Traduci

Italian English French Spanish

Motore di ricerca interno

Il 5xmille a Horse Angels

Codice da inserire:

92169370928

Vesuvio Gar, un trottatore classe 2014, non ha superato l'antidoping all'ippodromo di San Giovanni Teatino, in Abruzzo, lo scorso ottobre 2018 per il premio Gerhilde. Era stato trovato positivo ai metaboliti della cocaina  in prime analisi almeno.

La giustizia sportiva è stata tenue per questo reato, un mese di sospensione al cavallo, di proprietà di una scuderia del napoletano.

Horse Angels si era rivolta alla Procura della Repubblica di Chieti, denuncia contro ignoti, affinché fosse reinviato a giudizio per questa positività alla cocaina del cavallo chiunque fosse ritenuto responsabile per i reati connessi, potenzialmente due: frode sportiva e maltrattamento, ci è stata notificata oggi l'archiviazione delle indagini per frode sportiva in base all'infondatezza della notizia.

E' con grave dispiacere che apprendiamo dunque due cose.

  • Primo, l'archiviazione per il reato di frode in competizione sportiva in base all'art.1 della legge 401/89 per un proprietario napoletano di cavalli da trotto e un driver connesso alla sua scuderia. Archiviazione basata sull'infondatezza della notizia di reato visto l'art. 408 co II° c.p.p. Noi avevamo trovato il cavallo positivo sul sito del Mipaaf. Dunque, se il sito del Mipaaf riporta notizie infondate, questo è grave. Screenshot dal sito Mipaaf
    NomeIppodromo
    Data prelievo
    Sostanza rilevataData pubblicazionePeriodo sospensioneSeconda analisiNote
    VESUVIO GAR (TROTT. 2014) SAN GIOVANNI TEATINO T - 16/10/2018 BENZOILECGONINA E ECGONINA METILESTERE 19/11/2018 Dal: 20/11/2018
    Al: 19/12/2018
       

La legge di riferimento, link

  • Secondo, che probabilmente il reato di maltrattamento, afferente alle legge 189/04, non è stato neppure preso in considerazione. L'archiviazione non cita la legge infatti.

Ricordando che, per la normativa italiana, il doping configura - oltra alla frode sportiva - in ipotesi il reato di maltrattamento. In base alla legge citata, "maltrattatore" è chiunque somministra agli animali sostanze vietate o stupefacenti, ovvero sottopone l'animale a trattamenti che procurano un danno alla sua salute. Il reato è punito con la reclusione da 3 a 18 mesi, o con la multa da 5.000 a 30mila €.

La legge di riferimento, link

Ti è piaciuto questo articolo? Metti un like o condividi, grazie.

Non riceviamo sostegni pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR

Iscriviti alla Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy