Navigatore interno al sito

Ti trovi qui:Torna all'entrata>Raffaella Scelsi

Raffaella Scelsi

26195723 1761654453866991 1782583888117779821 nIstruttrice e Proprietaria presso Maneggio San Paolo - Accademia Equestre

Struttura in cui si insegna Equitazione tramite il metodo Caprilliano e della Scuola Accademica di Leggerezza.

1) La monta senza imboccatura è stata codificata in ambito accademico già alla fine del ‘600

2) La monta senza imboccatura non è nata negli Stati Uniti

3) Il cavallo montato senza imboccatura è più ricettivo e collaborativo

4) Non è vero che il cavallo senza imboccatura non sia “preciso”. La sua precisione di esecuzione è stata dalla sinergia degli aiuti e dalla tecnica

5) Senza imboccatura si può fare qualsiasi tipo di Equitazione, ma occorrono basi, addestramento e un affiatamento incredibile con il cavallo

6) La monta senza imboccatura è più difficile, è più tecnica, occorre di più tempo, ma una volta appresa e metabolizzata offre una base tecnica incredibile

7) La monta senza imboccatura non impegna solo gli aiuti di mano, ma anche di gamba e di assetto

8) La monta senza imboccatura per quanto sembri “semplice” è assai molto più complessa

9) La monta senza imboccatura nasce con la capezza con redini dirette, e non la bitless, che va saputa usare, in quanto avendo l’incrocio delle redini, ha bisogno di una mano leggerissima o non consente la cessione all’incollatura

10) La monta senza imboccatura non è roba dei “naturisti alternativi frikkettoni figli dei fiori”, ma era ed è pratica di spessore tecnico di tutto rispetto

11) “voglio vedere se un cavallo si spaventa come lo fermi senza filetto…!!!!” se un cavallo parte, non è l’imboccatura che lo ferma, ma l’assetto e determinate manovre e si ferma meglio con la capezza con redini dirette, perché agisce in modo tale che non gli da dolore, agisce sul muso e soprattutto un cavallo senza imboccatura ha dietro un addestramento che lo porta ad essere più collaborativo e sereno. Non dare mai la colpa al cavallo se si spaventa e scarta o scappa, ma ai fattori che hanno determinato la reazione e indagare sul proprio bagaglio tecnico e sulla facoltà di saper gestire questo genere di problematiche

12) “…in passeggiata, mi sento più sicura con l’imboccatura, in campo si può pure farne a meno…” luogo comune da sfatare, non cambia nulla, è solo un fattore psicologico

13) “ se…vabbè…voglio vedere come fate a fare un percorso tecnico a un 1,65 senza imboccatura..” c’è chi lo fa, e chi lo ha fatto con ottimi risultati 

14) “Senza imboccatura non c’è addestramento…” veramente è proprio senza imboccatura che c’è addestramento…

15) “senza imboccatura non si può fare Scuola di Leggerezza”…non è vero, è più complesso ma si arriva ai stessi risultati

16) “senza filetto non c’è decontrazione della mascella…” non è il filetto che decontrae la mascella, la mascella si decontrae tramite masticazione a vuoto e ciò succede quando il cavallo si rilassa e senza imboccatura si rilassa meglio. La masticazione del filetto avviene perché il cavallo cerca di accettarlo, da qui la salivazione

17) “Uno stallone senza ferro in bocca non lo tieni…” non è vero, il cavallo maschio intero non ama la violenza, né la costrizione. Ci sono persone che hanno un dialogo in sella con i cavalli interi senza niente in bocca

18) “Ci vogliono i cavalli adatti…” – assolutamente no, dalla nostra esperienza e con protocolli ben precisi anche il cavallo più nevrastenico pazzo con la bocca rotta dal peggior morso, se rilavorato in modo corretto e con i giusti tempi, diventa molto ricettivo e gestibile. Una piccola parentesi, il cavallo “ingestibile” può essere anche il cavallo “nevrile” che già il cavallo lo è di natura in alcuni casi più o meno marcatamente, ma se un cavallo è nevrile, e vive in un ambiente caotico, gestito in modo caotico, è normale che a diventare schizofrenico ci mette poco. La gestione del cavallo parte dall’ambiente di vita, da chi si rapporta con lui, e dalla compagnia dei suoi con specifici. Ho visto troppi cavalli “nevrili” a causa della gente che non sa gestire i cavalli o peggio ha modalità comportamentali non consone alla natura di un cavallo. Poi c’è un dato storico, la cavalleria numida, montava tutta senza finimenti…ed erano cavalli berberi, parenti stretti del cavallo arabo

19) “..si vabbè…ma i grandi campioni non montano senza imboccatura…” - vero, ma il mondo dell’agonismo a poco a poco si sta aprendo a questa pratica, ma la diffidenza nasce dal fatto che è più facile portare un cavallo con doppia imboccatura, avendo usato le redini di ritorno o la rollkur e vedere un cavaliere che sa ottenere i stessi risultati senza nulla. Da dire poi che se si incominciasse a capire e a ristabilire l’ordine naturale delle cose, ossia della formazione come è sempre stata, la gente che adesso schiaffa i ragazzini in sella con tutto lo strumentario di tortura si troverebbe in serissima difficoltà se dovesse essere messa in grado di insegnare le basi senza imboccatura, da qui il violento ostracismo e la chiusura mentale, perché non cambi il tutto per non mettere in crisi chi adesso, non sa fare e non sa insegnare

20) “…senza imboccatura non arrivi ad avere i risultati che invece si avrebbero usando l’imboccatura…” non è vero, ci vuole solo molta più tecnica e più tempo, perché si agisce in punti diversi dalla bocca

21) “come fai ad avere il contatto?????” - si ha allo stesso modo come se si montasse con il filetto, è un fatto di sensibilità e di tecnica…

22) “si è sempre fatto così, adesso tu vuoi sconvolgere l’equitazione???” – no, non si è sempre fatto così, anzi adesso si vedono le peggio derive, bambini di 6 – 7 anni che martorizzano i pony, ragazzine senza tecnica (e lo abbiamo visto nella nostra struttura) che montano solo ed esclusiva mente per moda con il pelham-le ciappe-chiudibocca e martingala e senza non sono state capace di fare neanche un giro di pista a mano sinistra.

23) “io senza imboccatura non mi sento sicura…” – se tu deleghi a un pezzo di ferro la tua sicurezza, vuol dire che non sai montare e peggio non conosci il tuo cavallo…

24) “te vorrei vedè con un cavallo sdomo….” – per addestrare un cavallo alla monta senza imboccatura ci vogliono i mesi, non 5 minuti, a differenza di chi sbatte su un puledro una sellaccia da lavoro con un sottosella fradicio di sudore, un filetto a tortiglione, martingala fissa e fa girare il cavallo in un tondinaccio scalcagnato per 40 minuti al galoppo sempre allo stesso lato

25) “…roba da femmine…” – e no..i più grandi cavalieri sanno montare senza imboccatura, i faciloni praticoni hanno bisogno del morso per far vedere che loro “dominano” il cavallo…

..i consigli degli “esperti”
(per farsi due risate…)

La conduzione di un Maneggio è un management tra i più difficili, secondo mio parere, in quanto bisogna organizzare le strutture, il lavoro, gli animali, rendere il tutto sinergico e dinamico, creare un marchio, una immagine, basarsi su una buona didattica.
Prima di aprire la mia struttura e immediatamente dopo, ho ricevuto molti “consigli” da “colleghi” e non, che si ritengono esperti di equitazione, di cavalli e come si manda avanti una struttura.
Curiosamente, quelli che mi hanno dato questi illuminati consigli, non hanno un maneggio, non sanno montare, non sanno un’acca di Cultura Equestre.
Chiaramente, io non ho seguito neanche uno di questi consigli…
…che poi a leggere questi “consigli” si capisce, come mai l’Equitazione Italiana è morta e putrescente, ma soprattutto si capisce perché abbiamo scelto una strada diversa e facciamo il nostro lavoro in modo “rivoluzionario”…

1)“se tu non hai clienti e non lavori, fai così, cerca lavoro in un maneggio concorrente e ti proponi come istruttore, ti fai i tuoi allievi, poi te ne vai e te li porti via con te” 

2)“I cavalli che hai non sono buoni (detto questo da chi non sa montare n.d.r.), li dai via e ti prendi quattro cavalli vecchi da mattatoio, li rimetti un po’ in sesto, ci fai solo passeggiate e quando arriva l’inverno che non ti va di mantenerli li vendi al macellaio così non hai spese inutili.

3)“ti dai via i cavalli che hai che non sono buoni, ti compri 5 – 6 pony e fai un maneggio solo per bambini, fai un sacco di soldi”

4)“metti da parte la scuola e mettiti a fare solo i giretti ai bambini, vedi quanto guadagni…”

5)“ti dai via i cavalli che hai che non sono buoni, ti prendi uno stallone quarter e cinque fattrici di cui tre già gravide, con due fai scuola e le altre le fai partorire, i puledri te li vendi e te vendi le monte dello stallone che essendo un quarter è molto richiesto”

6)“lascia stare tutte le stronzate che vuoi fare, tanto alla gente non gliene frega niente, fa monta americana e vedrai…”

7)“metti nel campo un paio di barili, mettiti dentro una decina di casse di birre e vedrai…”

8)“ tu te la devi smettere con queste stronzate tipo della selezione del cliente, tu devi fare entrare tutti, soprattutto la feccia perché quella ti porta soldi, se non montano gli vendi la birra e intanto è gente che entra…”

9)“Te compri un cavallo bono, tipo un quarter o un bel appaloosa, lo monti con la sella americana e ci vai in giro e parti ogni anno per la santissima…la gente ti vede e capisce che sei brava”

10)”legati con l’associazione dei “cavalieri” del paesello…”

11)“…tu devi fa come tutti gli altri che stanno qui intorno…la gente va presa per il culo e intanto gli spilli i soldi…

12)“…se te capita e lo capisci che uno con te ci prova, cazzo dagliela…poi vedi come ti si riempie il maneggio…tanto a te che te costa, sei single…ti diverti pure…”

13)“ se dentro al maneggio ce metti a lavorà du romene, vedi te come ce vengono sti ragazzotti…”

14)“la domenica mattina, pigliati la cavalla e vattene all’acqua santa e fai montare i bambini, ti fai conoscere e poi quelli ti vengono giù in maneggio…”

15)“…la monta inglese non serve a niente, fai monta americana e trasforma il maneggio in un ranch…”

16)“per arrotondare, comprati un pony, con quello ci fai giocare i bambini…”

17)“organizzati come stalla di sosta per i cavalli da corsa che devono andare in Sicilia, (quelli impiegati per le corse clandestine n.d.r.) te ne metti dentro una decina per volta e ti becchi le pensioni…”

18)“prendi i cavalli vecchi e malandati, li rimetti in sesto e poi te li rivendi ai polli…”

19)“tu devi fare tutto, fai entrare tutti e tutto e se dentro ce metti dell’altro, ancora meglio”

20)“…e basta con i scrupoli, basta con il senso dell’etica…non portano soldi…”

21)“se te entrano i cavalli per le pensioni, compra la roba più scadente, tipo il mangime che costa di meno, poi i cavalli tuoi li sbatti fuori anche se è inverno che tanto non gli fa niente se stanno sotto l’acqua e ti si liberano sette posti…”

22)“ma che è sta stronzata delle lezioni individuali, ma fa come gli altri, mettici due - tre persone in campo che tanto è lo stesso, la gente è scema, non capisce niente basta che ci sta sopra il cavallo…”

23)“ te devi mette a fa le passeggiate…la gente non sa montà? So cazzi loro…”

24)“ te devi imparà a percepì il cliente solo per quello che è, uno che porta soldi. Mettilo sopra al cavallo, imparagli due stronzate, fallo contento e coglionato, perché la gente va presa per il culo…”

25)“tu la gente la devi fa divertì…”

26)“organizza i trekking…”

27)“ te devi inserì…se tutti montano alla casareccia, pure tu devi montà alla casareccia, se tutti menano al cavallo, lo fai pure tu, sennò stai fuori dal giro…”

28)“…con le tue idee, non ci entrerà mai nessuno da te…devi fare come gli altri…”

29)“tu hai troppi cavalli…vendine qualcuno, tipo quella vecchia per carne, ti entra qualche soldo e hai una bocca in meno…”

30)“diventa un centro per l’ippoterapia…porta un sacco de soldi…”

31)“ritiri a due soldi i cavalli scartati dalle corse, quelli che ritieni giusti li rimetti in sesto e li vendi, ti tieni qualcuno per le passeggiate e quelli che non sono buoni li vendi al macellaio…” 

32)“…ma lascia sta ste stronzate trovati un altro lavoro, va a fare le pulizie o la badante, oggi sono molto ricercate…” 

33) “devi fa come tutti…fai agonismo, devi fa le gare, te devi fa conosce e solo con le gare questo succede…”

…non ho seguito nessuno di questi consigli.

Iscrizione alla newsletter Horse Angels

Vuoi ricevere la carrellata settimanale delle nuove proposte di lettura via email?

Iscriviti!

Grazie per l'adesione|