Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Codice 92169370928

Lo sport equestre d'élite si svolge in un ambiente professionale e commercializzato.

Uno studio pubblicato nel 2014 su Society and Animals da Kate Dashper rileva come la relazione atleta umano/atleta equino si discosti notevolmente dalle relazioni osservate nei livelli inferiori di competizione tra gli equestri amatoriali.

I cavalli nello sport equestre d'élite sono atleti cui è associato un valore di mercato elevato e, sebbene le relazioni tra cavalli e cavalieri richiedano ancora un livello di fiducia e rispetto reciproco, queste relazioni sono spesso anche transazionali, transitorie e strumentali.

Cavalli e cavalieri lavorano insieme nello sport equestre d'élite per produrre risultati competitivi rapidi e di successo, ma lo status dei partner equini e umani non è uguale, sollevando domande sull'etica di tali sport.

L'uso degli animali nello sport solleva preoccupazioni etiche, poiché gli animali non possono dare il consenso informato alla loro partecipazione allo sport umano.

Tuttavia, c'è una contropartita di cui tenere conto, per reggere la competizione, i cavalli sono sottoposti a cure veterinarie di routine, nonché ad alimentazione ricca e curata, intese a preservare il valore del cavallo a lungo, dunque la sua salute.

I cavalieri di questo studio rivelano che la relazione cavallo-cavaliere nello sport equestre d'élite è complessa e può assumere forme diverse. Per questi atleti, i cavalli non si riducono allo stato delle macchine di produzione, come possono essere molte specie di allevamento, né sono eccessivamente umanizzati come molti animali da compagnia. I cavalieri di questo studio rispettano i loro cavalli come atleti e come cavalli, non come surrogati di esseri umani.

Questo studio sullo sport equestre d'élite in Inghilterra rivela lo stato altamente ambiguo dei cavalli sportivi e la complessa, spesso contraddittoria, natura della relazione atleta umano - atleta cavallo al suo interno.

Il ruolo mutevole del cavallo nelle società umane - da uno stato in gran parte funzionale e basato sul lavoro a uno stato più basato sullo sport, il tempo libero e il consumo - ha posto i cavalli moderni sotto nuove e - potenzialmente dannose - esigenze.

Il cavallo è un compagno animale disponibile e cooperativo ma la "pressione per l'eccellenza" nello sport equestre lo può rendere vulnerabile.

Questa pressione continua è in grado di provocare danni fisici e psicologici, attribuendo maggiori responsabilità morali agli esseri umani per salvaguardare il benessere equino. Come indica la discussione nelle sezioni precedenti, questi problemi sono esacerbati dalla crescente comunicazione commerciale e dalle pressioni finanziarie associate allo sport equestre di oggi, che si traducono in un rapido uso e consumo, per via della concorrenza, che spinge gli associati, in virtù delle necessità economiche, a esigere dal cavallo la massima resa in relazioni spesso a breve termine.

Lo studio ha interessato le 3 discipline equestri olimpiche del salto ostacoli, dressage e completo. 

Il valore dei cavalli top nelle competizioni sopra citate è estremamente elevato e richiede che la maggior parte degli equestri per poter concorrere ai livelli superiori faccia affidamento su proprietari di cavalli che non coincidono con la figura del cavaliere/amazzone che porta il cavallo in concorso. Questo studio suggerisce che i proprietari sono sia stimati (per il loro sostegno finanziario), sia oggetto di risentimento (per la loro mancanza di conoscenza) all'interno dello sport equestre d'élite.

La relazione diventa allora un tango che coinvolge cavallo - proprietario - cavaliere ed è complicata dalla presenza di tre attori distinti con 3 livelli diversi di competenza, coinvolgimento fisico ed economico nella situazione.

Pertanto, all'interno dello sport equestre d'élite potrebbe essere necessario andare oltre il pensare alla relazione persona-cavallo come una diade, e invece esplorare le dinamiche della triade persona - cavallo - persona.

La natura dello sport equestre sta diventando sempre più un lavoro, come nell'ippica, differentemente dall'equitazione del secolo scorso.

Le persone più anziane dell'ambiente lamentano i cambiamenti e la natura sempre più commerciale degli sport equestri come una minaccia allo sviluppo di partenariati cavallo-umani considerati da tempo essenziali per l'addestramento classico e la bella equitazione d'altri tempi.

La volontà di cercare di massimizzare l'efficacia della triade proprietario, atleta umano, atleta cavallo, caratterizza lo sport equestre contemporaneo e lo distingue dal passato.

Lo sport equestre attuale è altamente commercializzato e richiede l'apporto di risorse significative (denaro, tempo, energia, fisicità, emozione, ecc.). Visto l'investimento, la "pressione per l'eccellenza" all'interno dello sport equestre d'élite trasforma i cavalli sportivi in ​​merci, che cambiano di mano frequentemente per ingenti somme di denaro. Allo stesso tempo, i cavalli sportivi sono anche esseri senzienti in sé e i talenti, le personalità e le stranezze dei singoli cavalli sono alcuni degli aspetti più stimolanti ed emozionanti dello sport equestre.

Se il cavallo è ciò che attrae per affrontare la carriera equestre, e la relazione è fondamentale per portare al top della disciplina, il tradimento della relazione è dientro l'angolo, poiché basata sull'ambivalenza e il precariato.

Nessuna relazione è per sempre, per quanto affinata negli anni.

Queste pressioni in competizione, che portano a confinare il sentimento, rendono lo sport equestre d'élite un ambiente complesso ed esigente sia per i cavalli sia per gli equestri coinvolti, e rivelano alcune delle peculiarità ed ambiguità tipiche nelle relazioni umani/animali strumentali.

Tools of the trade of part of the family? Horses in competitive equestrian sport
Society and Animals , 2014
Kate Dashper

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?