Traduci

Italian English French Spanish

Il 5xmille a Horse Angels per rovesciare le prospettive. Grazie!

Approfondisci qui...

Uno sforzo eccessivo può uccidere i cavalli da corsa, secondo un nuovo studio dell'Università di Guelph, in Canada.

Il Prof. Peter Physick-Sheard e un team di ricercatori hanno esaminato 1.713 casi di decessi di cavalli da corsa dal 2003 al 2015, e hanno scoperto che le corse di velocità erano un parametro ricorrente in quei decessi.

Lo studio ha avuto echi in tutto il mondo ed è stato ampliamente ripubblicato in quanto a risultati. 

"Lo studio rivela paralleli tra la mortalità e l'intensità di esercizio cui sono sottoposti i cavalli, il loro stile di vita e il tipo di lavoro che fanno", ha detto Physick-Sheard, del Dipartimento di Medicina dell'Università. "Allenarsi e correre alla massima velocità in breve tempo e spazio è un rischio per la salute dei cavalli, come sarebbe per qualsiasi altra specie, compresi gli umani."

La maggior parte delle corse in Nord America comporta uno sforzo intenso su una distanza relativamente breve, ha aggiunto.

Pubblicato di recente nell'Equine Veterinary Journal, lo studio è il primo del suo genere a confrontare la mortalità in tre razze da competizione e rappresenta il set di dati più completo finora disponibile.

Con il supporto dell'Organismo di regolamentazione delle corse dell'Ontario, i ricercatori hanno analizzato i dati di gara e di prova dell'ippica locale. Secondo il regolamento corse canadese, per ogni cavallo che muore relativamente a una competizione, il decesso deve essere segnalato entro 60 giorni all'ufficio di competenza. 

In questo modo, "L'industria si impegna a utilizzare la ricerca scientifica per mitigare i rischi per la salute degli animali, e questa nuova ricerca sicuramente contiene intuizioni che aiuteranno in questo sforzo", ha detto Physick-Sheard.

Lo studio mira espressamente a caratterizzare e quantificare la mortalità associata all'esercizio nei cavalli da corsa e a identificare un possibile impatto differente correlato alla razza impiegata.

Physick-Sheard ha affermato che le differenze di razza forniscono informazioni più approfondite sulle strategie che potrebbero ridurre la mortalità, migliorare il benessere dei cavalli da corsa e ridurre i costi di partecipazione allo sport.

I purosangue hanno il più alto tasso di mortalità associato al rischi, secondo questo studio. Su ogni 1.000 gare, 2.27 decessi sono stati associati all'intensità dell'attività fisica. Circa l'un per cento dei purosangue da corsa muoiono ogni anno in associazione alle corse o agli allenamenti per le corse.

Il tasso di mortalità e il rischio sono risultati più bassi per i trottatori, a 0,28 morti per 1.000 esordi di gara e un tasso di mortalità annuale che è nel range dallo 0,23 allo 0,24%. I trottatori, generalmente parlando, ricevono una preparazione di allenamento più ampia alle corse, ha affermato Physick-Sheard.

La terza razza analizzata dal team di ricercatori è quella dei quarter horse, che in nord America, differentemente che in Italia, sono impiegati anche nelle gare di corsa di velocità, dove si sono registrati 1,49 morti ogni 1.000 gare, con un tasso di mortalità annuale compreso nel range dallo 0,6 allo 0,69 per cento legato allo sforzo intenso della gara. 

Per tutte le razze, il danno muscolo-scheletrico è stata la principale causa di mortalità riscontrata.

In particolare, tutti i cavalli esaminati possono soccombere alla morte improvvisa e agli incidenti legati all'attività agonistica.

"L'industria ha caratteristiche, rivelate da questi dati, che puntano a meccanismi che potrebbero essere utilizzati per ridurre significativamente la mortalità", ha detto Physick-Sheard. "È possibile utilizzare strategie attentamente mirate per ridurre i rischi e aumentare la sicurezza dello sport, cosa a cui l'Ontario e l'industria associata dell'ippica dedica molto tempo ed energia".

Lo studio ha rivelato che il sesso degli animali di razza ha un forte impatto sul rischio di mortalità, con giovani stalloni a più alto rischio rispetto a fattrici o castroni. Tra i cavalli più anziani, i castroni hanno un rischio maggiore rispetto ai maschi.

Gli stalloni purosangue corrono un rischio maggiore rispetto agli stalloni di altre razze.

Le strategie di formazione potrebbero essere modificate per abbassare i rischi e aumentare le statistiche di benessere degli animali con output positivo sulla crescita economica del comparto, ha detto Physick-Sheard.

"È possibile che gli stessi attributi comportamentali tradizionalmente visti come conferenti un vantaggio competitivo possano avere un impatto complessivo negativo" ha aggiunto il ricercatore.

I risultati consentono all'industria di monitorare e valutare i cambiamenti nella gestione e nelle pratiche di gara, ha affermato. I fattori strutturali all'interno dell'industria dei cavalli possono essere affrontati attraverso i cambiamenti delle regole, la conoscenza e l'educazione, ha aggiunto Physick-Sheard. Ma le caratteristiche delle singole razze equine giocano un ruolo significativo nei rischi di mortalità e devono essere prese in considerazione.

"Stiamo iniziando a concentrarci maggiormente sulle correlazioni inerenti alle razze di cavalli, piuttosto che sulla mansione che svolgono" ha detto Physick-Sheard. "Con l'approfondimento di questi fattori, diventiamo più consapevoli delle influenze che sono possibili cause dell'incidenza nella mortalità".

Link originario

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?