(Tempo di lettura: 4 - 7 minuti)

Chi vuole dare via il proprio cavallo, pensa in automatico che la prima destinazione desiderabile sia quella dell'ippoterapia. E' un modo molto banale di pensare, che non tiene conto di diverse valutazioni che vanno invece fatte.

Primo, le ippoterapie sono poche rispetto al numero di cavalli in esubero che vengono offerti in regalo. Se non hanno un posto vacante, non possono permettersi di prendere un'altra bocca da sfamare. In secondo luogo, anche se ci fosse un posto vacante, la maggior parte dei cavalli offerti sono inappropriati per il programma terapeutico.

Persino i professionisti dell'industria del cavallo non hanno le idee chiare da questo punto di vista, forse perché ciascuno pensa al proprio vantaggio, e non si mette invece nei panni altrui. Da una parte c'è chi vuole disfarsi del mantenimento di un cavallo possibilmente con "onore". Dall'altra, chi ha bisogno di un cavallo lavoratore possibilmente senza "onere". 

L'ippoterapia non è la discarica dei cavalli in esubero, e i due punti di vista possono incontrarsi e rendere possibile la transazione del cavallo solo se il vantaggio c'è sia per chi cede e sia per chi prende.

Caratteristiche dei programmi di equitazione terapeutica

Che siano grandi o piccoli, i centri dove si svolge equitazione con disabili o altre persone che abbisognano di terapia mediata dal cavallo, condividono le seguenti caratteristiche che influenzano fortemente le scelte.

Centri senza scopo di lucro

Anche se eseguiti nella stessa struttura di un maneggio a scopo di lucro, la maggior parte dei programmi di equitazione terapeutica sono classificati come ASD senza scopo di lucro. Ciò significa che è probabile che abbiano una missione specifica, un budget fisso e personale limitato.

L'ippoterapia o centro di riabilitazione equestre non è un rifugio per cavalli. Non prende cavalli in esubero per salvarli, riabilitarli o simili. Non è un'associazione animalista. E' un tipo di attività il cui scopo benefico è aiutare esseri umani impiegando cavalli. Poiché lo scopo è aiutare esseri umani che hanno difficoltà, questi centri hanno bisogno di cavalli sicuri ed efficaci per lo scopo specifico e non di qualsiasi cavallo purché gratis.

Un budget fisso significa che il programma non può permettersi di mantenere un cavallo che non lavora. Anche se un cavallo in più potrebbe essere utile, il centro dovrà prendere in considerazione i pro e i contro, ovvero se il cavallo ha già esigenze di salute costose, quanto tempo ci metterà per essere adatto all'impiego specifico, e la sua età per capire per quanti anni ancora potrà lavorare.

Anche i cavalli che fanno ippoterapia conoscono lo stato di "esubero" quando non possono più lavorare, e possono essere a rischio di finire dal commerciante come qualsiasi altro cavallo al termine del proprio impiego se non si trova un privato disposto a portarsi il cavallo a casa. Tutto dipende dalle risorse del centro, e dalla possibilità che ha di mantenere anche i cavalli non più lavoratori. Ne discende che questi centri, che alle volte hanno problemi economici a mantenersi i propri di cavalli a fine carriera, di certo non hanno i soldi per mantenere i fine carriera altrui.

Il personale limitato ha risorse altrettanto scarse per strutturare un cavallo da ippoterapia. Ciò significa che, o il cavallo è già pronto per quell'impiego, o è altamente improbabile che il centro si prenda l'impegno di rischiare con un cavallo non adatto subito, ma con delle potenzialità dopo un programma di addestramento specifico.

Rigorosi standard di sicurezza

Tutte le persone che sono intorno ai cavalli possono potenzialmente farsi male perché tutti i cavalli sono potenzialmente pericolosi.

I programmi terapeutici, più di tutti gli altri, sono attenti a prevenire gli incidenti, perché i clienti che frequentano tali centri presentano un'ampia gamma di disabilità fisiche, mentali, emotive e dello sviluppo, che possono rendere i frequentatori del centro più fragili delle persone normodotate. I programmi devono valutare costantemente i rischi e i benefici in tutti gli aspetti del loro funzionamento, inclusi i cavalli che utilizzano.

Il cavallo, se non è più che bravo, più che affidabile, non va bene per l'equitazione terapeutica.

Carattere adatto a clienti speciali

Le persone con disabilità possono produrre suoni, movimenti, comportamenti ed emozioni diversi, inaspettati e non prevedibili per il cavallo e per gli operatori.

Il cavallo da ippoterapia deve essere pronto a tollerare pazientamente tutta una serie di situazioni diverse da quelle del maneggio per normodotati.

Non tutte le situazioni possono essere piacevoli per il cavallo, ma quello è il suo lavoro e, o è in grado di farlo, o deve essere rimosso dal programma di equitazione terapeutica perché sarebbe un rischio per i clienti/pazienti che frequentano il centro.

Obiettivi educativi

I programmi di equitazione terapeutica sono programmi di lezioni su misura per le persone con disabilità.

Alcuni pazienti possono non avere autonomia fisica e richiedere 3 o più operatori al lavoro, macchine speciali per issare il disabile sul cavallo e una guida solo al passo con conduttore umano che tiene il cavallo alla longia.

Altri pazienti possono progredire ad alti livelli di competizione e ambire ai giochi paralimpici.

Ogni programma ha esigenze specifiche che richiede cavalli all'uopo.

Valutare l'idoneità di un cavallo all'ippoterapia

Tutto ciò sopra considerato, ci sono requisiti minimi che devono essere soddisfatti affinché il cavallo sia sicuro e utile al programma medio di ippoterapia.

  • Stazza e tipo: i cavalli più adatti sono a sangue freddo, non troppo alti e hanno ossa robuste per portare pazienti sovrappeso (ad esempio il cavallo haflinger è più adatto dell'arabo).
  • Temperamento: i cavalli che sono naturalmente gentili, calmi e orientati all'uomo hanno molte più probabilità di essere adatti. Cavalli nevrili, focosi, dominanti, o timidi e paurosi che si spaventano facilmente non sono adatti. I problemi comportamentali non sono accettabili, perché potrebbero portare un cavallo alla fuga con un disabile sopra, persona incapace di cadere senza farsi molto male.
  • Stato di salute: poiché la maggior parte dei clienti ha disabilità, il cavallo deve compensarle e non averne. Un cavallo zoppo non è adatto a sostenere con sicurezza e senza dolore il peso e il movimento di cavalieri disabili per almeno due ore di lavoro al giorno. I cavalli devono essere diritti e fluidi nelle 3 andature. A causa del budget limitato, i cavalli non devono inoltre avere problemi di salute cronici che comportano elevati costi di gestione.
  • Addestramento e addestrabilità: un cavallo da terapia deve avere buone maniere sia a terra sia quando viene cavalcato, essere collaborativo e pronto a imparare cose nuove.
  • Età: i cavalli più anziani hanno maggiori probabilità di essere calmi ed esperti, ma hanno anche maggiori probabilità di avere problemi di salute e di solidità, oltre che meno anni di carriera davanti. Il cavallo ideale da ippoterapia è maturo, ma non anziano.

Conclusioni

Quando si contatta una ippoterapia per regalare il proprio cavallo, ci si deve abituare a ricevere dei noi.

I motivi del no:

  • L'ippoterapia è già al completo e non può permettersi un'altra bocca da sfamare
  • Il cavallo ha problemi di salute o di zoppia
  • Il cavallo ha problemi comportamentali
  • Il cavallo è troppo anziano
  • Il cavallo non è della razza e morfologia adatta a questo impiego
  • Il cavallo è troppo giovane o non sufficientemente addestrato
  • Il cavallo ha cattive abitudini e vizi
  • Dimensioni / altezza / esperienza sbagliate per le esigenze del programma terapeutico

Donare il cavallo giusto

Se hai compreso questo tutorial sul cavallo adatto al programma di equitazione terapeutica, qualora tu ti trovassi nell'impossibilità di mantenere il tuo cavallo e valutassi di donarlo per uno scopo socialmente utile, ha senso pensare all'ippoterapia solo se il cavallo ha molte delle caratteristiche adatte per lavorare nel settore. Un autoesame per capire se ha senso proporre il cavallo, facilita la possibilità di trovare riscontri positivi.

Attenzione alle false ippoterapie

Poiché donare il proprio cavallo per l'ippoterapia sembra agire da calmiere di coscienza per proprietari che danno via il vecchio (magari per il nuovo), spesso i commercianti di cavalli fraudolenti quando vedono annunci di cavalli gratis, fingono di essere operatori di ippoterapia per appropriarsi gratuitamente dell'animale. Verifica attentamente che si tratti di una vera ippoterapia.

Ad esempio se è vera, non accetta qualsiasi cavallo in qualsiasi condizione, come minimo vuole valutarlo prima, verificare se è adatto a quel mestiere e non sarà affatto una transazione veloce, come tende ad essere invece quella della falsa ippoterapia, per la quale qualsiasi cavallo anziano in regalo va bene, perché sono comunque soldi una volta che il cavallo è riconvertito a carne.

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

***Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Charityware. Significa che i documenti che si possono scaricare sono utilizzabili gratuitamente come risorse aperte, mentre è gradito che il visitatore che trova utile il nostro sito web ci supporti attraverso azioni dirette o indirette di beneficenza (donazione o 5x1000). Gli articoli sono rilasciati con licenza Linkware, significa che si possono condividere e anche citare riportando il link alla fonte Per i beni promozionali in cessione con spedizione al sostenitore, come i libri o le bomboniere solidali, vale la licenza Charityware, con donazione suggerita.

Non riceviamo sostegni pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR