Sogniamo un mondo migliore per persone, animali e ambiente. Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere codice da inserire: 92169370928

giustizia

 

(Tempo di lettura: 4 - 8 minuti)

Comprare un cavallo, se non si hanno troppe pretese, è il meno. Allevarlo correttamente, prendersi cura di lui responsabilmente, addestrarlo a fare qualcosa in sicurezza, quello è il vero investimento non alla portata di tutti.

Prima di portarsi un cavallo a casa, occorre dunque tenere a mente una serie di cose.

L'eborso iniziale per un cavallo può variare da € 1.000 a oltre € 20.000: più il cavallo è in salute, di mezza età, addestrato bene anche per principianti, di razza e buona genealogia, più il prezzo sale. Puoi inoltre aspettarti che i costi per sfamare il cavallo, mascalcia e veterinario, se non devi pagare un maneggio perché te lo ospiti, cioè se hai il posto a casa, siano intorno a € 2.000 annui. Se  inveve non hai il posto a casa, essi raddoppiano come minimo, perché dovrai pagare vitto e alloggio in maneggio, portandoti ad una spesa da € 4.000 a € 5.000 annui.

Se il cavallo non lo vuoi solo guardare, ma ci vuoi salire sopra, lievitano i costi. Per prima cosa l'assicurazione, che ti costerà in media dagli € 80 ai € 200 annui a seconda delle franchigie e coperture e del tipo di attività svolta. L'equitazione rientra negli sport estremi. Le lesioni minori sono frequenti e purtroppo quelle maggiori capitano, da cui ogni anno muore qualcuno per attività legate ai cavalli. La maggior parte delle lesioni riguarda l'equitazione ricreativa, cioè le passeggiate in natura. Un quarto delle lesioni riguardano minorenni. Il 12% delle lesioni riguardano la testa e alcuni traumi cerebrali sono permanenti. L'80% degli incidenti mortali si verificano ad andature normali o a terra, accudendo il cavallo. L'incidente è dunque sempre dietro l'angolo e con i cavalli non bisogna mai abbassare la guardia, perché le distrazioni sono la principale causa di incidenti. Leggi anche: quanto è pericoloso andare a cavallo.

La migliore prevenzione per gli infortuni è la formazione del cavallo e del cavaliere.

È logico che un cavallo adeguatamente addestrato ha meno probabilità di provocare un incidente. Un cavallo ben addestrato ha anche maggiori probabilità di sopperire alle lacune e distrazioni del proprietario.

Un cavallo non addestrato o male educato è come una moto senza freni: ci puoi fare un giro nel prato a bassa velocità, ma se ti metti in strada puoi ucciderti. O uccidi qualcun altro. Il cavallo può sembrare una creatura mite e bonacciona, ma quando è privo di esperienza, è pur sempre un animale di svariati quintali con la mente di un bambino: se si sente in forma e nessuno glielo impedisce, gli piace fare quello che vuole.

Ogni cavallo, e ancora di più un cavallo verde, giovane, sdomo, poco addestrato, ha un potenziale notevole di fare del male e se non addestrato il suo valore sul mercato è molto basso.

Per questo i cavalli sdomi, privi di genealogia, interi, sono quelli che vengono più spesso regalati o venduti al prezzo della carne. Nel mondo dell'equitazione non valgono nulla, perché addestrarli e renderli animali sicuri per principianti richiede anni e investimenti di migliaia di euro.

Un cavallo che non è stato addestrato è, purtroppo per lui, peggio che inutile: è pericoloso. Nessuno lo vorrà, neppure da compagnia. Se devi comperare un cavallo solo per guardarlo e fargli le coccole, sappi che è poi tua responsabilità tenertelo fino a che muore. Nessun altro lo vorrà, specialmente quando avrà messo su degli anni e le chance di educarlo tardivamente e renderlo interessante per le persone che desiderano cavalli, sono prossime al nulla.

Di persone che prendono cavalli solo per guardarli in Italia ce ne sono veramente poche. Il nostro non è un paese con vaste lande non coltivate, dal prezzo irrisorio, dove ogni famiglia ha terra, tempo, soldi in surplus da destinare la terra a pascolo di animali da compagnia. E questo è il dramma di qualsiasi proprietario di cavallo in Italia, anche addestrato, perché non troverà circa nessuno che voglia rilevarlo, neppure gratuitamente, a fine carriera, quando l'animale sarà anziano e disabile all'equitazione, tranne il macellaio. Il cavallo, anche se è solo da compagnia, mangia tutti i giorni, ha bisogno di cure, la terra costa, mettere su un recinto con ricovero per cavalli costa, c'è una burocrazia infinita per farlo, il cavallo rimane comunque un animale potenzialmente pericoloso da assicurare in caso di fuga e gestirlo adeguatamente ha costi non indifferenti, in termini di tempo e danaro, per la propria formazione: a quel punto se una persona ha un pezzetto di terra, tempo e risorse per educarsi ai cavalli e decide per l'investimento, vuole il cavallo con cui fare in sicurezza passeggiate, non lo scarto altrui solo da guardare e le bollette veterinarie da pagare per la cattiva gestione che ne ha fatto il proprietario precedente per poi liberarsene quando il cavallo gli è diventato solo un peso.

E' quindi di vitale importanza per salvare delle vite, inclusa quella del cavallo, anche se non si desidera praticare equitazione, dargli un'educazione e conservarlo il più possibile in salute. L'addestramento, e un generale stato di salute buono, rendono il cavallo accessibile e desiderabile a più persone. In fatto di cavalli, è il miglior investimento che si possa fare per la propria e altrui sicurezza, e per dare una chance di vita duratura al cavallo, anche se dovesse cambiare di proprietario.

Quanto costa educare il cavallo?

Innanzitutto, puoi acquistare un cavallo che è già stato addestrato. Questa è l' opzione migliore, ma aumenta l'investimento di migliaia di euro e non comprende la tua formazione. Anche se il cavallo è addestrato, e tu non sei capace, il risultato può essere un disastro. La formazione del cavallo regredisce rapidamente in mano ad una persona inesperta.

Tocca aggiungere i costi per la formazione continua, tua e del cavallo. Se calcoli una media di 350 ore l'anno di attività per cavallo scuderizzato (un'ora al giorno con il cavallo movimentato da te o da personale pagato appositamente al maneggio, includendo lezioni di equitazione, passeggiate, e similari), parliamo di un costo extra a quelli già calcolati (di vitto, alloggio, mascalcia e veterinaria) dai € 3.000 a € 5.000 l'anno. L'istruttore del maneggio non vorrà infatti meno di €20,00 l'ora in maneggi economici, e potrà fare un prezzo forfait mensile solo per movimentare il cavallo in tua assenza. A meno che tu non pensi che il cavallo può vivere in prigione (pur non avendo colpe da scontare) 365 giorni l'anno, per uscire per l'ora d'aria ed essere bravo, calmo e sottomesso, in perfetta salute fisica e mentale, solo un'ora con te la domenica; in questo caso siamo fuori già da ogni discorso di responsabilità e amore per il cavallo, e rientriamo in uno di quei casi di maltrattamento equino ancora non riconosciuto per legge. Meglio non prenderselo il cavallo se lo si cosidera alla stregua di un mezzo e non si è in grado di dargli una vita dignitosa. Prendi l'e-bike, ci puoi andare ovunque, non ci sono particolari pericoli e, quando non vuoi andare da nessuna parte, la parcheggi a costo zero in garage.

In secondo luogo, potresti pagare per far addestrare il tuo cavallo da un professionista al costo di circa € 600- € 800 al mese. A seconda del tipo e della quantità di addestramento richiesto, possono essere necessari un paio di mesi, fino a oltre un anno per l'addestramento di un cavallo da lavoro. L'altro svantaggio è che sebbene il cavallo possa ricevere un'istruzione eccellente, tu non stai partecipando e quindi non stai ricevendo formazione. L'addestratore che consegna il cavallo "chiavi in mano" è una buona opzione per i cavalieri esperti che non hanno il tempo e modo di formare i propri cavalli; ma per un principiante significa che una volta ricevuto il cavallo bello e fatto, si avranno ancora molte difficoltà a farci equitazione o ad uscirci in passeggiata in sicurezza. Quindi, come per il cavallo già addestrato, occorre calcolare i costi extra della propria formazione con istruttore specifico.

La terza opzione è quella di addestrare il cavallo da solo, acquisendo abilità e comprensione insieme. La strada degli autodidatti è la più economica, ma richiede vocazione. Se hai tutto il tempo del mondo, enorme pazienza e determinazione, capacità di studiare e allenarti da solo, qualche amico esperto che ha voglia di fare volontariato, qualche soldo da spendere in lezioni una tantum in maneggio, non è impossibile, certo aumenta i rischi di incidenti e infortuni.

Conclusioni

Il cavallo non è per tutti. Richiede veri appassionati, con tempo e/o risorse da dedicargli. Se deve essere un hobby passeggero, e hai poco da spendere, in tempo e denaro, meglio optare per pacchetti di lezioni nel rettangolo del maneggio e/o di uscite in passeggiata con cavalli già perfettamente addestrati e di proprietà di professionisti, ma lasciar perdere l'acquisto del cavallo in proprio.

Suggerimenti per la sicurezza

  1. Se non sei un esperto di cavalli, rivolgiti ad un professionista per aiutarti a scegliere il cavallo migliore per le tue esigenze.
  2. Supervisiona sempre i bambini intorno ai cavalli. Assicurati che non stiano a portata di calci.
  3. Insegna ai bambini a rispettare i cavalli ed ad averne il giusto timore. Non sono giocattoli.
  4. Indossa sempre il casco come dispositivo di sicurezza per le cadute.
  5. Utilizza l'attrezzatura e l'abbigliamento giusto e consono (troppo largo, troppo stretto, che tocca nei punti sbagliati, che si impiglia di qua o di là... sono tutte circostanze che aumentano i rischi).
  6. Non permettere mai al cavallo di pensare che è lui al comando, il leader devi essere tu.
  7. Non avvicinare mai di soppiatto un cavallo da dietro.

Commenti offerti da CComment

Non riceviamo fondi pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Linkware e Charityware, sono cioè risorse che si possono condividere liberamente citando la fonte e che è gradita la donazione che ci permette di mantenere vivo il Network e adempiere agli scopi statutari con vari tipi di azioni.