Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Codice 92169370928

Reggio Calabria. L’inchiesta Eracle ha svelato un clan di finti buttafuori che si occupavano di "proteggere" la movida a Reggio. All’interno dei lidi “gestiti” dalla cosca era permesso far girare stupefacenti. Scoperto anche un giro di corse clandestine di cavalli. 

I pm Sara Amerio e Walter Ignazzitto al termine della requisitoria al processo abbreviato Eracle, hanno chiesto la condanna di 28 imputati relati al Clan Condello.

Il processo “Eracle” con il rito abbreviato davanti al gup Filippo Aragona si è concluso con un verdetto pesante: venticinque condanne (con pene pesanti anche fino a 20 anni) e una sola assoluzione.

TAG: 'ndrangheta, condanne, movida

PERSONE CONDANNATE: Andrea Morelli, Antonino Marino, Attilio Buontempone, Basilio Cutrupi, Bruno Antonio Crucitti, Bruno Magazzù, Carmine Surace, Cosimo Morelli, Domenico Nucera, Egidio Morabito, Enrico Barcella, Fabio Caccamo, Fabio Minutoli, Fabio Morelli, Fabio Puglisi, Francesco Barbaro, Francesco Condello, Francesco Eneide, Francesco Ferrante, Giovanni Magazzù, Giuseppe Pecora, Michele Panetta, Mino Berlingeri, Mustafà, Paolo Cosoleto, Salvatore Falduto

In pratica il clan imponeva la protezione sui locali della movida cittadina, garantendosi anche un canale esclusivo per lo spaccio di droga ai giovani.

Attività che i rampolli del clan Condello alternavano alle corse clandestine dei cavalli e alle altrettanto clandestine scommesse sulle gare.

Soldi e cavalli

Le corse clandestine dei cavalli. Ducumentato un ricovero per equini che gli inquirenti individuano nella disponibilità della cosca famiglia per conto della quale la “scuderia” effettuava ripetutamente corse clandestine sulla strada a scorrimento veloce Gallico-Gambarie. Gli imputati poi, avrebbero anche impartito, senza alcuno scrupolo, disposizioni sui farmaci, alcuni riservati ad uso umano esclusivo, da somministrare ai cavalli per migliorarne le prestazioni compromettendo la loro salute. Anche se per questi episodi la Procura non ha contestato l’aggravante mafiosa per il gup siamo «quasi nel campo della tradizione della ‘ndrangheta, che non disdegna di operare in un settore che anima la passione di una parte della popolazione, ma che finisce col divenire esso stesso strumento di arricchimento». Il tutto maltrattando gli animali costretti a correre sull’asfalto, compromettendo l’uso degli zoccoli, e dopati fino all’inverosimile affinché le loro prestazioni fossero le più redditizie possibile. «Poverini, i cavalli li frustate», diceva una donna intercettata. Ma questa era solo una delle tante violenze che gli animali erano costretti a subire da presunti mercenari senza anima. Gli imputati poi, si improvvisavano anche chirurghi «e si adoperavano ad effettuare interventi manuali sugli equini» pur non avendo alcun titolo o conoscenza veterinaria. Le gare clandestine si tenevano all’alba la domenica mattina sulla Gallico-Gambarie; anche in questo caso ad incastrarli sono stati i video registrati in diretta dalle forze dell’ordine.

Non sei ancora iscritto a Horse Angels? Provvedi