Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Non si capisce perché, vista la Sentenza del Consiglio di Stato n. 6317-'04, che vieta di utilizzare qualsiasi animale vivo come PREMIO-VINCITA-OMAGGIO, così poche Regioni, ancora, abbiano adeguato la propria normativa regionale a ciò, attraverso la l.r. di tutela degli animali da abbandono e maltrattamento.

La legge regionale deve creare un chiaro divieto di offrire in omaggio animali come vincita di gioco, o a qualsiasi altro titolo, nell'ambito di attività commerciali, giochi e spettacoli, come già avviene in Regioni evidentemente a normativa più avanzata per la tutela animale, qui citiamo Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Toscana.

Il Veneto, nella fattispecie, è la regione in cui si regalano più equidi nelle lotterie di paese, e dove ogni anno, a ogni lotteria, sorge il problema del destino finale dell'animale vivo regalato a chiunque lo estragga in sorte come premio, anche non proprietario regolamentare di codice di stalla per equidi, o persona in grado di poter mantenere l'equide in struttura conto terzi (maneggio). Di conseguenza, partono gli appelli perché l'animale non vada al macello, che si viralizzano sui social, senza che la regione colga l'occasione per adeguare la propria normativa, che attualmente "sconsiglia" ma non vieta l'animale vivo come premio di lotteria o pesca di beneficenza. 

E' di questi giorni l'appello virale sui social di un asino vinto da un certo Stefano a una lotteria del Veneto, la "Festa Paesana".

L'asino ha 6 mesi, è maschio ed è macellabile dal punto di vista anagrafico. Si trova a Trivignano (VE).

Rischierebbe il macello perché il vincitore non ha un posto per equini a norma, né può permettersi di mantenerlo in un maneggio. Di lì l'appello sui social, con decine di persone che si sono offerte per l'adozione, tra cui Horse Angels. 

Horse Angels però fa anche di più, rinnova la richiesta alla Regione Veneto di adeguare la propria normativa al resto delle Regioni più progressiste di Italia, e vietare definitivamente che esseri senzienti possano essere regalati come premi di lotterie.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Grazie per l'adesione|

Dona online

Considera di sostenerci!

Offerta libera:
 EUR

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?

CONCORSO LETTERARIO ED. 2019

Partecipa al concorso letterario annuale