Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Codice 92169370928

Sono oltre 72.000 i britannici che hanno firmato la petizione che ha questo titolo e che non ha ancora esaurito il suo tempo di raccolta firme.

Attualmente, è la British Horseracing Authority che è responsabile per il benessere dei cavalli da corsa, ovvero un organismo pagato dall'ippica, non indipendente, non garantista verso il pubblico. Ma circa 200 cavalli muoiono ogni anno di incidenti legati alle corse di cavalli in Gran Bretagna. Per questo, su iniziativa di un'associazione animalista, Animal Aid, è nata l'apposita petizione che esorta il governo a istituire un organismo di regolamentazione indipendente, con il benessere dei cavalli come unico interesse, che intraprenderà azioni significative per fermare le morti di cavalli legate all'ippica.


In Italia è in corso oramai da qualche anno, ma apparentemente senza date significative entro le quali giungere a conclusione del processo, la riforma dell'ippica nostrana, e nessun progetto di quelli di quelli in circolazione mette il benessere e la tutela del cavallo al centro. L'unico modo per ottenere questo obiettivo è fare pressing per il cambio dei regolamenti.

La giustizia sportiva ippica in Italia, per ora amministrata dal Mipaaf, è notoriamente tra le più blande d'Europa. Tale da non scoraggiare a sufficienza i comportamenti illeciti, e poco incoraggiante a elevare gli strandard etici. Potrebbe essere necessario anche in Italia chiedere che il benessere del cavallo ippico sia demandato ad un organismo totalmente indipendente ed esterno a Mipaaf e a Organismo Ippico.

Se il tema ti interessa, rispondi al sondaggio.

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?