Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Le spese veterinarie sostenute per l'acquisto di farmaci e per le cure dei propri animali domestici (legalmente detenuti per scopi leciti) sono detraibili nella dichiarazione dei redditi 2018 (730/2018, Redditi Persone fisiche 2018) entro certi limiti e a certe condizioni. Alcuni chiarimenti sono stati forniti dall'Agenzia delle Entrate con la Circolare 7/E del 4 aprile 2017.

In particolare, danno diritto alla detrazione d'imposta del 19% nel limite massimo di euro 387,34, le spese veterinarie sostenute per la cura di animali legalmente detenuti a scopo di compagnia o per la pratica sportiva. La detrazione spettante viene calcolata sulla parte che eccede l'importo di euro 129,11 (franchigia).

Riassumendo:

  • detrazione al 19%
  • franchigia pari ad euro 129.11
  • limite massimo di detrazione pari ad euro 387,34

Danno luogo alla detrazione del 19% le seguenti spese:

  • le prestazioni professionali rese dal veterinario;
  • l'acquisto di medicinali veterinari prescritti dal veterinario;
  • analisi di laboratorio e interventi presso le cliniche veterinarie.

Sono invece escluse le spese per mangimi speciali e antiparassitari, perché tali prodotti non sono classificati come farmaci veterinari dal Ministero della Salute.

Sono esclusi gli animali, e quindi gli equini, tenuti:

  • nell'esercizio di attività commerciali o agricole
  • destinati alla riproduzione
  • destinati al consumo alimentare

Sul tema, l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la risoluzione n. 24/E del 27 febbraio 2017 specificando che non è necessario conservare la prescrizione medica ai fini della detrazione, essendo sufficiente lo scontrino “parlante.

Documentazione da controllare e conservare per la detrazione delle spese veterinarie 

  • Fatture relative alle prestazioni professionali del medico veterinario
  • Scontrini parlanti per l’acquisto dei medicinali
  • Autocertificazione attestante che l’animale è legalmente detenuto a scopo di compagnia o per la pratica sportiva

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Grazie per l'adesione|

Dona online

Considera di sostenerci!

Offerta libera:
 EUR

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?

CONCORSO LETTERARIO ED. 2019

Partecipa al concorso letterario annuale