Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Codice 92169370928

Nel panorama sportivo, il reato di doping può essere commesso anche da  soggetti diversi dagli atleti Ebbene, ad esempio, rientra in questo ambito l’ipotesi di procacciamento, somministrazione, assunzione o favoreggiamento dell’utilizzo di farmaci o sostanze dopanti di cui all’art. 9 comma 1 della legge 376/2000, il quale dispone: “Salvo che il  fatto costituisca piu’ grave reato, e’ punito con  la  reclusione da tre mesi a tre anni e con la multa da euro 2.582 a  euro 51.645 chiunque procura ad  altri,  somministra,  assume  o favorisce comunque l’utilizzo  di  farmaci  o  di  sostanze biologicamente  o  farmacologicamente  attive,   ri-compresi nelle classi previste all’art. 2, comma 1,  che  non  siano giustificati da condizioni patologiche  e  siano  idonei  a modificare  le   condizioni   psicofisiche   o   biologiche dell’organismo,  al  fine  di   alterare   le   pre-stazioni agonistiche degli atleti, ovvero siano diretti a modificare i risultati  dei  controlli  sull’uso  di  tali  farmaci  o sostanze.”  Ne consegue che nella sfera penale,  vi è una comparazione tra l’assunzione della  sostanza dopante da parte dell’atleta e il favorire l’uso delle stesse da parte di soggetti terzi, prevendo un’equiparazione  legislativa affine a quella per i reati in materia di sostanze stupefacenti.

L’ipotesi della somministrazione, invece, comprende infatti ogni tipo di consegna, distribuzione o vendita a qualsiasi titolo, sia oneroso che gratuito, di una sostanza con il fine di un consumo o utilizzo immediato da parte dell’atleta.

Altra condotta prevista dall’art. 9 di cui sopra è quella di chi “favorisce comunque l’utilizzo” di sostanze o farmaci, in altre parole chi materialmente ma anche psicologicamente facilita l’utilizzo e la diffusione del doping.  Nell’ambito di questa fattispecie si rinvengono i comportamenti del medico che mette a disposizione dell’assuntore un locale o un vano medicinali, o il gestore di un impianto sportivo che, non pur non fornendo direttamente le sostanze, predispone alcuni locali per poter fare uso di determinate sostanza in tranquillità e sicurezza.

Come ampliamente esposto nei casi che interessano l’accusa dell’atleta perché sussista il reato è, senza dubbio, necessario che la sostanza in questione abbia la concreta capacità di alterare le condizioni psicofisiche dell’atleta con il fine di migliorare prestazione agonistica dello stesso oppure di alterarne i risultati del test antidoping.

Ad ogni buon conto, per questo tipo di reato esistono circostanze aggravanti (art. 9 comma 3)  che stabiliscono l’aumento della pena fino ad un terzo, ovvero: 1) se dal fatto deriva un danno per la salute dell’atleta, 2) se il fatto è commesso ai danni di un minorenne, 3) o se il soggetto accusato risulta essere un dipendente del CONI o di una federazione sportiva nazionale o di associazione, ente o società riconosciuta dallo stesso CONI, o ancora se l’incolpato è esercente una professione sanitaria.

Scritto dall'Avv. e Procuratore Sportivo Valentina Porzia

Per info e approfondimenti, scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Considera un sostegno alla nostra missione