Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Attualità>Rapimento di Unicka e Vampire, sarebbero stati all'Ippodromo di Agnano per del tempo
Giovedì, 11 Ottobre 2018 09:46

Rapimento di Unicka e Vampire, sarebbero stati all'Ippodromo di Agnano per del tempo

Unicka Unicka

Nel marzo 2017 due cavalli da corsa vennero rapiti: Unicka, star del trotto, e il puledro di tre anni Vampire Dany, erede di Varenne, dalla scuderia Wave dei coniugi Gianluca e Giovanna Lami.

Il processo per tentata estorsione si svolge a PISA, davanti al giudice Maria Grazia Grieco. Due gli imputati, Francesco Scardi, 47 anni, di Canosa di Puglia e Pasquale Esposito jr, 69 anni, driver napoletano, in passato "frustino d’oro", ma successo infangato già da inchieste per sospetti di corse truccate.  I due sono imputati di tentata estorsione: chiesero mezzo milione di euro di riscatto ai proprietari. Il secondo è imputato anche di ricettazione. 

Con il processo in corso, il mistero dei cavalli, mai ritrovati, diventa sempre più un noir all'italiana, che apre spiragli che danno parecchio da pensare in odor di camorra organizzata.

Sullo sfondo, l'omicidio nell'agosto del 2017 di Stefano Tango, 46enne di Cerignola, coinvolto in un’indagine a Bologna su un altro celebre sequestro del trotto, quello dello stallone Daguet Rapide, della scuderia dell'allevatore bolognese del trotto Marco Folli. Tango era amico del "ricettatore" Esposito, almeno questo è quanto sarebbe emerso dalle schede telefoniche dei due.  

Secondo quanto trapela dal processo, Esposito avrebbe detto che i cavalli erano stabulati «Nel posto più sicuro, all’ippodromo di Agnano di cui sono socio».

Nessuna traccia dei cavalli, dove possano essere attualmente. Certo, se sono stati veramente all'ippodromo di Agnano, a Napoli, per del tempo, possibile che nessuno se ne sia accorto? Veterinari, maniscalchi, funzionari? Nessuno avrebbe visto? E' l'ippodromo che ha più corse e più pubblico in Italia, oltre che il grosso del montepremi. Non è una questione da poco se lì sono stati veramente nascosti questi cavalli per del tempo.

Vedremo gli sviluppi di questa storia contorta...

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?