Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels

Codice da inserire:

92169370928

Motore di ricerca interno

Cavalli e capacità di tiro

Un cavallo è capace di sforzi di trazione momentanei di ragguardevole entità, ma tali sforzi non servono che al primo distacco della vettura. Nella marce continuate lo sforzo di trazione è notevolmente inferiore a quello di primo distacco, perché si deve tener conto della fatica del cavallo, della durata e della velocità della marcia. Un cavallo robusto può trainare con la carrozza un carico uguale fino a 5 volte il suo peso, ma sarebbe schiacciato se invece dovesse portare sul dorso il peso di se stesso.

Nelle variabili però incide anche l’andatura e il tipo di percorso. Ovvero, un conto se deve andare al passo, altro se deve percorrere il tragitto ad una velocità maggiore. Un conto se il percorso è in piano e su una carreggiata liscia, altro se ci sono pendenze e la carreggiata non è piana.

Attaccato ad una carrozza, il cavallo di media stazza, può trainare da 350 a 500 chilogrammi oltre il veicolo, e percorrere al trotto da 8 a 12 chilometri all’ora ed anche più per la durata di 5 ore. Sulle strade non piane, il carico va ridotto a seconda delle pendenze medesime. Alternando il passo col trotto il cavallo percorre dagli 8 ai 9 chilometri all’ora. Questi dati non sono assoluti, ma possono naturalmente variare in dipendenza dello stato delle strade, del peso della vettura, e del modo con cui essa è costrutta.

Pesi approssimativi di carrozze che si trovano in circolazione:

Biroccio kg. 120

Calesse ordinario kg. 200

Phaeton senza mantice kg. 280 a 320

Mylord kg. 330 a 420

Brougham kg. 400 a 450

Coupè kg. 480 a 580

Landau kg. 650 a 780

Coach con tutti gli accessori kg. 1200

Tutte le variabili da considerare

Il peso che un cavallo può tirare è difficile da determinare perché dipende da molti elementi, come il peso del cavallo, la superficie, le condizioni meteorologiche, ecc.

Se ignoriamo altri fattori e ci concentriamo solo sul peso, lo stress che esso impone può essere calcolato tramite una percentuale rispetto al peso del cavallo.

Rapporto peso da tirare (carrozza e passeggeri) e peso del cavallo

  • 10-15%: i cavalli possono muoversi normalmente.

  • 15-20%: i cavalli mostrano un'indicazione relativamente scarsa di stress.

  • Oltre il 25%: i cavalli hanno un respiro notevolmente più veloce e battiti cardiaci più alti quando tirano pari al 25% o più del loro peso corporeo, e questi si sono accentuati con carichi del 30%.

Sulla base di questi risultati, per non mettere i cavalli troppo stress, e dunque per la loro tutela, i cavalli non devono essere caricati più del 20% del loro peso corporeo.

I rapporti stabiliti sopra riguardano gli attacchi ad un solo cavallo. Quando i cavalli che tirano sono più di due, le considerazioni da farsi non sono le medesime. Ad esempio, due cavalli affiatati, che lavorano all’unisono, possono tirare quattro volte più il carico di quanto riuscirebbero a fare singolarmente.

Il cavallo trottatore impiegato nelle carrozzelle o botticelle

Il trottatore Indigeno è un cavallo da sella e tiro leggero.
Veloce e scattante, viene impiegato nelle corse al trotto.

A fine carriera, i soggetti alti e robusti, vengono spesso convertiti nel tiro di carrozzelle per turisti.

Caratteri morfologici del tipo utilizzato per le carrozzelle

Tipo: dolicomorfo.
Mantello: più spesso baio, meno morello e baio, raramente grigio e roano.
Altezza al garrese: 170 circa (i trottatori sono in media più bassi, ma per il tiro carrozze vengono utilizzati solo i tipi "alla francese", alti e robusti)
Peso da adulto: dai 5,5 quintali in sù.
Carattere: energico e coraggioso.

Lucier è un cavallo vetturino che vive a Lucca, la cui cocchiera è una giovane donna - Marika Iavarone - molto popolare in città, sulla cui carrozza fanno spesso le visite guidate i vip.

Lucier è talmente benvoluto, che è diventato il cavallo del "quartiere" ed entra nei suoi negozi preferiti, tappa fissa per "donazioni di carote" ed elargizioni di coccole.


 

Alla faccia del maltrattamento!

"Purtroppo ci sono odiatori, fanta animalisti, che incitano all'odio contro i vetturini. Neppure Marika è rimasta immune da periodici attacchi di gruppi organizzati, via social o a mezzo stampa, pronti a sparare a zero senza sapere nulla di cavalli e loro benessere, mossi solo da ideologie oramai vuote di significato. La carrozza poteva essere - fino agli inizi del 900 - un simbolo di "sfruttamento animale". Cioè fino a quando tutti i trasporti erano organizzati a mezzo cavallo, e data anche la condizione delle strade di allora, potevano esserci numerosi incidenti, anche mortali, per persone e per cavalli: incidenti frequenti che oggi ci sono - invece - per il trasporto a mezzo veicoli a motore.

Ci sono animalisti non informati che hanno una visione "obsoleta" del problema, si rifiutano di considerare i dati reali di infortuni a carico di cavalli impiegati per il servizio ippotrainato oggi. Non prendono neppure in considerazione che oggi come oggi, il servizio di posta ippotrainato è uno degli impieghi più sicuri per i cavalli. I cavalli delle carrozze arrivano pacificamente sani all'età della pensione, laddove c'è un regolamento stringente, sono anche gli unici cavalli in Italia sottoposti a visita annuale di idoneità da parte di un veterinario terzo, dunque garanzia di oggettività, e non hanno alcun problema a trovare casa a fine carriera: condizioni tutte invidiabili per molti altri cavalli italiani, il cui destino è purtroppo più precario e incerto.

Sconfiggere ignoranza, pregiudizio, fanta animalismo, richiede educazione. Abbiamo provato con le buone, ma siamo pronti a rispondere anche con le "cattive", quando l'altra parte si rifiuta di considerare i dati scientifici e statistici a disposizione per valutare oggettivamente la condizione dei cavalli impiegati per le carrozze.

Per questo, proprio in questi giorni, Horse Angels sta studiando insieme alla Navel di Angelo Sed, l'Associazione dei Vetturini Romani, la più bersagliata in assoluto dai fanta animalisti, un'azione legale per colpire un'odiatore seriale tra i tanti, e cominciare a contrastare la persecuzione attraverso la legge. Il capo d'accusa che verrà intentato è ingiuria, diffamazione e istigazione all'odio, e speriamo che la procura alla quale sarà indirizzata la querela, ci aiuti a contrastare le forme ingiustificate di eco terrorismo, che minacciano l'esistenza di persone comuni con un lavoro onesto, che amano i proprio animali, per quanto condividano con essi anche il lavoro."

Dott.ssa Roberta Ravello, lrpt Horse Angels ODV

Nel video, Lucier nella sua tappa dall'ortolano di quartiere.

 

Zeus è un cavallo di anni 18, che era stato comperato da un commerciante calabrese per poche centinaia di euro, in quanto cavallo problematico, e che ha svolto servizio di posta ippotrainato a Firenze come "fiaccheraio".

Se non fosse stato riscattato dal fiaccheraio fiorentino che l'ha riabilitato, sarebbe finito al macello.

pffPer la fortuna di Zeus, potrà godere per gli anni della vecchiaia di una bellissima sistemazione, essendo stato adottato proprio oggi da un'attrice di teatro molto amante dei cavalli, Valentina Cidda, performer e musicista, e dal regista, attore e autore Valentino Infuso, compagni di viaggio e di avventure.

I due hanno personalmente construito la nuova casa di Zeus presso il Ranch Ebbro, una villa nell'arretino, dove Zeus avrà a disposizione un ampio paddock da condividere presto con un altro cavallo dei fiaccherai fiorentini a fargli compagnia.

Valentino e Valentina sono impegnati nel tour teatrale PFF, Trisonata per corpo femminile e pianoforte, che vi invitiamo ad andare a vedere.

Claudio, il fiaccheraio fiorentino che ha dato in adozione Zeus, ha bisogno di fare ulteriori investimenti per la tutela e il benessere dei suoi cavalli.

Per questo, rilancia con questo messaggio contro le polemiche sterili di chi vorrebbe far loro chiudere bottega:

"Se non avessi preso io Zeus, forse oggi sarebbe già stato macellato. Non era un cavallo adatto a fare il vetturino per via delle problematiche che si tirava dietro dal suo passato. Ma l'ho tenuto lo stesso e investito nella sua riabilitazione per dargli un futuro.PHOTO 2019 10 21 12 01 06

I cavalli di noi fiaccherai fiorentini riescono a vivere e a lavorare fino a età matura, arrivano all'anzianità sani e non abbiamo alcun problema a offrire loro un degno trattamento pensionistico.

Speriamo che la politica, quella vera, ci tuteli dagli eco terroristi che ci impediscono di lavorare sereni e di pensare positivamente al futuro per fare quegli investimenti che abbisognano per migliorare la nostra attività e dunque la tutela dei cavalli".

A latere, la nuova casa di Zeus. Buona nuova vita cavallone!

Hanno passato tutti l'idoneità annuale i cavalli delle Botticelle romane.

A scanso di equivoci, anche Scipione, dato per morto e sepolto da alcune frange estremiste di "fanta-animalisti".

Noi di Horse Angels abbiamo ricevuto per conoscenza la relazione veterinaria dettagliata con tutti gli allegati direttamente dalla Navel, l'associazione dei vetturini romani.

00000068 PHOTO 2019 10 20 22 22 34"Buonasera,

per opportuna informazione si rende noto che in data odierna, in occasione delle visite periodiche di verifica dell'idoneità dei cavalli da trazione delle c.d. "Botticelle", è stato sottoposto a visita della Commissione Veterinaria il cavallo di nome "Scipione", maschio castrone di anni 8, di proprietà del Vetturino Sig. (omissis) titolare della licenza (omissis), che nella giornata del 17 ottobre scorso aveva subito una caduta durante il servizio.

Alla visita clinica il cavallo è risultato in buono stato di salute generale, e si è riscontrata la presenza di alcune escoriazioni superficiali ...; il cavallo non ha manifestato dolorabilità né edema o gonfiore delle parti. Le andature erano buone, con assenza di alcun segno di zoppia. Al fine di permettere una guarigione completa di tali escoriazioni superficiali, a scopo precauzionale è stato prescritto di tenere a riposo il cavallo per un periodo di 7 gg s.c. a partire da oggi prima di riprendere il servizio attivo. Per completezza si allega la scheda di controllo compilata e vidimata da tutti i membri della Commissione Veterinaria.

Cordiali saluti Dott. Graziano A. Ippedico Medico Veterinario Specialista in Medicina e Chirurgia del Cavallo".


 Tutti idonei anche gli altri cavalli al servizio. La visita di idoneità è annuale.

Gentili proprietari di cavalli,

Lui si chiama Scipione di anni 8 ed è il cavallo che un paio di giorni fa a Via dei Condotti - in pieno centro storico a Roma - è scivolato inciampando su un tombino di ghisa non messo molto bene a terra.

Quando purtroppo un cavallo scivola, la prima cosa che si fa è: staccarlo dalle stanghe della carrozza per farlo rialzare e per questo ci vuole qualche minuto dove, in questo lasso di tempo, il cavallo anche se è a terra non ha grosse sofferenze.

Purtroppo, il tutto attira i passanti, che nel curiosare e nella preoccupazione del vedere un cavallo a terra, si fermano. E' successo che nei passanti ci fosse una signora che non ha perso tempo a fare la ripresa con il suo telefonino e a fare una telecronaca molto carina, mandando bestemmie e parolacce, per non parlare poi dei commenti su FB, con un post visualizzato e condiviso da migliaia di persone dove auguravano le peggiori malattie e calamità ai vetturini.

Poi però è successa una cosa strana per la sventurata, il cavallo si è rialzato diritto in piedi senza mostrare alcuna ferita e, in quel momento, l’individua ha spento il suo cellulare stoppando il video che finisce proprio con il rialzarsi del cavallo.

  • Forse si spettava che il cavallo una volta in piedi ricadesse per divulgare un video diverso?!
  • Forse sperava che il cavallo morisse in diretta per pubblicare la morte dello stesso?!

Purtroppo per lei tutto questo non è successo. Il cavallo, una volta riattaccato alla Botticella, è andato nelle scuderie dove è stato controllato dai piedi alla testa e stava bene, avendo riportato solo qualche escoriazione superficiale dall'accaduto.

E' vero che abbiamo gli occhi addosso di tutti gli animalisti, ambientalisti ed ecologisti, e questo non ci fa lavorare sereni, perché siamo sempre guardati a vista con una minaccia costante che pende sulla nostra esistenza, gettandoci in uno stato di precariato e fragilità, che ci rende difficile investire per migliorare le stalle del Testaccio e guardare con serenità al futuro.

Altre categorie di proprietari di cavalli non hanno questa spada di Damocle perennemente addosso, eppure muoiono anche i loro cavalli per incidenti. E' giusta questa disciminazione così forte nei nostri confronti?

Noi sappiamo quello che dobbiamo fare, c’è un regolamento del comune di Roma che rispettiamo alla lettera.

Dopo l'incidente, qualche disinformato, ha scritto sui social che il cavallo era morto abbattuto per le fratture agli arti che si sono inventati che avesse riportato.

Allora, gli animalisti che utilizzano l'ingiuria per diffamarci devono trovare :

  • Il camion che è venuto a prendere il cavallo
  • Il foglio che attesta che si è fatto uso di inceneritore

Ebbene, ve lo dico io, tutto questo non c’è perché il cavallo è vivo e vegeto: è il cavallo in foto dove vi faccio vedere anche le gambe. Quindi, prima di parlare, cari animalisti ideologici, attivate il cervello e informatevi meglio.

Adesso, ai proprietari di cavalli (o altri animali) dotati di raziocinio, chiedo:

  • Se un operaio cade dal carrello mentre lavora e si fa male, per caso chiude la ditta?!
  • Se un ciclista tampona, gli tolgono la bicicletta?!
  • Se una macchina fa un incidente, viene confiscata?!
  • Se un cavallo scappa da un maneggio e si infortuna, deve chiudere il maneggio?!

Secondo me gli unici in surplus, cui dovrebbe essere abolito il diritto alla parola, sono quegli estremisti che aprono la bocca senza collegarla al cervello.

E per finire, se ieri il cavallo fosse morto, per resuscitare il giorno dopo, mi viene solo da dire: Lazzaro, alzati e cammina.

Angelo Sed, Presidente Navel, Associazione Vetturini Romani

Considera un sostegno alla nostra missione