua) nella 2ª fase ci sono 4 o 5 ostacoli, sommando 8+4=12 o 8+5=13 in totale sono infatti 12 o 15 ostacoli. Nella 2ª fase si può trovare anche un'altra gabbia.

La gara

Gli ostacoli vengono posizionati all'interno di un campo di gara, secondo le disposizioni di un Direttore di Campo e in base ad un grafico che indichi la posizione e la forma del salto, oltre alla distanza che intercorre tra un salto e l'altro. Prima di ogni gara viene effettuata la ricognizione a piedi durante la quale i concorrenti, in tenuta da gara, osservano gli ostacoli, il percorso nel suo insieme e misurano le distanze tra un salto e l'altro. Nella maggior parte delle gare le ricognizioni vengono effettuate dagli allievi in compagnia dei loro istruttori che li guidano dando i corretti consigli per affrontare il percorso. Viene inoltre concesso ai cavalieri di esercitarsi nel salto in appositi campi detti CAMPI PROVA, grazie alla presenza di almeno un verticale e un oxer, prima che la gara cominci.

so summerDivisa da gara

  • La divisa regolamentare prevede: giacca nera o blu;
  • stivali o ghette nere (introdotte dal regolamento 2010) o stivaletto per i cavalieri su pony;
  • camicia normale/ camicia alla coreana;
  • pantaloni bianchi, beige o neri (eccetto i militari, i cui colori si differenziano in base al corpo di appartenenza);
  • cap nero, blu, bianco o grigio;
  • cravatta bianca per i cavalieri, plastron bianco per le amazzoni (obbligatorio solo nel dressage);
  • (FACOLTATIVI) guanti bianchi o neri (nelle riprese della disciplina del completo possono essere di qualsiasi colore, a discrezione del cavaliere);
  • capelli raccolti in una retina o comunque legati (non solo nelle categorie di dressage ma anche per il salto a ostacoli e completo).

Se con giacca rossa:

stivali neri, con eventuale risvolto marrone
camicia, pantaloni, cap, cravatta, guanti

Nel periodo maggio/settembre (o a discrezione del comitato organizzatore) sono autorizzate le divise estive, e la giacca può essere sostituita da una polo bianca o dei colori del circolo di appartenenza. In questo caso la polo è obbligatoria, altrimenti è comunque concesso l'uso della camicia a patto che sopra di essa venga indossata la giacca. In caso di maltempo, il comitato organizzatore può autorizzare l'uso di giubbini impermeabili al posto della giacca. Nel periodo ottobre/aprile, la giacca è obbligatoria.i colori della giacca può essere blu, nera, rossa, verde, marrone,blu elettrico, grigia, bordo Oppure in gara si può portare anche una felpa dello stesso maneggio per alcune categorie di salto ostacoli di colore blu o nera.

Storia

L'equitazione è una delle attività più antiche a cui si è dedicato l'uomo. Il primo manuale a noi pervenuto fu redatto dal mitanno Kikkuli, nell'anno 1.350 a.C.: La cura e l'alimentazione del cavallo da carro. Invece, il più antico e più noto manuale in cui è trattato anche il modo di montare a cavallo è "Sull'equitazione" di Senofonte.

Nella storia greca e romana chi sapeva equitare acquistava un "valore aggiunto" nelle società. Da allora in poi il titolo di cavaliere divenne espressione di nobiltà, ma anche, per contro, nei secoli successivi, i nobili furono costretti ad imparare l'"arte di equitare" per partecipare alla vita politica e militare (vedi generale L'Hotte, Caprilli)

L'approfondimento tecnico dell'arte di montare a cavallo fu ovviamente sempre appannaggio della Cavalleria e per questo motivo, chi ha scritto libri di tecnica equestre (Grisone, Fiaschi, Pignatelli, Mazzuchelli, Caprilli, ecc.) è spesso collegato all'ambiente militare. Non vi è altra attività dell

'uomo in cui, nel corso dei secoli, siano stati scritti tanti testi di approfondimento. Ma il rapporto che si stabilì nei secoli tra uomo e cavallo, si modificò gradualmente nell'ultimo periodo storico, da quando cioè il motore a scoppio trasformò il modo di viaggiare e di fare la guerra. Dal Novecento in poi, l'equitazione perse la propria importanza utilitaristica e si trasformò in attività solamente ludico-sportiva. Nell'Italia della prima metà del Novecento, si segnalò l'opera del conte Paolo Orsi Mangelli, con la sua celeberrima scuderia.

Il salto a ostacoli nasce nella metà del 1700; nato durante le battute di caccia, dove vi erano molti ostacoli, quindi questa disciplina era considerata molto utile e si diffuse in parecchie scuderie. Il primo concorso si svolse a Parigi nel 1900, lo stesso anno in cui viene incluso nel programma olimpico. Fino metà anni '40 però questi concorsi erano riservati solo ai militari, ma poi a partire dal primo campionato mondiale la FEI (Federation Equestre International) non ne è diventata organizzatrice. Svolgimento. I tracciati di solito sono di 700–1000 m e vanno affrontati ad una velocità di 350/400 m/min, ed ogni percorso comprende 12-15 ostacoli comprese 3 gabbie. I cavalieri prima di cominciare il concorso possono fare un giro a piedi. Durante le gare internazionali gli atleti possono essere valutati in base a due regolamenti:

Tabella A: il percorso deve essere effettuato entro un certo tempo e ogni errore o ostacolo non saltato viene trasformato in un punto di penalità, ed ogni secondo passato del tempo prestabilito è un punto di penalità.
Tabella C: di solito viene utilizzata nei concorsi di velocità, la velocità viene cronometrata e per ogni errore commesso sull'ostacolo (frena del cavallo o abbattimento) vengono sommati 4 secondi al tempo totale. Ovviamente nel caso di doppia frena il concorrente verrà eliminato come da regolamento.

Tecnica del salto

Il salto si distingue in 4 fasi di cui:

  • Ascendente: nell'ultimo tempo di galoppo davanti al salto il cavallo porta sotto i posteriori(chiama i posteriori) che in questo momento saranno appaiati, batte con gli anteriori che consentono l'innalzamento del treno anteriore, allunga l'incollatura verso l'alto e si dà la spinta con i posteriori per sollevarsi.
  • Parabola: Inizia appena il cavallo finisce di darsi la spinta verso l'alto, e stacca gli arti da terra, è la fase in sospensione dove nessun arto tocca terra, è l'apice del salto.
  • Discendente: Inizia nel momento in cui il cavallo si avvicina al terreno e si riceve con gli anteriori abbassando l'incollatura, che poi rileverà per riprendere equilibrio e proseguire la falcata di galoppo; il salto non è altro che un'estensione della falcata di galoppo.
  • Ricezione: Si ricevono gli anteriori in rapida successione, per secondo l'anteriore che da il nome al galoppo, l'incollatura si distende;segue la fase di sospensione per permettere ai posteriori di raggiungere il terreno e riprendere lo schema del galoppo; l'incollatura si rileva per contro bilanciare. È buona norma per il cavaliere assecondare i l movimento del cavallo mantenendo un costante e morbido contatto con la sua bocca tramite le redini senza disturbarlo in nessun modo, avendo così la prontezza per riprendere a saltare successivamente.

Avvicinamento ad un salto:

Nell'avvicinamento al salto, il cavaliere deve mantenere il controllo del cavallo e del proprio corpo nell'affrontare l'ostacolo, mantenendo una regolarità nelle falcate di galoppo allungando o accorciando le falcate in modo da arrivare alla distanza giusta, cercando di evitare di anticipare il salto ma di seguire il movimento naturale del cavallo senza rimanere appeso alle redini, mantenendo le gambe strette e vicine al cavallo per poterlo incitare a saltare; il controllo dell'equilibrio è fondamentale per mantenersi in equilibrio sul cavallo mentre questo si muove, e per facilitare la conduzione dello stesso; a seconda di dove il cavaliere mette peso avrà un certo tipo di risposta (per esempio per eseguire una spalla in dentro) quindi il cavaliere deve disporre il proprio corpo sul cavallo in modo che vi sia un costante equilibrio, ed è ottimale quando il baricentro del cavaliere e quello del cavallo consentono l'insieme.

Regolamento

Nei concorsi a ostacoli l'obiettivo è terminare il percorso il più velocemente possibile senza l'abbattimento di nessun ostacolo. All'inizio di ogni categoria viene comunicato un tempo massimo e un tempo limite.

tempo massimo: viene calcolato in base alla lunghezza del percorso, e il suo superamento durante lo svolgimento del percorso determina delle penalità.
tempo limite: è il doppio del tempo massimo e il suo superamento determina l'eliminazione del binomio.

Inoltre vi sono altre regole fondamentali: superati i 18 anni in allenamento il cap diventa una scelta facoltativa, in gara esso è sempre obbligatorio, indipendentemente dall'età.

In campo gara ed in campo prova è proibito l’uso di frusta, la cui lunghezza superi i 75 cm. In campo prova, esclusivamente per il lavoro in piano, è autorizzato l’uso della frusta lunga da dressage (max 110 cm).

E’ proibito l’uso di speroni che possano ferire il cavallo.

Gli ostacoli

Gli ostacoli sono formati da barriere poggiate su sostegni (detti "pilieri"), e da elementi riempitivi e/o decorativi. La differenza principale tra i salti è quella tra "verticali" e "larghi".

  • Verticali: ne fanno parte tutti quei salti sviluppati in senso verticale comprese le parti che lo compongono come i piedi, definiti anche da cancelletti o da barriere a terra.
  • Larghi: gli elementi sono posti su due linee verticali diverse. Tra i due elementi che formano il largo può anche essere prevista la presenza di oggetti, esempio siepi, cancelletti o piante (in tal caso il largo è detto OXER); è considerato più difficile del verticale proprio perché il cavallo per superarlo, deve compiere un salto sia in larghezza che in altezza.
  • Largo invitante: nel largo invitante la barriera del primo elemento viene posta leggermente più in basso rispetto a quella della seconda linea verticale.
  • Passaggio di sentiero: sono quei laghi dove al loro centro viene posta una piccola siepe e al loro centro vi ci può passare una persona tanto che sono ampi.

I salti possono essere combinati tra di loro per formare altri tipi di ostacoli.

  • gabbia: ostacolo formato da due elementi (solitamente un verticale ed un largo) posti ad una distanza fissa.
  • doppia gabbia: ostacolo formato da 3 elementi (solitamente 2 verticali ed un largo) posti ad una distanza fissa.
  • verticale su fosso
  • riviera
  • linee: sono due salti rispettivamente uno in fronte all'altro, ma con una distanza superiore ai 7m, in una linea troveremo sempre più di 2 falcate di galoppo.

Gli ostacoli possono essere di diversi tipi:

  • verticale: ostacolo basilare del salto ostacoli, può essere formato da barriere o tavole con eventuale cancelletto sotto
  • barriere incrociate (o croce): ostacolo formato da due barriere incrociate, in cui per regolamento FISE i cucchiai porta barriera non possono essere più in alto di 120 cm per non creare un fronte troppo stretto.
  • croce di sant'andrea: croce messa parallela e orizzontalmente rispetto al campo.
  • oxer squadrato: formato da un verticale con una barriera supplementare posta posteriormente, richiede un buon addestramento perché nel punto più alto della parabola il cavallo si trova a metà delle due barriere.
  • oxer a scalare: identico all'oxer, con la differenza che la barriera posteriore viene posta più in alto rispetto all'anteriore.
  • triplice: ostacolo simile all'oxer a scalare, con l'aggiunta di una barriera posteriore.
  • muro: ostacolo con la forma di un muro di mattoni, formato da blocchi di plastica. Utilizzato principalmente nella categoria di potenza.
  • riviera: ostacolo costituito da un piccolo laghetto artificiale di forma rettangolare, interrato.
  • ferro da stiro: L'attenzione del cavallo è posta sul 3º elemento che invita ad una maggior distensione del rachide e l'abbassamento dell'incollatura, è composto da 3 barriere di cui due a terra e una sollevata.
  • fosso: ostacolo (solitamente un verticale), che ha al di sotto delle barriere una sorta di piccola riviera (questo tipo di ostacolo inizia ad essere presente nelle gare da 115 cm in poi).

Penalità

Le penalità vengono così calcolate:

  • 4 penalità per ogni ostacolo abbattuto (tab A) (se tab C sono 4 secondi)
  • 4 penalità per la prima disobbedienza (rifiuto del cavallo di saltare o scarto dell'ostacolo) il cavaliere può ripetere il salto una sola volta
  • 1 penalità ogni 4 secondi dal superamento del tempo massimo
  • Se dopo 45 secondi dal suono della campana il concorrente non ha iniziato il percorso, il tempo parte comunque.
  • Se prima dell'inizio del percorso, il concorrente fa un circolo passando davanti alla fotocellula, sono 4 penalità.

Il percorso è netto (0 penalità) quando il cavallo non abbatte nessun ostacolo e il percorso viene terminato nel tempo previsto.

Motivi di eliminazione

L'eliminazione comporta il divieto per il concorrente di iniziare o continuare la prova.

Cause di eliminazione a discrezione della giuria:

  • non entrare in campo alla chiamata del proprio nome o numero di testiera
  • non passare attraverso le fotocellule all'inizio e alla fine del percorso
  • entrare in campo non a cavallo o uscire a piedi
  • ricevere aiuti di compiacenza
  • non fermarsi al suono della campana
  • non indossare la tenuta regolamentare
  • saltare un ostacolo in campo dopo aver tagliato la linea di arrivo, salvo il salto di un ostacolo situato dopo l'arrivo nella stessa direzione non facilmente evitabile

Cause di eliminazione automatica:

  • saltare un ostacolo prima del suono della campana
  • superare il tempo limite
  • incorrere in una difesa per più di 45''
  • saltare un ostacolo non facente parte del percorso
  • saltare un ostacolo in senso contrario
  • saltare più di una volta un ostacolo facoltativo
  • commettere la seconda disobbedienza
  • maltrattamento del proprio cavallo definito da più di una frustata
  • Eliminazione per caduta del cavallo o del cavaliere

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

***Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Charityware. Significa che i documenti che si possono scaricare sono utilizzabili gratuitamente come risorse aperte, mentre è gradito che il visitatore che trova utile il nostro sito web ci supporti attraverso azioni dirette o indirette di beneficenza (donazione o 5x1000). Gli articoli sono rilasciati con licenza Linkware, significa che si possono condividere e anche citare riportando il link alla fonte Per i beni promozionali in cessione con spedizione al sostenitore, come i libri o le bomboniere solidali, vale la licenza Charityware, con donazione suggerita.

Non riceviamo sostegni pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR