Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish
Photo: Kosuke Nakamura

I cavalli si sono dimostrati capaci di integrare le espressioni facciali e le tonalità vocali umane per percepire le emozioni trasmesse, indipendentemente dal fatto che la persona sia familiare o meno.

I risultati del recente studio in Giappone, condotto dalla Dott.ssa Ayaka Takimoto e dal suo team, presso l'Università di Hokkaido, hanno dimostrato che i cavalli possiedono elevate capacità di comunicazione e possono leggere le emozioni dei loro pari attraverso espressioni facciali e chiamate di contatto o nitriti. Allo stesso modo riescono a leggere gli umani, esattamente come fanno i cani.

Lo studio è stato riportato sulla rivista Scientific Reports, e ha descritto il progetto di comunicazione con i cavalli integrando voce ed espressione. 

 Research用写真 e1506308419371 1024x578Nella foto, la titolare della ricerca, Ayaka Takimoto

Hanno usato quello che è noto come il metodo di violazione dell'aspettativa, che è stato usato con successo per studiare lo sviluppo cognitivo infantile.

Ai cavalli è stata mostrata l'immagine di un'espressione facciale felice o un'espressione facciale arrabbiata su uno schermo, e poi hanno sentito una voce umana preregistrata - lode o rimprovero - da un altoparlante dietro lo schermo. 

I cavalli hanno ricevuto sia la condizione congruente (corrispondente), in cui i valori emotivi dell'espressione facciale e del tono della voce sono stati abbinati, sia la condizione incongruente, in cui non lo erano.

I risultati dell'esperimento hanno mostrato che ai cavalli non si può mentire. Notano le incongruenze, cosa che gli etologi dicono da parecchio tempo del resto. E le notano sia che l'umano sia un loro abituale frequentatore, sia che sia uno sconosciuto.

"Il nostro studio potrebbe contribuire alla comprensione di come gli esseri umani e gli animali da compagnia inviano e ricevono segnali emotivi per approfondire le relazioni, il che potrebbe aiutare a stabilire una relazione migliore che enfatizzi il benessere degli animali", ha detto la Takimoto. "Gli studi futuri dovrebbero esaminare se questa percezione intermodale delle emozioni nei cavalli sia innata o appresa per comprendere gli effetti della genetica e dell'ambiente sullo sviluppo di questa capacità" ha aggiunto.

Link allo studio originale: Percezione intermodale dell'emozione umana nei cavalli domestici (Equus caballus), rapporti scientifici, 21 giugno 2018.

DOI: 10.1038 / s41598-018-26892-6

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Grazie per l'adesione|

Dona online

Considera di sostenerci!

Offerta libera:
 EUR

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?

Pubblica il tuo manoscritto con Horse Angels!

Partecipa al concorso letterario annuale