Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Codice 92169370928

Sotto falso nome si presentava come interessato a ricevere gratuitamente cavalli in esubero per destinarli all'ippoterapia, poi li mandava a ramengo altrove.

La storia del presunto finto salvatore di cavalli, Francesco Cacciatore, alias di Alessandro Tesi, più il tempo passa più assume i connotati di una barzalletta da cinepanettone all'italiana.

Secondo gli accusanti, i cavalli regalati, anziché essere trasportati presso la struttura indicata, Ippogrifo in Umbria, venivano dirottati in azienda situata a Casal Del Principe, in provincia di Caserta.

E' stato proprio il titolare dell'Ippogrifo, Massimo Francone, contattato da un paio di proprietari di cavalli per aggiornamento, che ha permesso che l'ipotetica truffa fosse portata alla luce chiamando in soccorso il celebre format televisivo scandalistico Le Iene.

Il link alla vicenda: Salvatore di poveri cavalli beccato, dove vanno a finire i cavalli?

La notizia ebbe una cassa di risonanza enorme, per una vicenda finita poi a tarallucci e vino.

Ma chi era il personaggio? Su facebook si chiamava Francesco Cacciatore, nella vita Alessandro Tesi, ippico.

Lo stesso personaggio pare sia già stato condannato in primo grado per aver procurato la lesione all'inviato speciale de Le Iene Nicolò De Vitiis.

Il reinvio a giudizio per l'altro filone di accusa è invece per settembre pv.

Vede imputato il Tesi del reato previsto e punito dall'art. 494 (delitto di sostituzione di persona), "perchè con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, al fine di procurare a sè o ad altri un vantaggio, utilizzando un falso profilo facebook e presentandosi di volta in volta come figlio-parente-dipendente del titolare di una nota azienda agraria convinceva più persone a donare il proprio cavallo sulla falsa rassicurazione della destinazione dell'animale alla citata azienda a scopo di ippoterapia".

Va detto che solo una persona di coloro che regalarano i cavalli al Tesi fece denuncia. Gli altri si sono liberati del cavallo non macellabile che si erano stufati di mantenere, senza tracciabilità e passaggio di proprietà, e per il resto chi se ne frega.

Horse Angels riconosciuta parte lesa al processo, perché noi denunciammo, e quindi figuriamo come querelante. Difesa da Studio Legale Altomare & Associati di Cosenza, Avv. Ferruccio Mariani.

La vicenda è pubblica, su molti giornali. Questo non ha impedito il 14 luglio ultimo scorso che l'Ippodromo di Montecatini premiando il cavallo Tempest Treb, con la sua squadra, riprendesse il Tesi. Foto che finita sui social ha provocato indignazione, non solo nelle persone ferite perché tratte in inganno dal Tesi, di cui al capo d'accusa, ma offendendo anche alcuni ippici, che ci hanno segnalato la faccenda.

Il punto è che se ci fosse un codice etico nell'ippica, esso dovrebbe prendere in cosiderazione, per determinati reati, il rischio di reiterazione, procedendo a "sospensione cautelare" in attesa del processo gli operatori che si macchiano di determinati tipi di accuse, e radiandoli poi nel caso il processo convalidi le accuse. E tra questi reati, secondo noi, ci dovrebbero essere: doping con sostanze vietate, macellazione abusiva, corse clandestine di cavalli, corse truccate, maltrattamento cavalli.

Vedremo come andrà a finire. Non manca troppo al processo.

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?