logofooter

Sogniamo una sola salute e un solo pianeta per persone animali e ambiente. Informazione, sensibilizzazione, tutela legale e interventi sul campo.  Il 5x1000 è la nostra entrata principale, se vuoi aiutarci ad esistere codice da inserire: 92169370928

 

(Tempo di lettura: 2 - 3 minuti)

28 luglio 2020 -La Polizia di Stato di Pisa, in sinergia con quella di Forlì-Cesena, ha tratto in salvo una donna italiana quarantenne, arrestando il compagno di origini albanesi, per il reato di sequestro di persona, maltrattamenti contro familiari aggravati e lesioni pluriaggravate continuate. La donna ha trovato il coraggio di denunciare le violenze che subiva da anni a causa della gelosia di lui, al culmine dell’ennesima lite, sfociata all’interno dell’ippodromo di Cesena, dove la coppia, originaria di Livorno e con la passione per i cavalli, era andata per correre un gran premio.

La vittima ha cercato di chiamare la Polizia ma la telefonata è stata interrotta dalla repressione dell'uomo che, intuendo la sua richiesta d’aiuto, l’ha afferrata per il collo, sbattendola a terra, e colpita ripetutamente con calci e pugni. La donna, nella circostanza, è riuscita a liberarsi grazie all’intervento di alcuni stallieri presenti che, però, si sono solamente limitati a separare la coppia senza chiamare i soccorsi.

A quel punto l’uomo ha intimato alla sua compagna di salire sul van per il trasporto dei cavalli per fare rientro a Livorno. La donna, nell’indifferenza dei presenti, non avendo altre possibilità, ha dovuto sottostare al volere del compagno assecondandolo per evitare conseguenze peggiori.

Nel frattempo la Sala Operativa della Polizia di Cesena, che aveva ricevuto la telefonata, poi interrotta, sentite le urla della donna e intuita la situazione di pericolo, aveva già attivato la procedura di localizzazione del suo telefono cellulare, cercando insistentemente di ricontattarla al telefono per ricevere maggiori informazioni su come trovarla.

Con uno stratagemma, l’operatrice della Polizia di Stato, ha chiamato fingendo di essere un'amica per poter parlare con la donna "sequestrata" e localizzare il mezzo di trasporto dei cavalli.

Grazie ai posti di blocco autostradali, i poliziotti della Squadra Mobile e della Polizia Stradale di Pisa hanno notato una donna che, ferita e completamente sporca di sangue, usciva di corsa da un van per il trasporto dei cavalli che si trovava in coda ad altre auto per correre verso di loro. I poliziotti sono riusciti a trarla in salvo e hanno proceduto, nel contempo, al fermo del compagno a bordo del mezzo. Fonte

Horse Angels ha provveduto in data odierna a notificare via PEC al Pqai7 del Mipaaf la notizia di reato, per chiedere di verificare la vicenda in giudiziario e di attivare un disciplinare in giustizia sportiva ippica, togliendo se del caso i colori al responsabile dei reati descritti. La prevenzione e la lotta agli abusi e alle molestie su donne e minori nel mondo del cavallo sono una parte importante e sentita della nostra attività.

Commenti offerti da CComment

Considera una donazione per sostenere il Network

IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Puoi ricaricare anche la nostra Postepay Impresa 4176 3110 0002 5073 intestata a Horse Angels - Con carta di credito o paypal puoi donare online tramite il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR

Licenza di utilizzo delle risorse del sito Horse Angels ODV

Tutte le risorse del sito Horse Angels ODV sono rilasciate con licenza Linkware e Charityware, sono cioè risorse che si possono condividere liberamente citando la fonte e che è gradita la donazione che ci permette di mantenere vivo il Network e adempiere agli scopi statutari con vari tipi di azioni.