Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Troppo spesso si vedono persone iniziare precocemente i puledri alla sella, con il rischio di rovinarli.  

Sebbene il dibattito sia vivace sull'età giusta per cominciare a cavalcare un cavallo, la maggior parte degli addestratori qualificati con tanto di diplomi riconosciuti dagli enti di promozione dell'equitazione, sarebbe d'accordo ad affermare che un cavallo può cominiciare a lavorare seriamente solo dopo la maturità, ovvero a partire dai 4 o 5 anni.

Prima di allora il cavallo può essere socializzato, cominciare l'educazione da terra, saggiare sella, imboccatura e finimenti vari, ma non può cominciare un lavoro pesante di scuola d'equitazione, agonismo equestre o qualsiasi altro impiego a sella di tipo impegnativo, costante, quotidiano. 

All'età di quattro o cinque anni, un cavallo è quasi completamente maturo, anche se alcuni cavalli continuano a crescere in altezza fino a 7 anni. L'età per cominciare a "lavorare", corrisponde anche a quella della maturità sessuale per l'eventuale riproduzione.

C'è ben poco vantaggio ad avviare precocemente un cavallo all'agonismo. Quest'ultimo infatti è un'attività impattante il sistema muscolo schelettrico del cavallo, e fino a che le giunture non sono chiuse, sport impegnativi come il salto, il dressage, l'endurance, o qualsiasi impiego fisicamente impegnativo, rischia di danneggiare seriamente articolazioni e legamenti delle gambe e della parte superiore del corpo, rendendo il cavallo un disabile - sogetto ad essere scartato come un oggetto usato e logorato - già entro i 10 anni di età.

Certo, storicamente ci sono state discipline - la cui dignità è oggi in discussione - che non avevano come obiettivo preservare o proteggere il cavallo, ma solo sfruttarlo e poi cambiarlo rapidamente come se si trattasse di uno strumento. Per fortuna oggi le cose stanno cambiando e la tutela del cavallo, della sua vita - salute e longevità, anche in virtù del favore dell'opinione pubblica, diventa sempre più rilevante. 

Per questo, nelle competizioni sportive più rispettose del cavallo, vi è un'età prestabilita minima sotto la quale è impossibile iscrivere il cavallo alla gara.

Questo requisito di protezione dei cavalli riconosce che l'animale debba avere ossa, tendini, legamenti, muscoli e articolazioni stabilizzati dalla maturazione fisica per sopportare l'impatto di una persona portata sulla schiena che fa agonismo e quindi richiede allenamenti frequenti e impegnativi.

Oltre a proteggere fisicamente il cavallo, l'età minima per cominciare il lavoro, offre un vantaggio di maturazione emotiva. Un cavallo mentalmente più maturo è più sensibile, più propenso ad ascoltare, più facile alla concentrazione per un tempo più prolungato negli esercizi, e quindi più facile da addestrare.

L'addestramento per essere rispettoso deve iniziare con gradualità ed essere eseguito da persone che hanno tecnica, competenza, esperienza e vocazione per la comunicazione con i cavalli.

Come in molti altri ambiti della vita, lento è sinonimo di qualità nell'educazione del cavallo, mentre la fretta di avere il cavallo a sella ancora puledro, denota ignoranza e mancanza di rispetto.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Grazie per l'adesione|

Dona online

Considera di sostenerci!

Offerta libera:
 EUR

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?

Pubblica il tuo manoscritto con Horse Angels!

Partecipa al concorso letterario annuale