In assenza di una normativa specifica nazionale e in applicazione di quella generale, nel nostro sistema il cavallo è sempre stato considerato un bene mobile non registrato, anche a dispetto del valore elevato, talvolta, di vendita. (Sul punto ad esempio Cass. Civ., Sez. VI, n. 8967/2015).