fbpx

Sviluppo Network

Più doni più ricompense ricevi! Puoi donare anche in memoria di qualcuno o per fare un omaggio a qualcuno.
(Tempo di lettura: 20 - 39 minuti)

L' Animal Welfare Act qui presente tratta la legislazione sul benessere degli animali in Svezia e massimizza il principio di responsabilità individuale nel possesso e detenzione di animali.

La traduzione qui fornita (non ufficiale) serve per una discussione comparativa sulla tutela animale nei paesi occidentali. 

Animal Welfare Act (2018: Ministero / autorità: Ministry of Enterprise and Innovation, Legal Secretariat Emesso: 20 giugno 2018 Registro delle modifiche: SFSR (Government Offices of Sweden), in vigore dal 1° Aprile 2019.

Capitolo 1 Disposizioni introduttive Scopo della legge

Sezione 1 Lo scopo della presente legge è garantire il benessere degli animali e promuovere il rispetto degli animali in benessere.

Sezione 2 La presente legge si applica a tutti gli animali: quelli dei privati, quelli di aziende e quelli detenuti per la sperimentazione animale. Tuttavia, le seguenti disposizioni non si applicano agli animali da laboratorio che vivono allo stato selvatico: -Capitolo 2, Sezione 4 e regolamenti emanati ai sensi di tale Sezione; e-Capitolo 4, Sezione 1 Le disposizioni del Capitolo 9, Sezioni 4 e 6 si applicano anche agli animali abbandonati delle specie domestiche e agli animali selvatici delle specie domestiche che non fanno parte di una popolazione stabilita.

Sezione 3. Parole ed espressioni contenute nella legge. Per animali da laboratorio si indicano animali che vengono utilizzati o sono destinati a essere utilizzati in esperimenti sugli animali. Sezione 4 Esperimenti sugli animali . L'uso di animali per: 1. ricerca scientifica; 2. la diagnosi di malattia; 3. lo sviluppo e la produzione di prodotti farmaceutici o chimici; 4. insegnamento, se l'uso significa che l'animale viene ucciso, sottoposto a un'operazione chirurgica, iniezione o salasso o se l'animale rischia di essere sottoposto a sofferenza; e 5. altri scopi comparabili. Per esperimenti sugli animali si intende anche: -produzione di animali geneticamente modificati, se vengono utilizzati metodi di ingegneria genetica, chimici o altri metodi simili; e conservazione attraverso l'allevamento di uno stock di animali geneticamente modificati che conservano le caratteristiche genetiche degli animali nei casi in cui gli animali possono subire sofferenze. Disposizioni dell'UE integrate al campo di applicazione della legge. Il governo annuncerà i decreti attuativi per quanto riguarda la Svezia. Per quanto riguarda le disposizioni dell'UE che rientrano nell'ambito di applicazione di più atti, il governo emana le disposizioni integrative dalla presente legge allo stesso modo del primo paragrafo; oppure l'autorità designata dal governo può emanare ulteriori regolamenti necessari per integrare le disposizioni dell'UE.

Capitolo 2 Disposizioni generali sulla manipolazione, detenzione e cura degli animali - Requisiti di base in materia di benessere degli animali

Sezione 1. Gli animali devono essere trattati bene e devono essere protetti da sofferenze e malattie inutili. Gli animali utilizzati negli esperimenti sugli animali non sono considerati soggetti a sofferenze o malattie non necessarie se l'uso è stato approvato da un comitato etico per la sperimentazione animale.

Sezione 2. Ambiente, benessere e comportamento naturale. Gli animali devono essere tenuti e curati in un buon ambiente specie specifico che: 1. promuova il loro benessere; 2. siano in grado di eseguire comportamenti per i quali sono fortemente motivati ​​e che sono importanti per il loro benessere (comportamento naturale); e 3. Il governo o l'autorità designata dal governo possono emanare regolamenti riguardanti condizioni o divieti di detenzione di animali in determinati casi per soddisfare i requisiti di cui al primo paragrafo.

Sezione 3. Competenze richieste. Una persona che detiene o si prende cura degli animali deve avere capacità sufficienti per soddisfare i bisogni dell'animale. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare regolamenti riguardanti i requisiti di abilità speciali o addestramento per la custodia degli animali in determinati casi e per alcune attività con gli animali.

Sezione 4. Alimentazione e abbeveraggio. Occorre prestare sufficiente attenzione agli animali. Agli animali deve essere data sufficiente alimentazione e acqua di buona qualità. Le procedure di alimentazione e abbeveraggio devono essere adattate alle esigenze dell'animale. Il governo o l'autorità designata dal governo possono emanare ulteriori regolamenti riguardanti i requisiti per l'attenzione, l'alimentazione e l'abbeveraggio degli animali.

Sezione 5. Legare e limitare la libertà di movimento. Un animale può essere legato solo in modo che non sia doloroso per l'animale e a condizione che l'animale abbia la necessaria libertà di movimento e di riposo e una protezione sufficiente contro le condizioni meteorologiche avverse. Un animale può solo essere legato o avere la sua libertà di movimento limitata in qualche altro modo simile solo se è è fatto temporaneamente ed è necessario: 1. per motivi medici veterinari o per il benessere degli animali; 2. in considerazione della sicurezza della persona che maneggia l'animale; o 3. per analoghe ragioni giustificate. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare ulteriori regolamenti riguardanti le condizioni alle quali la libertà di movimento di un animale può essere limitata ai sensi del primo e del secondo paragrafo.

Sezione 6. Stalle, recinti e altri ricoveri adibiti a contenzione. Il ricovero deve fornire una protezione sufficiente per gli animali. Deve inoltre dare agli animali lo spazio per muoversi liberamente e per potersi riposare in un modo che sia adatto agli animali. Stalle e gli altri spazi di detenzione per gli animali devono essere mantenuti puliti. Il clima, le condizioni di suono e luce nelle stalle e altro gli spazi di detenzione devono essere adattati alle esigenze degli animali. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare ulteriori regolamenti riguardanti i requisiti per gli stabili e altri spazi di detenzione per gli animali e per le aree recintate.

Sezione 7. Materiale di costruzione e accessori per la costruzione per stalle e per altri spazi di contenimento esterni. Le stalle e i recinti per esterni per animali devono essere costruiti in modo che non: 1. comporti il rischio che gli animali subiscano lesioni o che la salute degli animali si deteriori; o 2. si limiti indebitamente la libertà di movimento degli animali o li si disturbi in qualche altro modo. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare ulteriori regolamenti riguardanti i requisiti per gli allestimenti e le attrezzature negli stabili, altri spazi di detenzione per animali e recinti all'aperto per animali.

Sezione 8. Divieto di abbandono di animali. Gli animali di specie domestiche non possono essere abbandonati.

Sezione 9. Divieto di percosse, ferite o sovraccarico di lavoro per gli animali. Gli animali non devono essere picchiati, feriti o sovraccaricati di lavoro. Le attrezzature non possono essere utilizzate in modo tale da causare sofferenze o lesioni all'animale. Il divieto di provocare lesioni ai sensi del primo paragrafo e il divieto di cui al secondo paragrafo non si applicano alle misure eseguite o alle apparecchiature utilizzate: 1. per motivi medici veterinari; 2. come parte di un esperimento sugli animali approvato da un comitato etico sugli esperimenti sugli animali; o 3. per analoghe ragioni giustificate. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare regolamenti riguardanti i requisiti relativi alle modalità di progettazione e uso dell'attrezzatura al fine di prevenire sofferenze o lesioni agli animali.

Sezione 10. Divieto di atti sessuali con animali. Compiere atti sessuali con animali è vietato. Questo divieto non copre gli atti compiuti in allevamento per ragioni mediche veterinarie o in connessione alla riproduzione animale o per simili giustificati motivi.

Sezione 11. Divieto di determinati allevamenti. È vietato lo svolgimento di allevamenti il ​​cui oggetto può comportare sofferenze per l'animale genitore o la sua prole. Il governo o l'autorità designata dal governo può emettere: 1. norme concernenti il ​​divieto di cui al primo comma; e 2. regolamenti riguardanti condizioni o divieti di riproduzione che possono influenzare il comportamento naturale dell'animale, le normali funzioni corporee o la capacità di partorire naturalmente la sua prole.

Sezione 12. Vendita o altro trasferimento di animali. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare regolamenti concernenti condizioni o divieti di vendita o altro trasferimento di animali.

Sezione 13. Trasporto di animali. Gli animali devono essere trasportati con mezzi di trasporto idonei allo scopo e protezione degli animali dal caldo e dal freddo, nonché da urti, sfregamenti e simili. Nella misura necessaria, gli animali devono essere tenuti separati gli uni dagli altri. Una persona che trasporta gli animali si prende cura degli stessi e adotta le misure necessarie per garantire che gli animali non subiscano lesioni o sofferenze durante il carico, il trasporto e lo scarico. Regolamento (CE) n. 1/2005 del Consiglio, del 22 dicembre 2004, sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate e che modifica le direttive 64/432 / CEE e 93/119 / CE e il regolamento (CE) n. 1255/97, le disposizioni del il primo e il secondo paragrafo si applicano in aggiunta a quanto stabilito negli articoli 3 e 6 e nell'allegato 1 del regolamento (CE) n. 1/2005 del Consiglio se il trasporto avviene solo sul territorio svedese o si riferisce a trasporti via mare dal territorio svedese. L'autorità designata dal governo può emanare ulteriori regolamenti in merito alle condizioni o al divieto di trasporto di animali.

Capitolo 3 Manifestazioni sportive con ed esibizioni pubbliche di animali

Sezione 1 È vietato sottoporre gli animali a sofferenze nell'addestramento o impiego degli animaili in: 1. eventi o prove sportive; 2. registrazioni sonore o visive; o 3. spettacoli o altre mostre organizzate per il pubblico. Il governo o l'autorità designata dal governo può emettere: 1. ulteriori regolamenti concernenti l'addestramento o l'uso degli animali di cui al primo comma, punti 1–3; e 2. regolamenti sulle esenzioni dal divieto di addestrare animali o di utilizzare animali nelle sperimentazioni.

Sezione 2. Divieto di doping. Un animale che viene addestrato o che prende parte a un evento sportivo o spettacolo non deve essere sottoposto a doping o ad altre misure improprie che possano influenzare le prestazioni o il temperamento dell'animale. Il governo o l'autorità designata dal governo possono emettere disposizioni relative al divieto di cui al primo comma.

Capitolo 4 Assistenza sanitaria degli animali feriti o malati e procedure chirurgiche

Sezione 1. Un animale ferito o malato deve ricevere immediatamente le cure sanitarie necessarie o essere soppresso. Se un animale mostra segni di cattiva salute in qualche altro modo a causa del suo comportamento, l'assistenza sanitaria deve essere prestata il prima possibile o devono essere prese altre misure adeguate. Se la ferita o la malattia è così grave che l'animale è sottoposto a gravi sofferenze che non possono essere alleviate, l'animale deve essere ucciso. Quando necessario, l'assistenza sanitaria deve essere fornita da un veterinario o da un'altra persona che è un professionista della salute degli animali ai sensi della legge (2009: 302) sulle attività professionali nel campo della cura della salute degli animali.

Sezione 2. Ragioni mediche. Il primo paragrafo non si applica alle procedure chirurgiche eseguite o alle iniezioni somministrate in connessione con un'attività che è stata approvata da un comitato etico sugli esperimenti sugli animali. Le procedure chirurgiche devono essere eseguite in anestesia. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare ulteriori regolamenti riguardanti le procedure chirurgiche e le iniezioni di animali; e 2. regolamenti concernenti le esenzioni dal primo e terzo paragrafo.

Sezione 3. Veterinari o altri professionisti della salute animale. Il veterinario o altra persona che è un professionista della salute animale ai sensi della legge (2009: 302) sulle attività professionali nel campo dell'assistenza per la salute degli animali deve essere coinvolto se è necessario per adottare una delle seguenti misure: 1. procedure chirurgiche o iniezioni ad animali; 2. altri trattamenti allo scopo di prevenire, rilevare, alleviare o curare malattie o lesioni in un animale; 3. Interventi in anestesia generale o in anestesia locale mediante iniezione. Il primo paragrafo non si applica alle misure urgenti prese per salvare la vita dell'animale o alleviarne la sofferenza. In un'attività che è stata approvata da un comitato etico sulla sperimentazione animale, anche le persone che hanno ricevuto una formazione ai sensi dei regolamenti emanati ai sensi del capitolo 7, sezione 7, secondo paragrafo possono effettuare iniezioni ed eseguire trattamenti e procedure chirurgiche. Il governo o l'autorità designata dal Il governo può emanare regolamenti riguardanti le eccezioni al primo paragrafo.

Capitolo 7 Autorizzazione riguardante il divieto di somministrazione di ormoni

Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare regolamenti riguardanti condizioni o divieti di somministrazione di ormoni o altre sostanze a un animale al fine di alterare le caratteristiche dell'animale per qualsiasi scopo diverso da quello di prevenire, rilevare, alleviare o curare malattia o sintomi di malattia con eccezione per le sostanze coperte dalla legge (2006:805) sui Mangimi e sottoprodotti di origine animale. 

Capitolo 5 Macellazione e altre uccisioni di animali

Sezione1. Requisiti per la macellazione e l'abbattimento degli animali. Quando gli animali sono portati alla macellazione e quando vengono macellati devono essere evitati sofferenza e disagio. Lo stesso vale quando gli animali vengono uccisi per altri motivi. Questa disposizione si applica in aggiunta a quanto stabilito dall'articolo 3 del regolamento (UE) n. 1099/2009 del Consiglio, del 24 settembre 2009, sulla protezione degli animali durante l'abbattimento. Un animale che viene macellato o viene ucciso in altri casi tramite il sanguinamento deve essere stordito. Nessun'altra misura può essere presa prima che l'animale sia morto. Questa disposizione si applica in aggiunta a quanto stabilito dall'articolo 4, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 1099/2009 del Consiglio del 24 settembre 2009. Il requisito di cui al secondo comma prima frase non si applica nelle situazioni di cui all'articolo 1 (2) e 2 (d) del regolamento (UE) n. 1099/2009 del Consiglio nella sua formulazione originale.

Sezione 2. Autorizzazioni relative alla macellazione e all'abbattimento. Il governo o l'autorità designata dal governo può rilasciare: 1. ulteriori regolamenti riguardanti la macellazione e l'abbattimento degli animali; e 2. regolamenti concernenti le esenzioni dall'obbligo di stordimento di cui alla sezione 1, secondo paragrafo in merito all'uccisione di animali da laboratorio.

Capitolo 6. Approvazione preventiva e autorizzazioni

Sezione 1. Approvazione preventiva degli spazi. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare regolamenti riguardanti i requisiti per disporre l'approvazione preventiva per l'utilizzo di spazi per la detenzione di animali da allevamento e da reddito.

Sezione 2. Se una misura riguardante un capannone o altro spazio di detenzione per animali o un'area recintata che richiede l'approvazione preventiva ai sensi della sezione 1 è stata adottata senza tale approvazione, l'autorità designata dal governo prenderà una decisione che vieta l'uso dello spazio o dell'area recintata per ospitare gli animali. Un divieto non sarà emesso se l'autorità ritiene che la misura possa essere approvata retroattivamente.

Sezione 3. Nuova tecnologia. Il governo o il l'autorità designata dal governo può emanare regolamenti riguardanti i requisiti per disporre la previa approvazione di nuove tecnologie nella gestione degli animali.

Sezione 4 Un permesso di esercizio è richiesto da chiunque, su base professionale o privata: detiene, alleva, fornisce o vende animali da compagnia o riceve animali da compagnia per la pensione o l'alimentazione; 2. Detiene, alleva, fornisce o vende cavalli o riceve cavalli per la pensione o l'alimentazione o utilizza cavalli in un'attività di scuola di equitazione; o 3. alleva animali da pelliccia. Quando si esaminano i casi di autorizzazione, deve essere prestata particolare attenzione alla questione se il richiedente possa essere considerato idoneo a svolgere l'attività e se i locali in cui l'attività deve essere svolta siano idonei per quanto riguarda il benessere degli animali. L'autorità designata dal governo può emanare regolamenti concernenti le eccezioni al primo paragrafo.

Sezione 5. Revoca dell'autorizzazione. L'autorizzazione può essere ritirata se i requisiti di idoneità di cui alla sezione 4, terzo paragrafo non sono più soddisfatti.

Capitolo 7 Esperimenti sugli animali

Sezione 1. Principi di base per gli esperimenti sugli animali. Gli esperimenti sugli animali possono essere eseguiti solo a condizione che: 1) lo scopo dell'attività non possa essere raggiunto con un altro metodo soddisfacente che non utilizzi animali; 2. vengono utilizzati il ​​minor numero possibile di animali; 3. l'attività è concepita in modo tale che gli animali non siano soggetti a sofferenze maggiori di quanto sia assolutamente necessario; e 4. nell'attività (allevamento a scopo) non vengano utilizzati animali diversi dagli animali allevati a tale scopo. Il governo o l'autorità designata dal governo possono emanare regolamenti riguardanti le eccezioni al requisito dell'allevamento a scopo di riproduzione.

Sezione 2. Permesso per attività con animali da laboratorio. Utilizzare, allevare, tenere o fornire animali da laboratorio. Le questioni relative ai permessi sono esaminate dall'autorità designata dal governo.Il governo o l'autorità designata dal governo possono emanare regolamenti riguardanti le esenzioni dall'obbligo di autorizzazione.

Sezione3. Esame delle licenze. Quando si esaminano i casi di autorizzazione, si deve prestare particolare attenzione al fatto che il richiedente possa essere considerato idoneo a svolgere l'attività e se le strutture in cui deve essere svolta l'attività siano adatte al benessere degli animali. Quando vengono esaminati i casi riguardanti i permessi per l'allevamento di animali da laboratorio, si tiene conto anche della necessità di tali animali.

Sezione 4. Contenuti del permesso.  Il permesso deve contenere informazioni su: 1. la persona fisica titolare del permesso o, se il titolare è una persona giuridica, un rappresentante del titolare; e 2. i soggetti che ricoprono le funzioni di cui alla Sezione 7, primo comma, punti 1 e 2.

Sezione 5. Revoca dell'autorizzazione. L'autorizzazione può essere revocata se non sono più soddisfatti i requisiti di idoneità di cui alla Sezione 3, primo comma.

Sezione 6. Responsabilità dell'attività. La persona di cui alla sezione 4, punto 1 deve garantire che l'attività sia svolta in conformità con la presente legge, i regolamenti emanati ai sensi della presente legge e le disposizioni dell'UE integrate dalla presente legge.Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare regolamenti riguardante: 1. compiti da svolgere per garantire che l'attività sia svolta in conformità con la presente legge, i regolamenti emanati ai sensi della presente legge e le disposizioni dell'UE integrate dalla presente legge; e 2. formazione e abilità che devono essere in atto quando questi compiti sono svolti L'autorità designata dal governo può anche prendere decisioni in casi specifici sulle questioni di cui al secondo comma.

Sezione 7.Organizzazione delle attività degli animali da laboratorio.  In un'attività che richiede un permesso ai sensi della sezione 2 ci sarà: 1. uno o più supervisori che hanno la responsabilità di condurre l'attività; 2. un veterinario o, quando più opportuno, altro esperto qualificato che dia consigli e istruzioni sullo svolgimento dell'attività e presta assistenza durante la cura degli animali; 3. personale in numero sufficiente e con la formazione e le competenze necessarie per l'attività; e 4. un ente per il benessere degli animali che fornisce consulenza al personale in materia di benessere degli animali e monitora l'attività in relazione al benessere degli animali. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare ulteriori regolamenti in merito a quali compiti e quale formazione e abilità un supervisore, un veterinario o un esperto deve avere e quale formazione e abilità deve avere il personale.
L'autorità designata dal governo può anche prendere decisioni in casi specifici su questioni di cui al secondo comma. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare ulteriori regolamenti riguardanti i compiti e la composizione dell'organismo per il benessere degli animali.

Sezione 8. Cattura di animali selvatici per sperimentazione. Una persona che cattura animali da laboratorio che vivono allo stato selvatico deve possedere la formazione e le competenze richieste per il compito. Gli animali devono essere catturati utilizzando metodi che non sottopongano gli animali a sofferenze inutili. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare regolamenti riguardanti questa formazione e queste abilità e metodi.

Sezione 9. Requisiti di approvazione etica. Una persona che utilizzerà animali in esperimenti sugli animali deve ottenere l'approvazione da un punto di vista etico da un comitato etico regionale sugli esperimenti sugli animali, prima che l'uso sia iniziato. L'approvazione può essere combinata con delle condizioni. In una decisione che approva l'esperimento sugli animali, un comitato etico sugli esperimenti sugli animali può decidere di fare esenzioni dal Capitolo 2, Sezione 5, secondo paragrafo, Sezione 6, primo e terzo paragrafo, Sezione 7, primo paragrafo e Sezione 11, primo paragrafo così come Capitolo 4, Sezione 2, terzo paragrafo.

Sezione 10. Controllo dell'approvazione etica. Nell'esaminare un caso ai sensi della sezione 9, l'importanza dell'esperimento deve essere valutata rispetto alla sofferenza dell'animale. Sulla base del livello di sofferenza dell'animale, l'esperimento deve essere classificato in una delle categorie: mancato risveglio, lieve, moderato e grave. La domanda per un esperimento su animale può essere concessa solo se l'uso dell'animale può essere considerato importante dal punto di vista del pubblico e le condizioni di cui alla sezione 1, primo comma, punti 1-3 sono soddisfatte. Quando il caso viene esaminato, si decide anche se l'esperimento deve essere valutato a posteriori. L'approvazione può essere combinata a obblighi, regolamenti e decisioni emanate ai sensi della legge, delle disposizioni comunitarie integrate dalla legge e delle decisioni emesse ai sensi delle disposizioni comunitarie.

Sezione 11. Revoca dell'approvazione etica. Un comitato etico sugli esperimenti sugli animali può ritirare un'approvazione ai sensi della sezione 9 se l'esperimento sugli animali non viene eseguito in conformità con l'approvazione.

Sezione 12. Regolamento sull'approvazione etica. Il governo o l'autorità designata da esso può introdurre regolamentazione su: 1. l'obbligo di fornire informazioni in relazione a una domanda di utilizzo di animali in un esperimento su animali; e 2. un'esenzione dall'obbligo di approvazione degli esperimenti sugli animali. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare ulteriori regolamenti riguardanti: 1. l'esame di un caso riguardante l'approvazione di un esperimento su animali; e 2. la valutazione retrospettiva degli esperimenti sugli animali approvata.

Sezione 13. Obbligo del comitato etico centrale sulla sperimentazione. Deve essere presente un comitato etico centrale per gli esperimenti sugli animali che: 1. esamini i ricorsi ai sensi del capitolo 11, sezione 1 contro le decisioni di un comitato etico regionale sugli esperimenti sugli animali; e 2. esegua una valutazione retrospettiva di cui alla Sezione 10, terzo paragrafo.

Sezione 14. Composizione del comitato etico centrale sulla sperimentazione. Il comitato etico centrale per gli esperimenti sugli animali è composto da un presidente e altri sei membri. Degli altri membri, quattro devono avere competenze scientifiche e due devono essere laici. Uno dei laici rappresenta gli interessi del benessere degli animali. I membri supplenti possono essere nominati. Il presidente e la persona o le persone nominate come supplenti per la presidenza devono essere o sono stati giudici permanenti. I membri e i supplenti sono nominati dal governo per un periodo determinato.
 
Sezione 15. Quorum del comitato centrale. Il comitato etico centrale per gli esperimenti sugli animali è legittimo quando sono presenti il ​​presidente e almeno tre membri con esperienza scientifica e almeno un laico. I membri con competenze scientifiche sono sempre la maggioranza quando viene deciso un caso. La commissione è competente con il solo presidente per: 1. una misura preparatoria; 2. una correzione di errori di battitura, errori di calcolo o simili dimenticanze; 3. altre decisioni che non comportano la determinazione definitiva di un caso; e 4. l'esame di una questione di rigetto o archiviazione di un caso. Il presidente può trasferire i compiti di cui al secondo comma a un relatore in commissione.

Sezione 16. Altre autorizzazioni. Il governo o l'autorità designata dal governo possono emanare regolamenti riguardanti: 1. condizioni o divieti di riproduzione, detenzione, fornitura o utilizzo di animali da laboratorio; e 2. esenzioni dalla legge sugli esperimenti sugli animali. Il governo o l'autorità designata dal governo possono emanare regolamenti che stabiliscano che una persona che alleva, fornisce o utilizza animali da laboratorio debba: 1. marcare gli animali; 2. redigere istruzioni per l'attività; e 3. tenere un registro e fornire informazioni sull'attività e sugli animali.

Capitolo 8 Controllo ufficiale e compiti delle autorità

Sezione 1. Autorità competente per il controllo ufficiale. I consigli di amministrazione della contea e le altre autorità designate dal governo (le autorità di controllo) eseguono il controllo ufficiale del rispetto della presente legge, dei regolamenti e delle decisioni emanate ai sensi della presente legge, Disposizioni dell'UE integrate dalla legge e decisioni emesse ai sensi delle disposizioni dell'UE.

Sezione 2. Personale formato in materia di benessere animale. Le autorità di controllo devono, oltre a quanto stabilito nelle disposizioni dell'UE integrate dalla legge, avere accesso al personale formato in misura necessaria per consentire all'autorità di svolgere i propri compiti in modo soddisfacente.

Sezione 3. Coordinamento delle attività. L'autorità di controllo designata dal governo coordina le attività delle altre autorità di controllo e fornisce consulenza e assistenza in queste attività, ove necessario.

Sezione 4. Consulenza e informazioni. Fornendo consulenza e informazioni e con altri mezzi, le autorità di controllo facilitano alle persone l'adempimento dei loro obblighi ai sensi della legge, dei regolamenti e delle decisioni emanate ai sensi della legge, delle disposizioni dell'UE integrate dalla legge e delle decisioni emesse ai sensi delle disposizioni comunitarie.

Sezione 5. Obbligo di agire contro le violazioni. Le autorità di controllo devono adoperarsi per agire contro le violazioni della legge, dei regolamenti e delle decisioni emanate ai sensi della legge o delle disposizioni dell'UE integrate dalla legge.

Sezione 6. Regolamentazione sui controlli. Il Governo può emanare regolamenti riguardanti: 1. controllo ufficiale; e 2. l'obbligo per un organismo di controllo addetto al controllo ufficiale di fornire informazioni all'autorità di controllo di coordinamento di cui alla sezione 3.

Sezione 7. Controlli su animali non destinati alla carne. Il Regolamento (CE) n. 882/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 sui controlli ufficiali effettuati per garantire la verifica della conformità alla legislazione in materia di mangimi e alimenti, salute e benessere degli animali contiene disposizioni che devono essere applicate quando si effettuano controlli ufficiali dei detentori di animali che detengono animali da produzione alimentare. Il governo può emanare regolamentazioni ai fini dell'applicazione totale o parziale del regolamento (CE) n. 882/2004 ai controlli ufficiali dei detentori di animali diversi da quelli destinati alla produzione di alimenti

Sezione 8. Costi dei controlli. Il Governo può emanare regolamenti riguardanti l'obbligo di pagare una tassa: 1. per il controllo ufficiale ai sensi della legge, dei regolamenti emanati ai sensi della legge o delle disposizioni dell'UE integrate dalla legge; e 2. nei casi previsti dalla legge, regolamenti emanati ai sensi della legge o delle disposizioni dell'UE integrate dalla legge. Il governo o l'autorità designata dal governo può emanare regolamenti riguardanti il ​​calcolo dei diritti riscossi dalle autorità governative e dagli organi di controllo.

Sezione 9. Decreti attuativi. Per quanto risulta dalle disposizioni comunitarie integrate dalla legge, un'autorità di controllo può emettere gli ordini necessari per garantire il rispetto della legge, dei regolamenti e delle decisioni emanate ai sensi della legge, delle disposizioni dell'UE integrate dalla legge e delle decisioni emesse ai sensi delle disposizioni dell'UE . Tuttavia, un ordine che comporti il ​​divieto di prendersi cura degli animali ai sensi del capitolo 9, sezione 1 o un ordine di smaltimento degli animali entro un determinato periodo di tempo ai sensi del capitolo 9, sezione 3 può essere emesso solo nei casi ivi indicati. Il primo comma o ai sensi delle disposizioni dell'UE integrate dalla legge può essere combinato con una sanzione pecuniaria condizionale, anche se non nei casi di cui al capitolo 9, sezioni 1 e 3.

Sezione 10. Rettifica a spese dell'individuo. Se un individuo non si conforma con la legge, i regolamenti o le decisioni emanate ai sensi della legge, le disposizioni dell'UE integrate dalla legge o le decisioni emesse ai sensi delle disposizioni dell'UE, un'autorità di controllo può decidere la rettifica a spese dell'individuo. I casi urgenti una decisione di rettifica può essere senza un ordine precedente.

Sezione 11. Diritto all'informazione e all'accesso ai documenti. Un'autorità di controllo e un organismo di controllo impegnato nel controllo ufficiale hanno il diritto di o ottenere informazioni e documenti di accesso su richiesta nella misura necessaria per il loro controllo.

Sezione 12. Diritto di accesso. L'autorità di controllo e un organismo di controllo impegnato nel controllo ufficiale hanno il diritto di essere ammessi, nella misura necessaria al loro controllo, in aree, strutture, edifici, locali e altri spazi in cui si può presumere che gli animali siano tenuti o che siano associati alla custodia degli animali e per ispezionarli, condurre indagini e prelevare campioni in tali locali. L'ammissione alle abitazioni può aver luogo solo quando si può presumere che gli animali vengono tenuti lì e: 1. si può presumere che la custodia degli animali non soddisfi le disposizioni della presente legge o regolamenti o decisioni emanate ai sensi della presente legge; 2. lo scopo è controllare se sono state affrontate carenze precedentemente rilevate nella custodia degli animali; o 3. lo scopo è quello di effettuare un controllo di una custodia di animali che richiede un permesso ai sensi della presente legge o dei regolamenti emessi ai sensi della presente legge. Un'autorità di controllo e un organismo di controllo hanno anche il diritto di essere ammessi in aree, strutture, edifici, locali altri spazi e abitazioni quando ciò è necessario per controllare il divieto di animali ai sensi del capitolo 9, sezione 1.

Sezione 13. Il diritto della Commissione europea all'informazione e all'ammissione. Le disposizioni delle sezioni 11 e 12 si applicano anche alla Commissione europea e agli ispettori ed esperti nominato dalla Commissione Europea.

Sezione 14. Requisito di assistenza. Le misure di cui alle sezioni 11 e 12 devono essere eseguite in modo da causare il minimo danno e invasione.

Sezione 15. Obbligo per la persona sottoposta a controllo ufficiale. La persona sottoposta a controllo ufficiale deve provvederee l'assistenza necessaria per consentire l'esecuzione del controllo.

Sezione 16. Assistenza da parte dell'autorità di polizia svedese. L'autorità di polizia svedese deve fornire l'assistenza necessaria per consentire a un'autorità di controllo di eseguire il controllo ufficiale o eseguire decisioni ai sensi della legge, regolamenti o decisioni emanate ai sensi della legge , le disposizioni comunitarie integrate dalla legge o le decisioni emesse ai sensi delle disposizioni comunitarie L'assistenza di cui al primo comma può essere richiesta solo se: 1. si può temere, a causa di circostanze speciali, che non sarà possibile eseguire la misura senza ricorrere ai poteri speciali di un ufficiale di polizia ai sensi della Sezione 10 della legge sulla polizia (1984: 387); o 2. ci sono altri motivi eccezionali.

Sezione 17. Eccezioni per gli animali utilizzati nelle forze armate svedesi. Le disposizioni delle sezioni 2-6, sezione 8, primo paragrafo, punto 1, sezione 9, terzo paragrafo, sezioni 10, 13 e 16 non si applicano agli animali utilizzati dalle forze armate svedesi.

Sezione 18. Segnalazioni di maltrattamento. Se, nel corso delle proprie attività professionali, una persona che è un professionista della salute animale ai sensi della legge (2009: 302), e svolge attività professionali nel campo dell'assistenza sanitaria animale trova motivo di presumere che gli animali non siano curati in conformità con la presente legge, i regolamenti emanati ai sensi della legge o le disposizioni dell'UE integrate dalla legge, quella persona deve segnalarlo all'autorità di controllo, a meno che la mancanza sia di lieve entità e venga corretta immediatamente.

Capitolo 9 Divieto di possesso di animali e presa in carico di animali

Sezione 1. Divieto di animali. Il consiglio di amministrazione della contea emette un divieto di accudire animali (divieto di animali) per una persona che: 1. trascura gravemente la supervisione o la cura di un animale; 2. ha aggredito un animale; 3. non segue una decisione emessa da un'autorità di controllo ai sensi del capitolo 8, sezione 9, se tale decisione è di importanza materiale per quanto riguarda il benessere degli animali; è stato oggetto di ripetute decisioni ai sensi del capitolo 8, sezione 9, se un divieto di animali è giustificato in relazione al benessere degli animali; 5. è stato giudicato colpevole da una sentenza divenuta legalmente vincolante o dall'accettazione di un ordine di pena sommaria di crudeltà verso gli animali ai sensi del capitolo 16, sezione 13, del codice penale; o 6. è stato giudicato colpevole da una sentenza divenuta legalmente vincolante o dall'accettazione di un ordine di pena sommario di un reato ai sensi del capitolo 10, sezioni 1-5 del codice penale, se un divieto di animali è giustificato in relazione al benessere degli animali. Un divieto di animali non deve essere imposto se è probabile che la circostanza che altrimenti porterebbe a un divieto di animali non si ripeterà.

Sezione 2. Campo di applicazione e annullamento del divieto di animali. Un divieto di animali ai sensi della sezione 1 può riferirsi a tutti i tipi di animali o essere limitato a uno o più tipi di animali. Un divieto di animali può anche riferirsi alla cura di più di un certo numero di animali. Un divieto di animali può anche riferirsi ad altre restrizioni al diritto di vegliare sugli animali.Un divieto di animali può essere applicato per un periodo determinato o fino a nuovo avviso.Il consiglio di amministrazione della contea annulla il divieto di animali quando non è più necessario.

Sezione 3. Confisca di animali. Se la persona cui è stato emesso il divieto di animali possiede o detiene animali, il consiglio di amministrazione della contea ordina allo stesso tempo di alienare l'animale/i coperti dal divieto entro un certo periodo di tempo. Tuttavia, ciò non si applica se il consiglio di amministrazione della contea decide, ai sensi della sezione 5 o 6, di prendere in carico l'animale o gli animali quando ordina il divieto di animali.

Sezione 4. Eutanasia d'emergenza. Un animale potrebbe essere abbattuto da un veterinario o da un agente di polizia, anche se il proprietario dell'animale non è presente in casi di emergenza. In casi urgenti qualcun altro può anche uccidere immediatamente l'animale. La persona che ha ucciso l'animale ne informa il proprietario o detentore. Se ciò non è possibile, il consiglio di amministrazione della contea deve essere informato della presa in carico degli animali.

Sezione 5. Presa in carico degli animali. Il consiglio di amministrazione della contea decide che un animale deve essere preso in carico se: 1. l'animale è indebitamente sottoposto a sofferenza e non viene fatto nulla per rimediare a questo a seguito di un avvertimento dell'autorità di controllo; 2. una decisione emessa ai sensi del capitolo 8, sezione 9 non viene seguita e la decisione è di importanza significativa per quanto riguarda il benessere degli animali; o 3. la decisione sul divieto di animali ai sensi della sezione 1 o la decisione di sciogliere un'azienda di animali ai sensi della sezione 3 non viene seguita Il consiglio di amministrazione della contea è responsabile dell'esecuzione della presa in carico dell'animale.

Sezione 6. Confisca immediata. Secondo le disposizioni della sezione 5, primo paragrafo, punto 1, l'autorità di polizia svedese o il consiglio di amministrazione della contea possono decidere che un animale deve essere immediatamente preso in carico se l'animale è sottoposto a sofferenza e se: 1. si ritiene che non vi sia alcuna prospettiva di porre rimedio alla sofferenza dell'animale; 2. il proprietario dell'animale è sconosciuto o non può essere trovato; o 3. è altrimenti ritenuto assolutamente necessario per quanto riguarda il benessere degli animali. Anche se le condizioni di cui al primo paragrafo non sono state soddisfatte, l'autorità di polizia svedese può decidere di prendere immediatamente in carico l'animale se l'animale è tenuto in violazione di una Se l'Autorità di Polizia svedese ha emesso la decisione di prendere immediatamente in carico un animale, l'Autorità notifica tempestivamente la sua decisione al consiglio di amministrazione della contea. Il consiglio di amministrazione della contea esaminerà prontamente se la decisione rimanga in vigore. L'autorità decisionale è responsabile dell'esecuzione della presa in carico dell'animale. Se il consiglio di amministrazione della contea decide che la decisione dell'autorità di polizia svedese di prendere in carico l'animale deve rimanere in vigore, il consiglio di amministrazione della contea si assumerà prontamente la responsabilità di far rispettare la decisione.

Sezione 7. Diritto di decidere quali animali confiscare. Il diritto di confisca di un animale copre anche la prole che l'animale partorisce mentre viene preso in carico. Quando un animale viene accolto in base alle decisioni espresse dalla sezione 5 o 6, il proprietario non può decidere del futuro dell'animale e della sua prole senza permesso del comitato amministrativo locale.

Sezione 8. Gestione degli animali confiscati.  Quando un animale viene preso in carico, il consiglio di amministrazione della contea decide quanto prima se l'animale deve essere venduto, trasferito in altro modo o ucciso. Se non è altrimenti possibile eseguire una decisione di vendere un animale preso in carico o di trasferirlo, il consiglio di amministrazione della contea può decidere invece che l'animale debba essere ucciso. Il consiglio di amministrazione della contea è responsabile dell'esecuzione di una decisione ai sensi del primo paragrafo.

Sezione 9. Responsabilità per i costi degli animali presi in carico. Il consiglio di amministrazione della contea e l'autorità di polizia svedese possono versare anticipi su fondi pubblici per i costi sostenuti a causa delle misure di cui alla sezione 5 o 6. Il costo di tali misure sarà infine pagato dalla persona contro la quale la misura è stata diretta, a meno che non vi siano motivi speciali per fare altrimenti. Se un animale preso in carico è stato venduto e se il costo di cui al primo paragrafo deve essere pagato alla fine dal proprietario, il consiglio di amministrazione della contea e l'autorità di polizia svedese possono detrarre il costo dalla somma di acquisto. La somma di acquisto coprirà in primo luogo i costi del consiglio di amministrazione della contea.

Capitolo 10 Sanzioni e altre ammende

Sezione 1. Reati ai sensi della presente legge e regolamenti in materia di stordimento. Quando una persona è condannata a una multa o alla reclusione per non più di due anni se ha commesso il reato intenzionalmente o per negligenza: 1. commettere un reato ai sensi del Capitolo 2, Sezione 4, primo o secondo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 5, primo o secondo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 6, primo, secondo o terzo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 7, primo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 8, Capitolo 2, Sezione 9, primo o secondo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 11, primo paragrafo o Capitolo 2, Sezione 13, primo o secondo paragrafo, -Capitolo 3, Sezione 1, primo paragrafo o Capitolo 3, Sezione 2, primo paragrafo, -Capitolo 4, Sezione 1, Capitolo 4, Sezione 2, primo o terzo paragrafo o Capitolo 4, Sezione 3, primo paragrafo, -Capitolo 5, Sezione 1, primo o secondo paragrafo o regolamenti in materia di stordimento emanati dal Governo ai sensi del Capitolo 5, sezione 2, punto 1, -Capitolo 6, Sezione 4, primo paragrafo, -Capitolo 7, Sezione 1, primo paragrafo, Capitolo 7, Sezione 2, primo paragrafo o Capitolo 7, Sezione 9, primo paragrafo; o 2. non ottempera a un divieto di animali ai sensi del capitolo 9, sezione 1 o un ordine sull'obbligo di liquidare una detenzione di animali ai sensi del capitolo 9, sezione 3, se il reato è stato commesso intenzionalmente e correlato a un obbligo di importanza significativa nei confronti del benessere animale, la pena è della reclusione per un massimo di due anni. 

Sezione 2. Reato per divieto di compiere atti sessuali con animali. È condannata la persona che commette un reato ai sensi del capitolo 2, sezione 10, primo comma, di compiere atti sessuali con animali a una multa o alla reclusione per un massimo di due anni.

Sezione 3. Reati ai sensi di alcune disposizioni dell'UE sul trasporto e l'uccisione di animali. Una persona è condannata a una multa o alla reclusione per non più di due anni se intenzionalmente o per negligenza commette uno o più dei seguenti reati: 1. trasporto di animali in violazione dell'articolo 6, paragrafo 3, e delle regole tecniche di cui all'allegato 1 del regolamento (CE) n. 1/2005 del Consiglio, del 22 dicembre 2004, sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate e che modifica le direttive 64/432 / CEE e 93/119 / CE e regolamento (CE) n. 1255/97; 2. in qualità di detentore di animali nel luogo di partenza, trasferimento o destinazione, in violazione dell'articolo 8, paragrafo 1, non garantisce che le norme tecniche di cui al capitolo 1 e al capo III, sezione 1 dell'allegato 1 al Il regolamento (CE) n. 1/2005 del Consiglio è rispettato per quanto riguarda gli animali trasportati; 3. sono responsabili di un centro di raccolta e non garantiscono, ai sensi dell'articolo 9, paragrafo 1, che gli animali siano trattati conformemente alle regole tecniche di cui al capitolo 1 e al capitolo III, sezione 1 dell'allegato 1 del regolamento (CE ) N. 1/2005; 4. uccidere gli animali in un modo diverso da quello delllo stordimento secondo i metodi e le prescrizioni speciali per l'applicazione di questi metodi di cui all'articolo 4, paragrafo 1, e all'allegato 1 del regolamento (CE) n. 1099/2009 del Consiglio, del 24 settembre 2009 sulla protezione degli animali durante l'abbattimento; 5. in violazione dell'articolo 4, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 1099/2009 del Consiglio, uccidere gli animali in modo tale che, dopo lo stordimento, l'animale riacquisti coscienza o sensibilità prima di morire, 6. in violazione dell'articolo 9, paragrafo 3, il regolamento (CE) n. 1099/2009 del Consiglio contribuisce a collocare un animale in dispositivi di immobilizzazione, compreso un poggiatesta, prima che la persona responsabile dello stordimento o del dissanguamento sia pronta a stordire o dissanguare l'animale il più rapidamente possibile possibile; 7. non garantiscono, a norma dell'articolo 15, paragrafo 1, il rispetto delle norme operative per i macelli di cui all'allegato III del regolamento (CE) n. 1099/2009 del Consiglio; 8. non rispettare quanto si applica alla immobilizzazione degli animali bprima dell'abbattimento ai sensi dell'articolo 15, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1099/2009 del Consiglio; o 9. utilizzare uno qualsiasi dei metodi di restrizione vietati ai sensi dell'articolo 15, paragrafo 3, del regolamento (CE) n. 1099/2009 del Consiglio, se il reato è stato commesso intenzionalmente e connesso a un obbligo di rilevanza materiale per il benessere degli animali, la pena è la reclusione per un massimo di due anni.

Sezione 4. Reati contro altre disposizioni dell'UE integrate dalla legge. Una persona è condannata a un'ammenda se, in casi diversi dalla sezione 3, commette un reato intenzionale o per negligenza secondo gli obblighi, i requisiti o i divieti stabiliti nelle disposizioni dell'UE integrate da l'atto. Ciò non si applica se la violazione riguarda disposizioni sull'esercizio dei pubblici poteri.

Sezione 5. Reati ai sensi di regolamenti applicativi della legge emanata. Una persona è condannata a una multa se commette un reato con dolo o per negligenza ai sensi di regolamenti emanati dal governo o, previa autorizzazione del Governo, da parte di un'autorità ai sensi di: -Capitolo 2, Sezione 2, secondo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 4, terzo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 5, terzo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 6, quarto paragrafo, Capitolo 2, Sezione 7, secondo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 9, quarto paragrafo, Capitolo 2, Sezione 11, secondo paragrafo, Capitolo 2, Sezione 12 o Capitolo 2, Sezione 13, quarto paragrafo; -Capitolo 3, Sezione 1, secondo paragrafo , punto 1 o capitolo 3, sezione 2, secondo paragrafo; -Capitolo 4, sezione 2, quarto paragrafo, punto 1 o capitolo 4, sezione 4; -Capitolo 5, sezione 2, punto 1 nei casi diversi da quelli indicati nella sezione 1 ; -Capitolo 6, Sezione 3; -Capitolo 7, Sezione 8, secondo pa paragrafo o capitolo 7, sezione 16, primo paragrafo, punto 1 o secondo paragrafo.

Sezione 6. Reati minori. Se un atto di cui alla sezione 1, 3, 4 o 5 è considerato minore, nessuna responsabilità sarà imposta. Un atto è considerato minore se appare insignificante in considerazione dell'interesse che la disposizione penale intende tutelare.

Sezione 7. Rapporto tra le disposizioni e sanzioni pecuniarie condizionali . Nessuna responsabilità può essere imposta ai sensi della presente legge per un atto coperto da un'ordinanza per una sanzione pecuniaria condizionale, se l'atto costituisce la base per una domanda per l'imposizione della sanzione pecuniaria condizionale.

Sezione 8. Rapporto di queste disposizioni con il codice penale.Nessuna responsabilità è imposta secondo le sezioni 1-5 se la pena prevista per il reato Il codice è lo stesso o più severo.

Sezione 9. Addebito se non è stata ottenuta l'approvazione preventiva. Il governo può emanare regolamenti che prevedono che un addebito debba essere pagato da una persona che non dispone dell'approvazione preventiva di stalle o altri spazi di detenzione per animali o aree recintate ai sensi dei regolamenti emanati ai sensi del Capitolo 6, Sezione 1: l'ammontare della tassa deve essere stabilito nei regolamenti del governo. L'addebito deve essere di almeno SEK 10000 e al massimo SEK 40000. Quando il governo emana regolamenti riguardanti l'entità dell'addebito, si deve tenere conto della complessità e della portata della previa approvazione.

Capitolo 11 Appello

Sezione 1. Appelli contro la decisione di un comitato etico regionale sugli esperimenti sugli animali. In un caso riguardante l'approvazione dell'uso di animali negli esperimenti sugli animali e riguardante il ritiro di tale approvazione può essere appellata al comitato etico centrale sugli esperimenti sugli animali di cui al capitolo 7, sezione 13. decisione del comitato etico centrale sugli esperimenti sugli animali non può essere impugnata.

Sezione 2. Appelli contro altre decisioni. Altre decisioni ai sensi della presente legge possono essere impugnate presso un tribunale amministrativo generale. Tuttavia, le decisioni relative alle forze armate svedesi sono appellate al governo. Lasciare il ricorso è necessario per un ricorso alla Corte d'appello amministrativa.

Sezione 3. Rispondente in appello contro le decisioni dei veterinari ufficiali. Se una decisione emessa da un veterinario ufficiale funzionatiro secondo La legge veterinaria (2009: 1254) è oggetto di ricorso, l'autorità che ha nominato il veterinario ufficiale deve comparire per le istituzioni pubbliche presso il tribunale amministrativo.

Sezione 4. Regolamento sull'applicazione immediata. Il governo può emanare regolamenti riguardanti i casi in cui una decisione ai sensi della presente legge, ai sensi dei regolamenti emanate ai sensi della legge o ai sensi delle disposizioni dell'UE integrate dalla legge si applicano immediatamente anche in caso di ricorso.


––––––––– 1. La presente legge entra in vigore il 1 ° aprile 2019. 2. Questa legge abroga l'Animal Welfare Act (1988: 534) .3. Gli ordini, i divieti e le altre decisioni emesse ai sensi della legge abrogata continuano ad essere applicabili. I divieti di animali ai sensi del capitolo 9, sezione 1, possono, nei casi in cui la decisione si basasse su circostanze verificatesi prima dell'entrata in vigore, essere decisi solo se sono soddisfatte le condizioni per un divieto di animali ai sensi della nuova legge.

Leggi anche: La legislazione tedesca per i diritti degli animali

Leggi anche: La legislazione italiana per la tutela animale

Commentazione.

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Linkware e Charityware, sono cioè risorse che si possono condividere liberamente sui social o altri media, citando la fonte. Significa anche che è gradita la donazione, la quale ci permette di mantenere vivo il Network e adempiere agli scopi statutari di Horse Angels odv.