Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Approfondisci qui...

Al via una risoluzione europea sulla tutela degli equini, improntata ai criteri di proprietà responsabile e di più controlli nei macelli.

Approvata in AGRI, ovvero Commissione Agricoltura Europea, la relazione sugli equini andrà al voto nel marzo 2017. Il tutto si deve all'iniziativa della deputata europea Julie Girling (ECR, UK) mentre in Commissione, tale risoluzione, ha goduto di 43 voti favorevoli e uno solo contrario. La relatrice ha sottolineato come l'obiettivo non sia la maggiore burocrazia, o normazione, ma piuttosto quello di rendere più efficaci le norme già in essere, che non sempre e non in tutti i paesi ottengono rispetto. Ha sottolineato inoltre come occorra incoraggiare più uniformità normativa tra gli Stati Membri. 

La risoluzione chiede agli Stati membri iniziative ispettive nei macelli autorizzati del territorio, mentre particolare attenzione dovrebbe andare all'epilogo della vita del cavallo (nelle varie accezioni) fino alla tutela del consumatore di carni equine, con la definizione dei livelli massimi di residui di medicinali veterinari (es. fenilbutazone), per garantire una maggiore sicurezza alimentare.

La relazione sollecita inoltre gli Stati membri a svolgere controlli nei confronti dei proprietari di cavalli, per evitare il maltrattamento e l’abbandono e vi è anche un impulso a spronare gli stati membri ad adottare iniziative di defiscalizzazione per consentire la crescita delle attività che impiegano gli equidi.

Alla Commissione Europea i deputati AGRI chiedono la pubblicazione di linee guida sul benessere degli equidi, per altro già in essere in Italia per iniziativa del Ministero della Salute. La relazione invita la Commissione a formulare orientamenti per l'ufficio alimentare e veterinario sul benessere degli equidi durante la macellazione.

"Un aspetto questo poco affrontato in Italia, dal momento che il nostro paese non ha ancora circuiti "virtuosi" per la macellazione del cavallo e le stalle di sosta sono del tutto inadeguate a garantire il benessere degli equidi fino al destino ultimo, quando questo è la macellazione", sottolinea il Presidente Horse Angels apprendendo la notizia della risoluzione europea.

 L'Ufficio Alimentare Veterinario della Commissione potrebbe a sua volta aumentare il numero di ispezioni nei macelli.

"Tutto ciò non solo è auspicabile, ma anche doveroso. Nei macelli dovrebbero mettere le telecamere, eterodirette dall'esterno, in modo che ci siano meno possibilità che gli ispettori siano comperati o fatti tacere, specialmente in un paese come l'Italia, che non eccelle per diligenza degli impiegati nelle loro pubbliche funzioni e dove la percezione nel pubblico della corruzione è tra le più alte in Europa", commenta ancora il Presidente Horse Angels alla lodevole iniziativa dell'AGRI, perfettamente in linea, tra le altre cose, con più di una petizione lanciata negli ultimi anni dalla stessa nostra associazione. 

Fonte