Traduci

Italian English French Spanish

Motore di ricerca interno

Il 5xmille a Horse Angels

Codice da inserire:

92169370928

I cavalli americani hanno ottenuto una "vittoria storica" ​​poiché un emendamento legislativo si prefigge di bandire la pratica disumana del "soring".

Alla Camera dei rappresentanti i membri hanno votato in data 25 luglio - 333 a favore contro 96 contro - sul memoriale del senatore americano Joseph D Tydings atto a prevenire tale pratica.

Col termine Soring si intende l'utilizzo di sostanze chimiche o strumenti di pressione (come bende chiodate, catene) per causare dolore alle zampe anteriori del cavallo quando toccano terra, obbligando così il cavallo ad una andatura disequina che emula la camminata militare da parate. È una pratica abusiva inflitta ai cavalli Tennesse Walking Horses, per una disciplina storica che risale alla guerra civile nord/sud USA, diffusa solo nello stato del Tennesse.

Quasi mezzo secolo fa il Congresso e il presidente Richard Nixon avevano collaborato per mettere in atto la legge federale sulla protezione del cavallo al fine di mettere al bando l'inflizione intenzionale di dolore agli zoccoli e agli arti (prodotta con abrasivi, chiodi e catene) e, finalmente, ora, sembra che ci sia un giro di vite importante per porre fine alla pratica crudele.

Quando l'atto di prevenzione per il soring diventerà legge, ci sarà il permesso di punire addestratori, allenatori ed equestri senza scrupoli che sono pronti a infliggere dolore intenzionale ad un cavallo pur di ottenere il risultato voluto.

Si tratta della correzione giusta alle azioni illecite di un segmento non virtuoso dell'industria equestre americana.

Ti è piaciuto questo articolo? Metti un like o condividi, grazie.

Non riceviamo sostegni pubblici

CONSIDERA DI SOSTENERCI - IBAN intestato a Horse Angels: IT37 C076 01132 0000 1000 5050 63 - Con carta di credito puoi donare online pigiando il bottone qui sotto:

Offerta libera
 EUR

Iscriviti alla Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy