Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Sono atleti e quindi non sono macellabili i cavalli F.I.S.E.

Non può esserci alcun equivoco, secondo quanto risposto dal Presidente del CONI Giovanni Malagó alle proteste pervenute a seguito della decisione della maggioranza del consiglio federale F.I.S.E. di abrogare la norma che impedirebbe ai cavalli iscritti alla F.I.S.E. di essere macellati a fine carriera agonistica.

Il CONI conferma quindi quanto sottoscritto il 6 marzo 2015 quando 4 istituzioni -Ministero della Salute, CONI, Comitato Italiano Paralimpico e F.I.S.E. - sottoscrissero, insieme ad altre, una delle norme fondamentali a tutela dei cavalli atleti.

“Possono quindi essere iscritti nei ruoli FISE e praticare attività in ambito F.I.S.E. solo equidi che sul documento identificativo sono indicati come NON DPA” (ossia non destinabili alla macellazione per la produzione di alimenti): questa la norma sottoscritta e rideliberata, nell’ambito di uno specifico Regolamento FISE, anche dal Commissario Straordinario Gianfranco Ravá disposto dal CONI per riorganizzare la federazione sotto il profilo amministrativo contabile e regolamentare.
Una norma fondamentale che la FISE ha adottato per la prima volta nel 2006 quando era anche soggetto anagrafico per gli equidi secondo la normativa europea e che ha riconfermato negli anni successivi.

La querelle era partita il 5 dicembre scorso, quando si era diffusa la notizia che il consiglio federale della F.I.S.E. volesse consentire l’iscrizione nei ruoli F.I.S.E. di cavalli DPA, come anche la scuderizzazione degli stessi presso i centri federali.
Il testo pubblicato, approvato al 7/01/2018, sebbene non ancora deliberato, prevedeva infatti che potessero essere macellati a fine carriera anche cavalli e pony impiegati in qualunque attività, disciplina e gara sino a 6 anni di età, come confermato dalla presidenza anche nella conferenza stampa del 15 gennaio 2018 ripresa e diffusa a mezzo video. 

L’intervento del CONI, sollecitato da più parti per risolvere l'impasse, quale organo di controllo delle Federazioni, é importante per risolvere la querelle e non può farsi attendere ulteriormente.

"É da circa due mesi - 18 dicembre -che il testo FISE é stato sottoposto al CONI e si è ancora in attesa dell’intervento definitivo del CONI per le modifiche al Regolamento FISE relativamente al tesseramento degli atleti cavalli su questo punto specifico del DPA/NON DPA, mentre gli altri interventi al testo sono già stati fatti” ha dichiarato Roberta Ravello a capo di Horse Angels. “Serve il ripristino urgente di un testo normativo regolamentare che non lasci spazio né a dubbi, né a interpretazioni entro le quali possano crescere comportamenti tesi a trovare scorciatoie, deroghe, scusanti, escamotage. Soprattutto, diciamo no a circolari, a note e altro che possano creare confusione, quando serve una norma chiara comprensibile a tutti quanti e che aiuti a puntare il dito su responsabilità in caso fosse disattesa." 

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Grazie per l'adesione|

Dona online

Considera di sostenerci!

Offerta libera:
 EUR

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?

CONCORSO LETTERARIO ED. 2019

Partecipa al concorso letterario annuale