Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Cavalli da corsa, disciplina trotto, che vivono sotto i ponti in Campania, allenati per strada perché allenarli su piste private regolari costa... per la procura ordinaria competente non c'è penale e archivia (nonostante noi si sia riusciti a dimostrare la drammatica morte di uno di questi cavalli per strada, causa incidente durante le fasi di carico e scarico del cavallo/sulky dal van, avvenute anche quelle per strada, articolo sul tema allegato sotto).

Horse Angels ha presentato ieri ricorso all'archiviazione presso la Procura della Repubblica competente.
 
"Se in nord e centro Italia è vietato far vivere i cavalli sotto i ponti solo perché le scuderie regolari costano, ed è vietato allenare i cavalli per strada solo perché allenarli nei maneggi costa, deve essere vietato anche a Napoli e dintorni", questa la nostra posizione.
 
E ancora, "Finché prevale il lassismo e il giustificazionismo ... non si eliminerà il triste fenomeno delle stalle abusive, delle corse illegali su strada e via dicendo".
 
E poi, quale onore per l'ippica se gli ippici sono ridotti a far vivere i cavalli sotto i ponti occupando demanio pubblico per non pagare l'affitto di scuderie, e ad allenarli per strada perché i centri di allenamento rappresentano un costo?
 
A lei, governatore della Campania, Vincenzo De Luca, sta bene questa immagine dell'ippica nella sua regione? Intende opporsi anche lei all'archiviazione o lasciare correre? Intende fare qualcosa a livello regionale per combattere il triste fenomeno delle corse di cavalli su strada? Sensibilizzare la sua ippica regionale a cambiare volto?
 
E rivolto al Mipaaft, Ministro Gian Marco Centinaio, è questa l'immagine dell'ippica che vuole proporre per il rilancio?
 
E quali controlli di benessere da autorità competenti su cavalli che vivono sotto i ponti? Come è possibile che le ASL campane rilascino codici di stalla per allevamenti di cavalli da corsa sotto i ponti? Cavalli che dovrebbero sempre essere tracciati perché, nonostante facciano alimentazione e farmacopea da agonisti, rischiano poi di finire nelle polpette?

Questo video è un piccolo estratto di vari video e foto presenti nella cartella archiviata, e che ci aspettiamo che il Mipaaft ci contatti per fare accesso, questo se la legalità nell'ippica è nell'agenda di governo. In caso contrario... meglio toglierlo dal ministero l'ufficio tutela del cavallo agonista.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Grazie per l'adesione|

Dona online

Considera di sostenerci!

Offerta libera:
 EUR

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?

CONCORSO LETTERARIO ED. 2019

Partecipa al concorso letterario annuale