Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Attualità>Ponzano Romano, sequestrato allevamento lager di 47 cavalli
Mercoledì, 28 February 2018 17:47

Ponzano Romano, sequestrato allevamento lager di 47 cavalli

Foto stock di cavalli maremmani Foto stock di cavalli maremmani

I Carabinieri Forestali della stazione di Sant'Oreste hanno sequestrato 47 cavalli, gravemente denutriti: alcuni sono morti dopo l'arrivo di Asl e Carabinieri, gli altri sono stati affidati in custodia al Comune di Ponzano Romano.

Per alcuni di loro gli aiuti sono arrivati troppo tardi e sono morti dopo l'arrivo dei salvatori: resta da chiarire il destino dei 47 cavalli rimanenti. Poiché l'allevamento ne dichiarava inoltre un centinaio, gli organi di polizia giudiziaria stanno indagando sull’accaduto, secondo i comunicati ufficiali distribuiti dalle forze dell’ordine che hanno effettuato il sequestro.

Il custode legale dei superstiti, sarebbe l'amministrazione locale di Ponzano Romano, nella veste del suo vice sindaco, amministrazione che provvederebbe ora all'alimentazione e cura degli animali attraverso i servizi di competenza.

Il governo materiale del branco sarebbe invece affidato al proprietario. Sulla vicenda indaga la Procura della Repubblica di Rieti, competente per territorio.

Fonti di approfondimento: http://corrieredirieti.corr.it/news/rieti/371962/cavalli-morti-e-denutriti-nellallevamento-lager.html

http://www.cavallomagazine.it/ponzano-romano-sequestrati-47-cavalli-gravemente-denutriti-1.3750148


Non è la prima volta che nel territorio del Lazio si assiste al fenomeno di allevamento irresponsabile di equini. Succede un pò in tutta Italia, ma il Lazio appare particolarmente fecondo a questo proposito. Ed è questo il secondo sequestro ad allevamento di equidi in Lazio nel mese di febbraio.

Generalmente parlando (sui numerosi casi di allevamento lager) secondo la nostra opinione, la crisi non può essere una scusa. Se c'è crisi e i cavalli non si vendono, si smette anche di farli nascere, si riducono gli allevamenti, si cedono i soggetti con le varie formule possibili a chi se ne possa prendere cura, per evitare di andare incontro a situazioni degenerative.

 

Intanto, a titolo preliminare, essendo stati interessati della questione, poiché iscritti tra il novero delle associazioni riconosciute con decreto ministeriale per l’affidamento di animali provenienti da sequestro o confisca, abbiamo dato la nostra disponibilità al ricollocamento degli equini.

 

Comunque vadano le cose, ringraziamo chi ci ha contattati per dare la sua disponibilità all'eventuale affido o adozione.

Rinnoviamo inoltre la nostra richiesta, ai futuri governo e parlamento, per una legge di tutela degli animali sequestrati per maltrattamento, perché il loro destino ultimo non sia affidato al caso e per disincentivi all'allevamento irresponsabile attraverso congrui controlli e sanzioni, al fine di evitare la genesi di troppi cavalli in esubero.  

A tale proposito, rimandiamo agli articoli abbinati per TAG, disponibili nella finestra a fondo pagina.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|