Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish
Foto da repertorio interno Horse Angels

Se conoscete persone con una patologia degenerativa delle articolazioni (artrite o artrosi), capirete bene che cosa capita a un cavallo che ha una diagnosi di questo tipo. La degenerazione delle articolazioni da usura o da danni da “strappo” non curati bene e per tempo è una patologia dolorosa, degenerativa, che si aggravia con gli anni.

Un giunto è composto di tre parti: la cartilagine, la membrana sinoviale e il fluido sinoviale. La cartilagine ricopre le estremità delle ossa ed è principalmente usata come un ammortizzatore. La cartilagine manca di nervi. Come viene danneggiata o distrutta, l'osso sottostante è esposto. Il dolore è dovuto alla pressione sui nervi del midollo, nonché agli agenti infiammatori trovati nella cartilagine e liquido sinoviale danneggiati. Purtroppo, gli agenti infiammatori tendono a creare ancora più danni, portando ad un circolo vizioso. 

Il trattamento della cartilagine danneggiata è difficile. Questo significa che la degenerazione continuerà a progredire nel tempo. La gestione di una artrite si consegue in due modi: a) minimizzare il dolore; b) massimizzare la salute delle articolazioni. Ci sono variabili fondamentali a seconda di quali giunture sono coinvolte e dell'uso che si fa del cavallo.

Il veterinario può prescrivere una combinazione di protettori comuni (glucosamina, condroitina), di inibitori del dolore (fenilbutazone, firocoxib), e/o iniezioni articolari (corticosteroidi, acido ialuronico). Ma una terapia ben calibrata tiene conto anche il peso del cavallo, degli interventi di mascalcia ai piedi, dell'esercizio fisico che fa il cavallo, e può inserire programmi di riabilitazione appositi magari su base saltuaria, che possono passare anche da manipolazioni, massaggi e stretching. La terapia può variare a seconda del periodo dell'anno, della risposta del cavallo, della tipologia del cavallo, della sua età, del suo impiego, delle risorse economiche disponibili per la cura.

Il cavallo artritico, in ogni caso, va rivalutato su base regolare. 

Aggravanti e sgravianti

Un cavallo che staziona spesso e troppo in posti stretti e umidi può risentire maggiormente di questa patologia una volta instaurata. Va da sé che il cavallo che presenta una patologia di questo tipo, dovrebbe potersi muovere in modo non intensivo ma frequente, possibilmente essere libero di fare dentro e fuori dal box/ricovero da solo, 24 ore al giorno, disponendo di un recinto di sgambamento in proprio o condiviso con altri cavalli. L'esercizio fisico moderato ma quotidiano costituisce un benefit per i cavalli affetti da questa patologia.

Convivere con l'artrite

L'esercizio fisico è parte integrante del trattamento dell'artrite; l'esercizio di per sé non usura le articolazioni. Passeggiare, la monta in piano non intensiva, il lavoro alla corda leggero, possono aiutare a mantenere le ossa forti e le articolazioni agili.

Potenziamento muscolare
Il gonfiore e il dolore alle articolazioni possono indebolire i muscoli, il che è un problema con l'artrite. I muscoli forti contribuiscono ad assorbire gli urti, a sostenere le articolazioni e a proteggere dalle lesioni. Il veterinario e l'istruttore possono aiutare a sviluppare un programma di potenziamento muscolare, se appropriato.

Stretching o allungamento
La flessibilità è necessaria per muoversi confortevolmente durante l'esercizio e le attività quotidiane. Il movimento, oltre a rafforzare la muscolatura, contribuisce a lubrificare le articolazioni e a nutrire la cartilagine. In genere, lo stretching è ben tollerato anche se praticato giornalmente, e rappresenta una forma eccellente di rilassamento muscolare. Esistono corsi ad hoc per imparare a fare stretching al cavallo. 

Camminare
Camminare un'oretta al giorno per brucare l'erba, con il proprio proprietario, è un eccellente esercizio di blando movimento, oltre che un tonico per la testa, indicato a tutti i cavalli, compresi coloro che sono affetti da artrite. Se il proprietario non ha tempo, dovrebbe cercare di dare al cavallo una gestione naturalizzata, dove possa accedere quotidianamente al paddock con altri cavalli. 

Attività per organizzare la terapia adeguata

  • Rivolgersi a veterinario o chiropratico per la preparazione di un programma personalizzato di esercizi

  • Preparare un piano di lavoro da rispettare

  • Stabilire una routine possibilmente giornaliera

  • Iscriversi a un corso di esercizi appropriato (T-touch, yoga horse, trail horse e associati)

  • Trovare il posto adeguato in cui tenere il cavallo (box con paddock annesso oppure recinto con ricovero in compagnia di altri equidi o limitrofo ad altri equidi stabulati nello stesso modo)  

  • Verificare quotidianamente la manutenzione del fondo del box e paddock per massimizzare l'igiene e la salubrità

Valutare i progressi compiuti o i peggioramenti

Se si nota un aumento del gonfiore, una riduzione della mobilità, un affaticamento insolito o persistente o un dolore continuo all'articolazione, è possibile che il cavallo sia sottoposto ad un regime di esercizio eccessivo. Un'eccessiva immobilità, eccesso di contenimento in box, potrebbe avere gli stessi effetti.  

Sport da evitare

Qualsiasi disciplina ad alto impatto: corsa, salto, endurance, ad esempio. 

Fondi da preferire

Asciutti in tutto o in parte, piani, morbidi.

Controllo del peso

Mantenere il peso corporeo attorno ad un valore ottimale può contribuire a preservare la salute delle articolazioni. Il sovrappeso implica un maggiore stress sulle articolazioni che sostengono il corpo, questo potrebbe peggiorare i sintomi artritici e comportare rigidità e dolore. 

Trattamenti termici

Caldo

Freddo

Da utilizzare prima delle attività

Da utilizzare dopo l'esercizio

Aumenta la circolazione locale

Riduce la circolazione locale

Migliora il movimento

Riduce il sanguinamento

Riduce il dolore alle articolazioni

Diminuisce la sensazione di dolore

Aiuta a rilassarsi

Riduce l'infiammazione

Integratori comuni per l'artrite del cavallo

A causa della grande varietà di integratori comuni sul mercato, questa discussione sarà limitata ai vari ingredienti comunemente utilizzati nei prodotti sul mercato, senza rilevarne la marca. Lo scopo degli integratori comuni è quello di fornire le basi per un migliore funzionamento della cartilagine e liquido sinoviale e per ridurre l'infiammazione e la degradazione della cartilagine. La maggior parte dei supplementi orali combinano la glucosamina, il condroitin solfato (CS), il metilsulfonilmetano (MSM) e i minerali, o combinazioni di sintesi. 

La glucosamina è una sostanza chimica che si trova in natura e nell’organismo umano sotto forma di liquido che circonda le articolazioni. Si trova però anche in altri luoghi: ad esempio il solfato di glucosamina usato negli integratori alimentari può essere raccolto dal guscio dei crostacei, oppure può essere sintetizzato in laboratorio. Viene integrato nell'organismo allo scopo di stimolare la costruzione di cartilagine e di inibire l'infiammazione. La glucosamina è bene assorbita dal cavallo e viene accettata come approccio terapeutico valido per la gestione della malattia articolare degenerativa in questi animali, oppure come alternativa alle terapie iniettabili che presentano costi decisamente più elevati.

Il coindrotin solfato inibisce l'infiammazione e la distruzione dei tessuti. Tuttavia, l'assorbimento di CS è inferiore al 15% nel caso di persone e cani, per i quali ci sono studi in merito. La capacità di assorbimento nell'organismo dei cavalli non è stata studiata.

Il metilsulfonilmetano - MSM - è una fonte di zolfo biodisponibile e si crede possa avere effetti anti-infiammatori, per questo è uno degli integratori più utilizzati sul mercato al momento attuale. 

I minerali sono importanti costituenti di enzimi per la sintesi della cartilagine. Essi sono inclusi in molti integratori alimentari comuni (prodotti non regolamentati) che promettono di far fronte alle carenze date da alimentazione non adeguata. Tra questi, per il ruolo fondamentale che hanno nella biosintesi del collagene della glucosamina, vanno citati lo zolfo, il manganese, lo zinco e il rame. 

A causa della grande variabilità nella quantità di principio attivo disponibile nei minerali, la loro capacità di assorbimento attraverso la somministrazione orale è a volte sconosciuta. Quando si utilizzano gli integratori comuni, è importante consultare il proprio veterinario e fare affidamento su marchi di fiducia e ben collaudati.

www.horse-angels.it

 

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Grazie per l'adesione|

Dona online

Considera di sostenerci!

Offerta libera:
 EUR

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?

CONCORSO LETTERARIO ED. 2019

Partecipa al concorso letterario annuale