Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Approfondisci qui...

La laminite è l'infiammazione delle lamine del piede - le strutture dei tessuti molli che fissano la falange terminale del piede del cavallo allo zoccolo. Questa infiammazione, se non fermata per tempo, nei casi più gravi può portare alla torsione completa della falange, allo sfondamento della suola e a una disabilità permanente. Nei cavalli, quando c'è lo sfondamento della suola, spesso corrisponde all'abbattimento dell'animale. Ne discende che la prevenzione è importante.

Sintomi iniziali (acuti)
    Sebbene tutti e quattro i piedi possano essere colpiti, gli arti anteriori sono più frequentemente e gravemente colpiti rispetto agli arti posteriori,
    I cavalli affetti sono riluttanti a muoversi e assumono posizioni instabili in cui spostano il peso sugli arti non colpiti per non sentire dolore,
    I cavalli laminitici spesso si sdraiano,
    Possono essere riluttanti a dare i piedi per la pulizia, perché sentono dolore a doversi appoggiare sugli arti colpiti,
    La parete dello zoccolo e la fascia coronale (il tessuto molle attorno alla parte superiore dello zoccolo) possono essere caldi al tatto,
    Vi è dolore nell'applicazione di quegli strumenti che veterinario e maniscalco utilizzano per testare lo zoccolo.

Sintomi cronici (si manifestano in infiammazioni persistenti nel tempo)
    Ci sono "anelli" laminitici sulla superficie degli zoccoli colpiti che corrispondono a precedenti episodi di laminite,
    La parete dello zoccolo assume una forma differente dallo zoccolo in salute, ad esempio a pantofola con lo zoccolo allungato e deformato,
    Se c'è torsione della falange, c'è un rigonfiamento nella suola corrispondente all'osso ruotato,
    Il cavallo ha un movimento limitato sugli anteriori e tenderà a posizionare più peso sulle zampe posteriori.

Le cause
Nei pony, che sono animali a rischio, la causa è quasi sempre l'eccessiva alimentazione, magari al pascolo, in particolare durante i mesi primaverili dopo la pioggia recente, quando il pascolo è più ricco di zuccheri. Il contenuto di carboidrati solubile aumenta nelle erbe e nei trifogli dopo la poggia. Quando ingerito, questo provoca cambiamenti metabolici che determinano un alterato flusso sanguigno alle lamine del piede. In questo caso si chiama laminite metabolica, che si differenzia da altre condizioni di laminite.

Nei cavalli, la causa può essere l'eccesso di granaglie, carboidrati e zuccheri, dunque sempre l'obesità o un'alimentazione non corretta. La patologia però può derivare anche da cause differenti, come esplicato sotto.
Altre cause includono:
    Eccessivo utilizzo di granaglie,
    Placenta non espulsa nelle cavalle post-parto,
    Condizioni di setticemia che avvelenano il sangue,
    Obesità (un fattore predisponente),
    Zoppia che impedisce il carico in una gamba e porta alla laminite in un altro arto di supporto,
    Traumi derivanti da lavori eccessivi su cavalli non adatti alla tipologia di impiego, trauma da impatto per allenamento continuo su terreni troppo duri, cattiva cura dello zoccolo.

Gruppo di rischio
I pony obesi sono più predisposti alla laminite. Tuttavia, qualsiasi cavallo che soffre di una condizione sopra menzionata può essere colpito da laminite. I cavalli che mostrano segni di precedenti episodi di laminite (ad esempio anelli a zoccolo o piedi a forma di pantofola) sono predisposti a episodi futuri perché hanno meno lamine sane che rimangono per sostenere la falange. La primavera è quando si verificano la maggior parte degli episodi di laminite negli equini al pascolo.

Diagnosi
Se sospetti che il tuo cavallo abbia laminite, cerca immediatamente l'attenzione del veterinario. A seconda della gravità dei segni clinici, il veterinario farà le radiografie (raggi X) dei piedi del cavallo per determinare il grado di rotazione della falange all'interno dello zoccolo. Ciò fornirà al vostro veterinario un punto di riferimento rispetto al quale valutare la risposta al trattamento e le informazioni per il maniscalco per la cura e trattamento dello zoccolo.

Gestione
La chiave per un esito positivo è la diagnosi precoce e l'approccio adeguato, vuoi di alimentazione, vuoi di gestione o di cura del piede. Comprendere e lavorare sulla causa è sempre l'approccio più valido.

I cavalli che hanno sviluppato la laminite a seguito di un eccesso di alimentazione devono essere immediatamente rimossi dalla fonte di cibo che li avvelena. Le fattrici con placenta trattenuta costituiscono un'emergenza medica - il veterinario dovrà rimuovere la placenta rimanente, sciacquare l'utero con soluzione salina e iniziare un trattamento medico appropriato. Allo stesso modo i cavalli con una condizione setticemica hanno bisogno di cure mediche da parte del veterinario per bandire l'infezione.
    Gli antinfiammatori, nelle fasi acute, rispondono a una terapia sistemica. Nella cronicizzazione, in alcuni casi viene predisposto il controllo del dolore per migliorare la qualità di vita dell'equino colpito.

Consultare il proprio veterinario per quanto riguarda il farmaco e la dose raccomandati in base alla causa / gravità / stadio della laminite.
    I cavalli affetti scuderizzati hanno bisogno di una comoda lettiera e soffrono a stare su terreni duri e pietrosi. Nelle prime fasi dovrebbe essere evitato l'esercizio, o lavoro, in quanto potrebbe causare un'ulteriore rotazione dell'osso della falange. 
    La cura degli zoccoli è vitale. Il maniscalco dovrebbe consultare il veterinario su come prendersi cura dello zoccolo e sul taglio più appropriato dell'unghia.
    La gestione alimentare, nelle laminiti metaboliche, è fondamentale. Consultare il veterinario sul regime di alimentazione più appropriato. Molti alimenti promossi come sicuri per i cavalli laminitici non sono appropriati se il cavallo riceve anche altre fonti di mangime ad alto contenuto di carboidrati solubili. Fino a quando non si sarà in grado di consultare un veterinario sull'alimentazione più appropriata, nutrire l'equino solo con fieno non particolarmente ricco (non di leguminose).
    I cavalli hanno bisogno di compagnia. È necessario assicurarsi che i cavalli colpiti dalla patologia, durante il trattamento, siano in grado di interagire con altri cavalli, almeno visivamente.

Prevenzione
    Assicurarsi che l'animale sia alimentato con una razione bilanciata appropriata per tipologia di equino, età e livello di attività. Limitare l'assunzione di zuccheri e carboidrati complessi.
    Limitare l'accesso a pascoli rigogliosi in particolare durante i mesi di primavera dopo le piogge, ancora di più nel caso di cavalli non abituati al pascolo o di pony che sono soggetti predisposti alla laminite metabolica e dovrebbero fare sempre un'alimentazione povera di fruttani (carboidrati solubili).
    Rivolgersi immediatamente al veterinario se si sospetta che la cavalla abbia trattenuto la placenta dopo il parto (12 ore dopo potrebbe essere troppo tardi) o se il cavallo non sta bene e ha i piedi caldi.
    Assicurarsi che l'equino riceva cure regolari per gli zoccoli da un maniscalco professionale, competente, aggiornato sulle patologie del piede.