Traduci

Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Lithuanian Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Welsh Yiddish

Ricerca all'interno del sito

Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Taccuino dei cavalli>Attualità>Liguria, 300 bovini bradi abbandonati
Mercoledì, 07 Novembre 2018 19:03

Liguria, 300 bovini bradi abbandonati

L’allarme è di Coldiretti Liguria.

I bovini, oramai bradi, spinti dalla ricerca di cibo, danneggerebbero le coltivazioni nei comuni di Diano Arentino, Diano San Pietro, Villa Faraldi, San Bartolomeo e il Golfo Dianese, entrando nei recinti delle aziende agricole presenti, e compromettendo oltre alle produzioni in campo anche quelle future, danneggiando irreparabilmente le piante.

I capi si sarebbero riprodotti in modo incontrollato, le carcasse dei bovini che muiono di morte naturale inquinerebbero le falde acquifere. 

"Fino ad oggi a quasi nulla sono servite le manovre messe in atto dai Carabinieri Forestali e dalle Autorità competenti e, continuando a ricevere numerose segnalazioni, come Coldiretti Imperia siamo a chiedere che si intervenga per risolvere definitivamente e in tempi brevissimi la situazione. Se ciò non avverrà ci vedremo costretti a chiedere un intervento decisivo alla Procura della Repubblica”, conclude la Coldiretti. 


L'emergenza nazionale

Se a ciò si aggiunge il problema complesso degli allevamenti o abusivi o negligenti che hanno comportato sequestro di equini negli ultimi tempi nel veneziano, ferrarese, genevese, alessandrino e romano, appare chiaro il fenomeno dell'abbandono, maltrattamento, negligenza, che riguarda gli animali da allevamento e da reddito è diffuso.

Le operazioni di salvataggio e di ricollocamento sono assai complesse, costose, e poche le persone nella capacità economica di riassorbire questi animali.

Quello che servirebbe sarebbe un piano nazionale di prevenzione e delle risorse pubbliche, perché gli animali posti sotto sequestro dovrebbero essere mantenuti dallo stato con apposito fondo, stabilito dalla l. 189/04, che invece non appare ancora attivato e se è attivato non fuonziona e non da luogo a una rendicontazione trasparente.

Attualmente, il salvataggio e mantenimento degli animali da allevamento e da reddito ricade interamente sulle associazioni di volontariato e sui privati che se ne vogliono fare carico.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|

Sei arrivato fino a qui, perché non sostenere il network?