Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Approfondisci qui...

Come tra gli esseri umani la dotazione intellettiva può differenziarsi su basi sia genetiche che di stimoli educativi cui il soggetto è sottoposto, lo stesso vale per i cavalli o qualsiasi altro animale.

Da una parte c'è madre natura, che dispensa come crede le doti individuali; dall'altra l'ambiente di formazione che, specialmente negli anni della crescita, può essere determinante per lo sviluppo di un soggetto più perspicace, perché più stimolato a fare collegamenti di sinopsi tra cause ed effetti. 

Che sia destinato all'equitazione di campagna o all'agonismo negli sport equestri, un cavallo si definisce brillante, perspicace, intelligente, arguto, quando il suo spirito è acceso e sembra volontariamente intendere le richieste del suo conduttore e metterci del suo per eccellere nelle risposte. 

Un cavallo sotto tono fisico, sotto alimentato, maltrattato, si spegne, non si accende. Dunque è importante, quando si vuole avere un cavallo al suo top cognitivo, dargli un ambiente e un tipo di alimentazione consoni al suo benessere psico-fisico. 

A questo proposito, uno studio condotto dai biologi evoluzionisti della Università di Adelaide, metterebbe in luce come molti animali siano dotati di facoltà intellettive pari o superiori all’uomo. Ciò che l’essere umano ha sempre creduto, cioè di possedere l’intelligenza superiore, è errato in base alle più contemporanee ricerche scientifiche. 

A creare il malinteso, su quanto possa essere intelligente un animale, corrompendone la valutazione, è l’assenza di un linguaggio comune comprensibile dall’uomo, oltre all’assenza di un’interazione o interesse dell'animale allo sviluppo di tecnologie.

Ogni animale ha il proprio lessico e sicuramente quello di molte specie animali non può essere considerato meno articolato o inferiore a quello degli esseri umani.

Oltre alle specifiche date dalla specie e razza, va aggiunta la variabile individuale nella valutazione delle doti intellettive di un determinato individuo.

Alcuni soggetti possiedono un'arguzia tale, da essere in grado di sfruttarla per risolvere dilemmi e problematiche, magari organizzando una sequenza di azioni che possano condurli all’obbiettivo.

Gli animali comunicano con noi, dialogano costantemente dichiarando le loro necessità. Alcuni, i più intelligenti, sono in grado di manipolare l’uomo pur di raggiungere i propri scopi. Quello che non va scordato, che li rende di pari dignità all'essere umano, è che provono  sentimenti: soffrono, amano, disprezzano, a seconda. Le emozioni sono parte integrante del mondo animale, riuscire a interpretarle e comprenderle è compito dell’uomo per costruire relazioni significative in positivo.

Tornando ai cavalli, purtroppo i soggetti più intelligenti sono spesso quelli che finiscono al macello giovani, perché ritenuti aggressivi, poco cooperativi, poco disponibili a sottomettersi a chiunque. Per un cavallo particolarmente intelligente, è un dramma trovarsi nelle mani di un proprietario meno intelligente di lui. Il conflitto è assicurato. Il cavallo cercherà di dominare, non riconoscendo alcuna autorevolezza in chi gli sta di fronte e finirà male per il cavallo, purtroppo, a meno che non sia venduto a qualcuno in grado di apprezzarlo e valorizzarlo. 

Fortunato il proprietario di un cavallo arguto che sa comprenderlo e stimarlo, perché quel cavallo sarà in grado di fare cose fuori dal comune e con una consapevolezza che lo renderà veramente un cavallo maestro.

 

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?