Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Le corse di cavalli su strada, che siano o meno collegate a corse clandestine di cavalli, sono secondo noi un reato di maltrattamento, perché mettono a dura prova ossa e articolazioni dei cavalli. Ma sono sicuramente, per la legge italiana, un reato quanto meno amminsitrativo.

Ma vediamo cosa dice la legge in propostito: il codice della strada punisce e vieta tutte corse non autorizzate su strada, che coinvolgano umani, animali o motoveicoli. Se sono gare senza scommesse, la punizione prevista è di tipo amministrativo, e consta di una sanzione di €700,00 per violazione del codice della strada quale attività sportiva non autorizzata. Se la corsa coinvolge mezzi a motore, vi è l'aggravante penale, lo stesso dicasi se vi sono annesse scommesse in denaro.

Per l'eventuale autorizzazione a correre per strada con i cavalli, il codice rimanda ai proprietari della strada (comune, provincia, regione), i quali devono rilasciare un'autorizzazione in contemporanea con quella della pubblica sicurezza altrimenti subentra il divieto. Si deve anche chiedere il parere della federazione sportiva di competenza.

Per ragioni di ordine pubblico – si occupa infatti un suolo del demanio - occorre richiedere questi permessi e ottenerli almeno tre giorni prima dell'evento, dovendo sussistere tutti in contemporanea. Chi senza questi permessi e cautele organizza una corsa di cavalli su una strada aperta al traffico, come è successo in questo caso, si assume la responsabilità di rispondere quanto meno di omicidio preterintenzionale se non doloso in caso di incidente: perché sapeva perfettamente di svolgere un'attività pericolosa, basta poco per far scartare un cavallo e andare a farlo sbattere contro una macchina o una moto che procede in senso contrario.

Quindi, riassumendo: non è permesso galoppare su strada con cavalli in stile gara. A corollario della questione, è importante denunciare questi fatti, anche se i tribunali sono intasati da denunce e i malavitosi pensano di poter approffittare di questo.

E' importante dare le giuste informazioni e controbattere a quei deliquenti che sostengono che gareggiare su strada con i cavalli è possibile.

Come è fondamentale che la gente sappia che divertirsi con queste cose rappresenta socialmente un segno di bassezza, di cui c'è poco da vantarsi, bisognerebbe invece vergognarsi.

Per questo vi chiediamo di aiutarci a denunciare le persone di questo video. 

Video comparso in queso agosto rovente sul profilo di cavallari laziali, ambientato secondo voci di corridoio a Palestrina (RM), quartiere noto per la disturbanza malavitosa ivi arrecata da clan malavitosi di origine sinti legati anche ai cavalli, titolato "Non me lo ricordo e Miss Dada con Giulio Chiara". Nel video presumibilmente due purosangue inglesi, mentre era taggato da chi ha postato il video sui social, un fantino noto per la partecipazione a numerosi palii, tale Giulio Chioffi, detto "L'Asciutto". Nel vocale del video si sentono chiaramente incitamenti del tipo: "Vai Giulio", anche se sarà poi compito delle autorità stabilire a quale Giulio ci si riferisca.

Abbiamo inviato la segnalazione al Mipaaf, ufficio tutela del cavallo da corsa, ma c'è stato riferito che i fanti di palii competono invece al Ministero della Salute. Proviamo ora a rivolgersi a quest'ultimo perché scaturisca un'indagine e, se del caso, la radiazione del fantino da palii, giacché l'ordinanza ministeriale per le corse di cavalli fuori dal circuito uffiale (ippodromo) prevede l'esclusione dai palii di fantini colpevoli di reati di maltrattamento animale, e sicuramente le corse su strada sono un reato che si ascrive al maltrattamento animale, oltre che un rischio per la pubblica sicurezza. Vi faremo sapere cosa ci rispondono.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Grazie per l'adesione|

Dona online

Considera di sostenerci!

Offerta libera:
 EUR

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?

CONCORSO LETTERARIO ED. 2019

Partecipa al concorso letterario annuale