Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish
You are here:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Attualità>Allevatore di cavalli condannato a 6 mesi di reclusione e 11.000 euro di multa, ecco le motivazioni
Mercoledì, 08 November 2017 07:52

Allevatore di cavalli condannato a 6 mesi di reclusione e 11.000 euro di multa, ecco le motivazioni

Scritto da

21 cavalli da corsa furono sequestrati nel 2013 a Poirino, in provincia di Torino, dopo che diversi soggetti erano morti di stenti. Horse Angels querelò l'allevatore e si attivò per salvare i superstiti, poi affidati in tutta Italia a privati perché fossero riabilitati, amati e giustamente mantenuti.  L'allevatore fu poi reinviato a giudizio per ipotesi di maltrattamento.

Ad Asti, Tribunale di competenza, il Dott. Bosticco, ha rifuggito l'eccezione della difesa per subentrata crisi economica dell'imputato, e dunque negligenza non voluta ma per necessità, sulla stregua dell'insegnamento della Suprema Corte, la quale riconosce che "per le lesioni all'integrità fisica di cui all'art. 544 ter è necessario il verificarsi di una malattia atta a determinare un'alterazione anatomica o funzionale dell'organismo, anche non definitiva (Cass. Sez II 26.3.1010), riconoscendo che la nozione di lesione, sebbene non risulti perfettamente sovrapponibile a quella prevista dall'art 582 c.p., implica comunque la sussistenza di un'apprezzabile diminuzione dell'originaria integrità dell'animale che, pur non risolvendosi in un vero e proprio processo patologico e non determinando una menomazione funzionale, sia comunque diretta conseguenza di una condotta volontaria commissiva od omissiva (Cass. Sez III 27.6.13 n. 32837). Tale condotta, anche a parere del Giudice Bosticco, integra il reato di maltrattamento nell'ipotesi del dolo generico previsto dall'art. 544 ter cp, avente ad oggetto l'imposizione di comportamenti insopportabili per le caratteristiche etologiche dell'animale, attuate non per crudeltà (ipotesi che richiede il dolo specifico), ma senza necessità: il protrarsi nel tempo di tale condotta nei confronti degli stessi animali ai quali non sono stati a lungo neppure somministrati antibiotici e farmaci, costringendo gli animali a vivere in una situazione decisamente di malnutrizione e in alcuni casi addirittura senza acqua.

Per tanto, il Giudice ha pronunciato la sentenza di condanna 1021/2017 nei confronti dell'allevatore e proprietario piemontese di cavalli da corsa a mesi 6 di reclusione ed euro 11.000 di multa. Ha altresì disposto la confisca degli animali in sequestro e sospeso l’imputato per la durata di mesi 6 da attività di trasporto e allevamento animali.

Ha condannato poi l’imputato al risarcimento dei danni non patrimoniali patiti da Horse Angels, oltre interessi dalla data della sentenza, rimettendo poi le parti al Giudice civile per la quantificazione dei danni patrimoniali, oltre alla refusione in favore dello Stato della somma liquidata a titolo di spese legali della parte civile. Infine, ha concesso il beneficio della sospensione condizionale della pena, ma subordinato al pagamento della somma statuita a titolo di danni non patrimoniali.

La sentenza, depositata in data 24 luglio 2017, è passata in giudicato.

Horse Angels, insieme agli Avv. Chiara Luciani, titolare della difesa e all'Avv. Lorenza Mel, coadiuvante la difesa, sono soddisfatti del ruolo della giustizia in questo caso di negligenza nella gestione degli animali che ha portato al decesso di diversi individui e alla sofferenza di altri.

Si ringraziano tutte le famiglie affidatarie, il Centro Equino Arcadia, l'Ospedale Veterinario Universitario di Torino, il Dipartimento Universitario di Scienze Agrarie di Milano, il Ministero della Salute Dip. Tutela Animale, i servizi veterinari della ASLTO5 di Chieri, per i contributi in impegno attivo che hanno dato nella fase di sequestro per la riuscita del salvataggio dei cavalli.

Riproduzione consentita citando la fonte

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.